Ostia in mano ai posteggiatori abusivi, Ciardi: «Più controlli, ma di giorno»

Il delegato comunale per la sicurezza invita i vigili urbani a una maggiore presenza sul territorio durante la stagione estiva

Ostia e parcheggiatori abusivi d'estate un connubio apparentemente indissolubile. Ne è convinto il delegato per la Sicurezza Giorgio Ciardi che insiste su una ricetta semplice ma efficace: più controlli dei vigili urbani nelle ore diurne quando il flusso di auto diventa abnorme. «Sarebbe semplicistico pensare che con l'istituzione delle strisce blu il fenomeno dei parcheggiatori abusivi, e di eventuali suoi collegamenti con la piccola malavita, si possa risolvere - dichiara Ciardi-. Ostia sopporta nella stagione estiva il maggior carico di presenze sia diurne che notturne: per ciò che concerne i fenomeni connessi alla movida, mi sembra che la presenza delle forze dell'ordine e della polizia municipale stia dando risultati positivi». «Bisogna oggi concentrarsi su un più efficace controllo del territorio nelle ore diurne - aggiunge - Diventa pertanto fondamentale la stretta collaborazione di tutte le forze di polizia per sradicare la malapianta del pizzo sui parcheggi, che diventa un fenomeno ancor più grave se fosse confermato il rapporto con piccole gang criminali locali».
Non a caso, nella passata stagione balneare sul Lungomare di Ostia sono stati multati più di 160 parcheggiatori. Per arginare il fenomeno, il XIII municipio ha in mente affidare ai privati ogni spiazzo libero davanti agli stabilimenti. Una rivoluzione che non dovrebbe gravare troppo sulle tasche dei romani, con tariffe da uno a due euro. Vedremo.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti