Scossa di terremoto nel Golfo di Pozzuoli: paura tra i residenti del Napoletano

Nonostante fosse solo di 1.6 di magnitudo della scala Ritcher, siccome l’epicentro era a bassa profondità, il sisma è stato avvertito in diverse zone della provincia di Napoli

Il Golfo di Pozzuoli

Ancora una volta ha tremato la terra nel Napoletano. Alle prime luci dell’alba una scossa di terremoto ha interessato l’area del Golfo di Pozzuoli. Nonostante fosse solo di 1.6 di magnitudo della scala Ritcher, siccome l’epicentro era a bassa profondità, il sisma è stato avvertito in diverse zone della provincia di Napoli, in particolare a Pozzuoli e Bacoli, creando spavento tra i residenti.

La rilevazione è stata registrata dall'Istituto nazionale geofisica e vulcanologia, attraverso il sistema “Medusa”. L’utilizzo di osservatori sottomarini consente anche il monitoraggio geofisico e lo studio della terra solida nelle aree marine costiere, come nel caso delle misure del lento movimento del suolo (fenomeno del bradisismo nell’area vulcanica dei Campi Flegrei), già ampiamente e ben monitorato sulla terraferma.

Infatti, grazie all’infrastruttura marina di ricerca e monitoraggio “Medusa” operativa proprio nel Golfo di Pozzuoli, tali informazioni vengono ora completate con i dati elaborati dalle osservazioni effettuate direttamente sul fondale marino. L’infrastruttura migliora la definizione del pattern deformativo dell’area mediante innovative metodologie di analisi multiparametriche, in congiunzione con lo studio delle componenti verticale e orizzontali di ricevitori Gps installati su boe geodetiche e l’analisi dei dati di sensori di pressione sottomarini ad elevata risoluzione.

L'ultima registrazione tellurica nella zona di Pozzuoli risale allo scorso 24 luglio, quando anche in quel caso la magnitudo era stata minima ma con una profondità molto bassa, tanto che il classico "boato" del terremoto era stato avvertito distintamente dalla popolazione flegrea, abituata a convivere con fenomeni del genere in un'area ad alta incidenza sismica.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.