Un battaglione carico di aiuti: da Mosca 9 aerei e 160 medici

Arriva in Lombardia la missione antivirus russa guidata da un generale. Da Cuba sbarca un'équipe di 52 persone

Un battaglione carico di aiuti: da Mosca 9 aerei e 160 medici

Arrivano i russi, in forze, per combattere il virus in Lombardia, la regione più flagellata dal nemico invisibile. Nove aerei cargo Ilyushin, 160 fra medici e specialisti, mezzi e tonnellate di materiale. Una missione anti virus guidata da un generale di corpo d'armata. Il manipolo di medici cinesi arrivati con un solo aereo sparisce di fronte all'operazione russa. «È un aiuto consistente, che serve ai russi anche per studiare il virus e prepararsi a un'eventuale emergenza a casa loro» spiega una fonte militare del Giornale. L'intervento è stato concordato fra il premier Giuseppe Conte e il presidente russo, Vladimir Putin.

Ieri sono partiti dalla base militare di Chkalovsky, vicino a Mosca, i bestioni da trasporto Ilyushin 76, uno ogni ora, per Pratica di Mare alle porte di Roma. Le forze aerospaziali russe hanno mobilitato otto brigate mobili di medici militari, veicoli speciali per la disinfezione e altre attrezzature mediche. I mezzi speciali e gli aerei avevano tutti il simbolo della missione: due cuori con i colori della bandiera della Federazione e dell'Italia e la frase «dalla Russia con amore», che ricorda pure il film di 007. Le foto della Difesa russa mostrano le colonne di mezzi che si imbarcano nel ventre degli aerei cargo seguiti dalle file di medici in mimetica.

I russi stanno portando in Italia 100 ventilatori per le terapie intensive, 200mila mascherine, 1000 tute protettive, tre veicoli per la disinfezione e soprattutto apparecchiature per le analisi della positività al virus. Due macchine che possono processare 100 tamponi in un paio d'ore, un migliaio di tamponi veloci (2 ore) e 100mila tamponi normali. Esercito ed aeronautica militare garantiranno, alloggio, trasporto e carburante per i russi. La spedizione verrà inviata da Pratica di Mare sul fronte lombardo in parte in elicottero e con una colonna terrestre. Il primo impiego dei russi sarà a Sondalo. Il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, ha accolto la spedizione medica militare da Mosca all'arrivo in Italia.

Il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, aveva chiarito i dettagli dell'operazione con il suo omologo russo Serghei Shoigu. Per poi dichiarare: «L'Italia non è sola in questa sfida. Voglio ringraziare la Russia per gli aiuti che sta fornendo al nostro Paese nel superare questa emergenza». Curioso per un paese che fa parte della Nato, ma l'Alleanza atlantica ha fatto ben poco. Anzi il Soc, Centro operativo sud con base a Taranto, ha inviato, come conferma lo stato maggiore della Difesa «tende di varie dimensioni, gruppi elettrogeni, bagni e docce campali» in Lussemburgo su richiesta del piccolo Stato.

L'obiettivo è montare un ospedale da campo, che servirebbe anche in Italia, in un Paese che ha solo 670 contagiati e 8 morti. Forse la Difesa non ha chiesto aiuto alla Nato, ma pure Zio Sam non si è sprecato molto. Ieri, per rincorrere i russi, un solo aereo di trasporto C-130J Super Hercules è partito dalla base americana di Ramstein, in Germania, atterrando ad Aviano. L'ambasciata Usa spiega che «ha trasportato un sistema mobile di stabilizzazione dei pazienti» con 10 posti letto, che può supportare un totale di 40 pazienti per un periodo di 24 ore. In pratica due tende con dotazioni mediche per una settimana, che verranno consegnate alla Difesa. Poca roba rispetto ai russi, che hanno messo in piedi una grossa operazione contro il virus. In Lombardia sono arrivati anche 37 medici e 15 infermieri cubani trasportati da un volo speciale Alitalia da L'Avana a Malpensa. Esperti della lotta ad Ebola verranno impiegati a Crema. E dal 26 marzo atterrerà a Roma un Boeing cargo della nostra compagnia di bandiera proveniente da Shangai per trasportare ad ogni volo 160 metri cubi di forniture medicali comprese 3 milioni di mascherine.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento