Bossi: "Tosi ha da tempo un accordo con Passera"

Il Senatur contro il sindaco di Verona: "È un pirla". Poi svela il patto con Passera

Bossi: "Tosi ha da tempo un accordo con Passera"

"Io sono sempre per la compattezza della Lega. Ho sempre sperato in una soluzione diversa, perchè la speranza è l’ultima a morire". Umberto Bossi non è certo contento dell'espulsione di Flavio Tosi dalla Lega Nord. "Abbiamo tentato - svela in una intervista a Repubblica - ma la verità è che Tosi ha già da tempo l’accordo con Passera per fare un partito. Lo sanno tutti".

"Tosi, Tosi... è un pirlone ad andarsene". Il Senatur predica la compattezza della Lega. Non gli va giù l'addio del sindaco di Verona. Per giorni i vertici del Carroccio ha cercato di ricucire uno strappo inevitabile. Ma Tosi non ha voluto accettare le condizioni imposte dal federale. Non solo si è strenuamente opposto al commissario, ma si è anche rifiutato di sciogliere la sua fonfazione. "Ho sempre sperato in una soluzione diversa - spiega Bossi - perché la speranza è l’ultima a morire". Il tentativo, però, non è andato a buon fine. Perché, dietro allo strappo di Tosi, c'è un disegno ben più inquietante. L'accordo con Corrado Passera per fare un nuovo partito è in essere già da tempo.

Adesso non resta che vedere se Tosi si candiderà contro il governatore uscente. "Gli elettori della Lega - assicura il Senatur - votano Zaia e Tosi non prende voti". Per il presidente federale del Carroccio, il sindaco ribelle è "di estrema destra. Quella veronese. Adesso ha fatto l’accordo con Alfano... io non c’entro mai niente con l’estrema destra. Vengo da una famiglia socialista. Mai avuto tentazioni di destra".

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti