Brexit, Severgnini attacca vecchi, ignoranti e campagnoli

Il giornalista del Corriere: "La Decrepita Alleanza ha vinto. Ha preferito il passato al futuro, i ricordi ai sogni, l’illusione al buon senso"

Brexit, Severgnini attacca vecchi, ignoranti e campagnoli

"La Decrepita Alleanza ha vinto. Ha preferito il passato al futuro, i ricordi ai sogni, l’illusione al buon senso. Ne fanno parte i "little Englanders" di provincia e di campagna; i cittadini meno istruiti, su cui le informazioni scivolano come l’acqua sulle piume dei pellicani di St James’s Park; i nostalgici di ogni età, incapaci di rassegnarsi a un’evidenza". È l'incipit dell'articolo di Beppe Severgnini sul Corriere della sera a commento del risultato del referendum del Regno Unito.

Insomma, il giornalista se la prende con i vecchi, con gli ignoranti, con i campagnoli, colpevoli di aver fatto uscire il paese dal mondo incantato dell'Unione Europea. Nessuna critica su quest'ultima. Anzi, Severgnini scrive: "L’Europa è — era — un grande progetto, anche per il Regno Unito. I giovani inglesi, forse, non hanno saputo convincere le generazioni precedenti. Certamente non sono stati capaci di entusiasmarsi".

Commenti