Camera, Sgarbi si infuria con Mollicone. Ma poi fanno pace

"Capra, ignorante", ha iniziato a urlare il senatore storico dell'arte. "Prenditi un sedativo, sei patetico", la risposta del deputato FdI

Rissa sfiorata tra Federico Mollicone e Vittorio Sgarbi alla Camera, in commissione Cultura durante il dibattito seguito all'audizione del ministro Dario Franceschini. "Capra, ignorante", ha iniziato a urlare il senatore storico dell'arte. "Prenditi un sedativo, sei patetico", la risposta del deputato FdI.

A far scoppiare il caso è stata la concessione in prestito al Louvre dell'Uomo vitruviano di Leonardo. Il capogruppo Fdi aveva espresso la sua contrarietà, ma il critico d'arte invece ha sottolineato l'opportunità dell'iniziativa. Ci sarebbe stato un scambio di insulti e poi anche un contatto fisico, che hanno comportato la sospensione dell'audizione.

Mollicone, comunque, ha sottolineato che lui e Sgarbi si sono già chiariti. "Con Vittorio Sgarbi nessuna lite. Il deputato Sgarbipensava che fossi contrario a Raffaello, semplicemente un malinteso... Ci siamo chiariti. A Sgarbi confermiamo stima e amicizia, e riconosciamo l'indiscussa preparazione sull'arte della nostra Nazione e come divulgatore della bellezza italiana", ha detto.

Il deputato ribadisce poi di essere favorevole alla diplomazia culturale dei prestiti "ma vanno portati avanti -aggiunge - all'insegna della reciprocità e del rispetto". E su Leonardo: "È assurdo, mentre noi prestiamo l'Uomo Vitruviano, opera delicatissima... loro si sono rifiutati di prestarci la Gioconda, per una perizia appunto sulla presunta fragilità dell'opera. Perizia inverosimile, se si pensa ai diversi materiali delle due opere. Per l'anniversario leonardesco, la mostra più importante con la Gioconda e l'Uomo di Vitruvio sarà in Francia e non in Italia, patria natale di Leonardo, dal genio universale ma italiano", chiude.

Ma in serata è arrivata la pace. "Oggi alla Camera - scrive Sgarbi sul suo profilo Facebook - ho avuto un pacato scambio di opinioni con il collega Federico Mollicone. Comunque, ci siamo già riconciliati".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

PassatorCorteseFVG

Mer, 02/10/2019 - 18:02

sgarbi ce lo teniamo come e , almeno e schietto e sincero , non bisogna aver paura di chi ti dice le cose in faccia, bisogna invece diffidare di coloro che fino al giorno prima si insultavano ferocemente, e poi il giorno dopo vanno d"amore e d "accordo. indovivate chi sono? (mi sto divertendo)

Ritratto di dlux

dlux

Mer, 02/10/2019 - 18:13

Fate come vi pare ma ha ragione Mollicone, ragione da vendere. Il concetto di reciprocità va sempre rispettato, a maggior ragione nei confronti della Francia, sempre con la puzzetta sotto il naso, malati di grandeur del tutto a sproposito. E poi, proprio per rimarcare l'italianità di Leonardo, proprio Sgarbi avrebbe dovuto concordare con quanto sostenuto dall'ottimo Mollicone sulla necessità di organizzare IN ITALIA la mostra sul grande genio.

Ritratto di bobirons

bobirons

Mer, 02/10/2019 - 18:33

Appecoramenti di sinistra. Quando l'Italia chiese in prestito la Monna Lisa ci dissero che NO, é fragile, si potrebbe sciupare in viaggio. Perché, altro prodotto leonardesco è garantito indistruttibile ?

Alain#

Mer, 02/10/2019 - 18:46

Ma ancora date voce a questo mediocre critico d'arte per di più pregiudicato?

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 02/10/2019 - 19:20

Io ai Francesi non darei neanche una scopa! Vedo in loro la torbida guerra mossa da Sarkozy a Gheddafi, per varie ragioni, fra cui: 1° La rabbia francese per la crescente presenza Italiana in Libia, scavalcando loro, i Francesi. 2° Il debito personale, in quattrini, che Sarkozy aveva verso Gheddafi e che di conseguenza lui non ha dovuto pagare al creditore libico, troppo amico degli Italiani. Di conseguenza, a causa della conseguente guerra interna sorta fra i despoti locali, che ancora non si é conclusa, la Libia è diventata la base di partenza di centinaia di migliaia di africani, di varia provenienza, che fuggono dall'Africa verso le coste meridionali dell'Europa, cioè verso le coste Italiane. Ciò che non si capisce è cosa c'entrino le navi olandesi e tedesche che si dedicano al salvataggio in mare dei migranti: chi paga?

HARIES

Mer, 02/10/2019 - 19:20

Non ho ancora visto il video, ma sicuramente Sgarbi ha ragione!!! FORZA VITTORIO! Sei Mitico. Tuo doveva essere il ministero alla cultura.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mer, 02/10/2019 - 19:27

Ma si rende conto lo sputacchiatore che è monotono con questi suoi show? Suvvia, aggiorni il suo repertorio... è sempre lo stesso.