"Negro di m... vai via": baby gang picchia senegalese in pieno centro

Un senegalese picchiato selvaggiamente in pieno centro. Il giovane è stato circondato da una baby gang composta da una trentina di ragazzini

"Negro di m... vai via". E dalle urla, la baby gang è passata ai fatti. Picchiando selvaggiamente un ragazzo senegalese. La vittima è Kande Boubacar che è stato prima circondato e poi picchiato da un gruppo composto da una trentina di adolescenti in via Cavour, in pieno centro storico, la notte tra sabato e domenica.

A rivelare questo gravissimo episodio, su Facebook, Ignazio Penna: "Nella notte tra sabato e domenica notte intorno all’1,30 due amici di mio figlio che conosco molto bene sono passati da via Cavour e si sono accorti che stava succedendo qualcosa di strano e spiacevole. C’era una grande folla di gente disposta a semicerchio da entrambi i lati della strada mentre al centro della carreggiata un giovane ragazzo senegalese stava venendo selvaggiamente picchiato da una folla di circa trenta adolescenti palermitani".

Nel racconto Penna, spiega che il giovane senegalese ha tentato anche di difendersi con una catena. Ma nessuno dei passanti che hanno assistito alla scena ha provato ad intervenire. Solo due ragazzi, amici del figlio di Penna, si sono "messi in mezzo" al ragazzo vittima dell'aggresione chiamando anche la polizia. A quel punto il gruppo è fuggito in pochissimi secondi. "L’aggressione ha quasi sicuramente una matrice razzista viste le parole che sono state pronunciate quando tutto è iniziato "negxx di merxx" e subito cazzottoni. Il ragazzo mentre raccontava alla polizia quello che era successo aveva attacchi di pianto ripetuti e appariva più traumatizzato dalla motivazione dell’attacco che forse dal dolore fisico stesso. Un ragazzo ha subito un violento pestaggio solo a causa del colore della sua pelle".

Ma per Penna la cosa grave dell'accaduto è stata anche l'indifferenza delle persone presenti: "Una folla di palermitani in giro per la movida del sabato sera non è riuscita a fare di meglio che mettersi da parte e assistere allo spettacolo. Chi si fa i caxxi suoi campa cent’anni si dice a Palermo. Inutile dire che tra campare cento anni così da vermi e rischiare per un buon motivo, la scelta dovrebbe essere facile per chi conserva empatia e dignità umana sufficiente a farci sentire esseri umani".

Sul posto è intervenuta anche un'ambulanza del 118 che ha trasportato il giovane all'ospedale Civico. Qui i medici lo hanno medicato e gli hanno ricucito una ferita dandogli una prognosi di dieci giorni. Sui social, lo stesso ragazzo senegalese ha voluto dire la sua: "Vi ringrazio ancora - scrive sui social - e urlo con voce alta che Palermo è una bellissima città, accogliente, antirazzista. A Palermo ci sono tante belle persone, io mi trovo veramente benissimo qui. Sono pochi quelli strxxxi che non sono neanche usciti da Palermo. Consiglio loro di girare un po' il mondo e vedere come funzionano le cose. Sono veramente animali, troppo chiusi. Essere nero o bianco che senso ha? Non ho più parole, comunque a Palermo ci sono sempre tante belle persone, non siete tutti razzisti, a Palermo i razzisti ci sono, ma sono pochissimi. Palermo è la mia città preferita e ci rimarrò per sempre".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

ginobernard

Lun, 10/02/2020 - 15:18

trenta contro uno ... dei coraggiosi eh ? brutta storia davvero

Reip

Lun, 10/02/2020 - 17:31

Schifosi luridi vigliacchi maledetti... Mi auguro che i responsabili vengano sbattuti in galera! Cosi come mi auguro che di tanto in tanto finscano in galera anche tutti gli africani che delinquono pero’, tra spaccio, stupri, violenze... Del resto c’era da aspettarselo! Sono mesi mesi e mesi che scrivo che la scellerata politica della sinistra sull’ immigrazione clandestina incondizionata e in controllata avrebbe provocato una guerra civile tra poveri! Questo e’ niente! Vedrete cosa succedera’ questa estate!!!

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 10/02/2020 - 18:35

e cascio,cascio che fa???ahh sono picciriddi delle famigghie sue!!

caren

Lun, 10/02/2020 - 18:48

Quelli che hanno pestato questo povero ragazzo, non meritano nessuna pietà per ciò che hanno fatto. Trenta contro uno, bel coraggio, ma poi anche la gente che guardava senza muovere un dito, che schifo di Paese. Abroghiamo i Decreti Sicurezza? Processiamo Salvini?

Ritratto di mailaico

mailaico

Lun, 10/02/2020 - 19:08

Reip questi vermi sono i ragazzi "bene" figli di quei porci che salvino chiama poliziotti.

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Lun, 10/02/2020 - 19:17

"Rimarrò per sempre". Minaccia pure, il tipo.

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Lun, 10/02/2020 - 19:18

"Rimarrò per sempre". Eccolo, il "senso di essere bianchi": essere in grado di costruire una civiltà tanto invidiabile da attirare anche te. E minacci pure.

Scocciato

Lun, 10/02/2020 - 19:37

@Reip, bravo hai centrato il punto della situazione ! Comunque quella zona di PA è nota per la movida e per lo spaccio. Ora, io credo che la signora, a cui lavvenimento è stato riferito, abbia un pochino calcato la mano, mi sembra assurdo parla di trenta persone, avrebbero massacrato il malcapitato. ma tralasciamo. Io mi chiedo perchè (prima di parlare di razzismo) non aspettare le indagini per capire meglio la situazione, ricordate Daisy Osakue colpita da un uovoa un occhio? Tutti quanti (lei compresa gridarono che fù un gesto razzista, poi era stata la bravata di ragazzi figli di esponenti locali del PD, quindi meglio aspettare. altra cosa mi piacerebbe saper la motivazione della lite, sicuro che il giovane sia i animo candido?

Scirocco

Lun, 10/02/2020 - 20:40

E' una cosa grave che in un paese civile non dovrebbe succedere, tuttavia ritengo che il fatto sia stato un po' gonfiato se l'unico segno del pestaggio è quel taglietto sul sopracciglio visibile nella foto. Se veramente fossero state trenta persone contro uno solo il povero ragazzo in questo momento sarebbe sicuramente in ospedale se non al Creatore. Vedremo gli sviluppi di questa brutta storia.

Pippoppip

Lun, 10/02/2020 - 21:03

@quintus sertorius: io non ho capito che cavolo ti ha fatto di male questo ragazzo che è stato menato perchè nero... Vuole rimanere in Italia? Benissimo purché lavori onestamente e si integri... Chi lo ha menato merita semplicemente la galera

Viktor1

Lun, 10/02/2020 - 22:03

Too much is too much...e logico e è l'inizio.

Divoll

Lun, 10/02/2020 - 23:29

Pestaggio non per il colore della pelle, ma perche' l'esasperazione degli adulti si trasforma in insofferenza e odio nei ragazzini. E in futuro sara' solo peggio. Non si mescolano popoli cosi' deiversi impunemente. Oltre tutto, spesso sono gli immigrati che pestano e derubano gli italiani. Bollare il tutto come semplice razzismo significa non capire niente della situazione.

Divoll

Lun, 10/02/2020 - 23:33

@ Pippoppip - Di male (anche per lui) c'e' che si trova dove non dovrebbe trovarsi. I ragazzini hanno fatto male ad aggredirlo, ma ci vuole davvero poco per capire che, piu' avanti si va e piu' casi come questi, di vere e proprie battaglie tra italiani e immigrati, potranno solo aumentare. Troppo facile dare la colpa ai soli ragazzi o alla Lega o ai genitori. Piu' difficile comprendere che la vera colpa e' di quelli che hanno aperto le porte e i porti del nostro Paese senza alcun limite e senza alcuna ragionevolezza.

gianf54

Mar, 11/02/2020 - 06:40

E' molto strano: Orlando definisce Palermo e i Palermitani "molto accoglienti". Questi fatti non dovrebbero, dunque, succedere. La realtà è che i Siciliani ,da sempre, sono stati e sono accoglienti e tolleranti con tutti. Il problema è quando cominci a sentirti infastidito dall'imposizione forzosa dell'accoglienza e, soprattutto, dall'ipocrisia dei politici in merito a certi temi. Cominci a sentire maggiormente la "pressione sociale". La gente si sta scocciando e i giovanissimi interpretano immaturamente quel che vedono e sentono in giro. Questo episodio, comunque, è assolutamente da condannare perchè non è scagliandosi in 30 contro uno che si risolve il problema. E' una faccenda squisitamente politica e ,da chi governa, andrebbe affrontata con meno superficialità.