Accademia sovranista di Trisulti, Franceschini revoca la concessione

L'Accademia sovranista di Trisulti, a meno di soprese, non verrà istituita a Trisulti. Arriva la revoca del Ministero dei Beni Culturali

Accademia sovranista di Trisulti, Franceschini revoca la concessione

Sarebbe dovuta sorgere all'interno di un'antica Certosa, ma la "casa spirituale del bannonismo", ossia l'Accademia sovranista che stava per essere istituita in Ciociaria, non avrà luogo. A meno che la battaglia non sia ancora finita. Fatto sta che il ministero dei Beni Culturali, quello in cui adesso è incaricato il ministro Dario Franceschini, ha dato seguito a quanto disposto durante il mandato del precedente ministro, Alberto Bonisoli, revocando la concessione al Dignitatis Humanae Istitute, che aveva prevalso per la gestione del monastero mediante un bando pubblico. Trisulti non ospiterà i sovranisti del domani. Quelli che avrebbero dovuto studiare tanto materie politiche quanto quelle bioetiche.

Stando a quanto riportato dalla Agenzia Nova, gli organi deputati a farlo hanno ravvisato come il Dhi "non" disponga delle "condizioni necessarie". La diatriba è in corso da qualche mese. Alcuni movimenti, nel corso di questi mesi, hanno anche manifestato nei pressi della Certosa affinché la decisione presa all'epoca, quella che aveva consentito ai sovranisti di immaginare un "quartier generale dei populisti", venisse rimessa in discussione. Polemiche, quelle alimentate dalla sinistra, derivanti pure dalla prossimità ideologica tra Benjamin Harwell, che già da tempo aveva iniziato a lavorare al progetto, e Steve Bannon, che aveva anche visitato i luoghi in cui si sarebbero tenuti i corsi. Il cardinale Raymond Leo Burke, invece, ha preso le distanze nel corso della passata estate.

Qualche ulteriore elemento viene messo in rilievo sempre dalla fonte sopracitata: il Dhi avrebbe dovuto gestire l'abbazia per circa un ventennio, fornendo in cambio un canone di affitto pari centomila euro annui. Ma le recenti disposizioni ministeriali hanno modificato il corso degli eventi. Si tratta, insomma, di uno "stop", che può far sì che Benjamin Harnwell e Steve Bannon pensino all'individuazione di altri luoghi per la loro "scuola di sovranismo".

In questi mesi, cittadini e realtà della provincia di Frosinone si sono interrogati sulla bontà dell'iniziativa. Per la sinistra, invece, la Certosa di Trisulti è equiparabile a un luogo d'accoglienza, che non deve quindi essere consegnato a chi predica la necessità dei confini geografici e identitari. Noi de ilGiornale.it avevamo anche approfondito il tutto, attraverso questo reportage.