Weinstein incriminato per stupro e abusi sessuali

Il gran giurì di New York ha formulato le accuse di cui dovrà rispondere l'ex produttore

L'ex produttore hollywoodiano Harvey Weinstein è stato incriminato da un grand giurì di New York per stupro e violenza sessuale. Lo hanno riferito fonti della procura distrettuale.

Il 66enne è stato accusato la scorsa settimana, a circa otto mesi dallo scandalo che ha fatto affondare la sua carriera. Oltre 100 donne hanno accusato pubblicamente Harvey Weinstein di crimini che vanno dalle molestie sessuali allo stupro, risalenti agli ultimi 40 anni. Tra le attrici che hanno dichiarato di essere state aggredite dall'ex produttore ci sono Salma Hayek, Gwyneth Paltrow, Angelina Jolie e Rose McGowan.

Weinstein, che pochi giorni fa ha consegnato il suo passaporto e pagato una cauzione di un milione di dollari, ha sempre negato ogni accusa di rapporti sessuali non consensuali.

Le accuse dalle quali l'ex produttore deve ora difendersi in tribunale arrivano da due donne. Una, Lucia Evens, ha detto di essere stata costretta ad un rapporto con lui dopo essere stata attirata nel suo ufficio di Tribeca per una riunione nel 2004. L'altra donna, che ha preferito rimanere anonima, ha detto di essere stata stuprata in un hotel di Manhattan nel 2013.

"Questa incriminazione porta l'imputato un passo più avanti nel confronto con le sue responsabilità per i crimini di violenza di cui è accusato", ha dichiarato il procuratore distrettuale di Manhattan, Cyrus Vance. "Continuiamo a sollecitare altre vittime e persone con informazioni pertinenti a chiamarci".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 31/05/2018 - 11:11

Un conto sono le molestie, altro conto è lo stupro. Pare strano che un obeso, tra l'altro non più giovanissimo, dalla paciosa faccia del "commenda" sia in grado di compiere performance sessuli degne di un affiliato a qualche gang di latinos. In un paese in cui è rischioso accompagnarsi in ascensore con una donna sconosciuta in assenza di testimoni è lecito anche pensare ad una crisi di "indennizzosi" epidemica.

tonipier

Gio, 31/05/2018 - 11:13

" CHIARAMENTE SONO RAPPORTI CONSENSUALI" No diciamo continuiamo a dirci ca....te, non sono ragazzine sprovvedute, ma false dive allo sbaraglio.

Martinico

Gio, 31/05/2018 - 17:27

Non sarà certamente un santo ma chissà le file che aveva nelle sue stanze e che soddisfazione aver avuto poi un tornaconto artistico. Chissà quante le deluse che non hanno avuto l'accesso.

Rebolledo

Gio, 31/05/2018 - 20:46

e Woody Allen?