Piazza Affari chiude in rialzo, Ftse Mib +0,74%. Bene media e Autogrill

Piazza Affari chiude in rialzo sulla scia di Wall Street. Dopo un'apertura in ribasso, gli indici hanno virato in positivo grazie ai positivi dati sul Pil di numerosi Paesi dell' Eurozona, Italia inclusa, e all'annuncio del piano spagnolo di tagli al bilancio. In chiusura, il Ftse Mib è salito dello 0,74% a 21.029 punti, mentre l'All Share ha guadagnato lo 0,84%. Contrastati i bancari: Banco Popolare (+0,73%); Bpm (-0,39%); Intesa San Paolo (+1,6%), Monte dei Paschi (+0,8%); Unicredit (-0,31% dopo la trimestrale e l'annuncio della vendita di Pioneer); Mediolanum (+2,94%) e Mediobanca (-0,08%). In rialzo gli assicurativi con Fonsai (+3,37%) e Unipol (+1,74%). Più contenute le vendite su Generali (+0,38%) che ha presentato la trimestrale. Tra gli energetici, A2A è stata penalizzata dai conti del trimestre (-2,12%); Eni viaggia sulla parità (+0,06%). Salgono Terna (+1,47%) ed Enel (+1,58%) dopo i dati positivi delle trimestrali. In evidenza i cementi con Buzzi (+4,27%), premiata anch'essa dalla trimestrale), e Italcementi (+3,62%). Bene anche Impregilo (+1,83%) e Pirelli (+3,22%). Deboli Fiat (-0,89%) e la controllante Exor (+0,36%). Fastweb e Telecom guadagnano rispettivamente il 2,93% e l'1,33%. Mediaset sale del 2,66% dopo la trimestrale che premia anche Autogrill, miglior titolo del paniere principale (+6,24%). Tra le altre blue chip, in deciso rialzo Rcs (+4,69%)che ha ridotto le perdite nei primi tre mesi del 2010.
Le Borse estere. Chiudono in rialzo le Borse europee, dopo lo scivolone di ieri. A Londra l'indice Ftse 100 sale dello 0,92%. A Francoforte il Dax guadagna il 2,41% e a Parigi il Cac 40 avanza dell'1,1%. Salgono dello 0,73% Atene, dello 0,81% Madrid e del 2,88% Lisbona.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti