Cronaca locale

Agguato ad Acerra: ucciso il boss Vincenzo Mariniello

Vincenzo Mariniello, ritenuto essere il capo dell’omonimo clan, è stato ucciso stamane a colpi di arma da fuoco nei pressi della sua abitazione ad Acerra. Sul caso sono in corso indagini dei carabinieri

Agguato ad Acerra: ucciso il boss Vincenzo Mariniello

Secondo delitto in poche ore nel Napoletano. Questa volta a cadere sotto i colpi dei sicari è il 46enne boss Vincenzo Mariniello, ucciso nei pressi della sua abitazione in via Nenni ad Acerra mentre si trovava a bordo della sua Mercedes.

Secondo le prime informazioni, la vittima era da sola a bordo della vettura nel cortile di casa quando è stata raggiunta dai killer giunti su una moto di grossa cilindrata che gli hanno esploso contro diversi colpi d'arma da fuoco che non gli hanno lasciato scampo. Sul posto sono giunte immediatamente le forze dell'ordine che stanno cercando di ricostruire la dinamica dell'omicidio.

Vincenzo Mariniello, con precedenti di vario tipo tra cui l'associazione camorristica, secondo gli investigatori sarebbe il capo dell'omonimo gruppo criminale.

L’uomo, inoltre, è il figlio del boss Gennaro Mariniello, freddato nel marzo del 2000 mentre era affacciato al balcone di casa. Un omicidio, questo, ordinato dai rivali del clan De Falco e che il fratello della vittima, Antonio, vendicò sei anni dopo uccidendo Ciro De Falco.“Gesù Cristo ti consegna l'assassino di tuo fratello e tu che fai? Non spari?” disse allora l'uomo in una telefonata intercettata dalle forze dell'ordine.

L’omicidio è avvenuto a poche ore di distanza dall'agguato di ieri sera a Mugnano, dove un 63enne, Giovanni Pianese, è stato ucciso in strada. La vittima, venditore ambulante al mercato ittico con piccoli precedenti, è stato avvicinato da un uomo che gli ha esploso contro un colpo di pistola, colpendolo mortalmente alla testa.

Commenti