"Castrazione chimica anche per i pedofili". La Bongiorno prepara un altro ddl

Salvini e la Bongiorno al lavoro su un provvedimento più organico. Il trattamento sarà volontario e reversibile e servirà a ridurre la libido

Avanti tutta sulla castrazione chimica. "Ci sarà un ddl della Lega in cui saranno inserite una serie di norme". Ad annunciarlo è stata il ministro della Pubblica Amministrazione, Giulia Bongiorno, promettendo "un provvedimento più organico" che avrà "come oggetto anche reati gravissimi come la pedofilia". "Ecco perché un singolo emendamento non era organico", ha spiegato facendo riferimento al Codice rosso, poi ritirato dai leghisti. Una volta pronto il ddl sarà presentato con Matteo Salvini e i parlamentari della Lega che si occupano di giustizia. "Da domani - assicura - saremo al lavoro su questo".

"Se mettiamo a fuoco una serie di problematiche omogenee e cioè pedofilia, violenza sulle donne, recidivi - spiega la Bongiorno - tutto questo può essere un ddl importante della Lega, poi da sottoporre anche ai Cinque Stelle". La castrazione chimica è una proposta che viene dalla Lega, mentre la scelta di ritirare l'emendamento deriva dal fatto che al governo siedono due forze che su molti temi non collimano. "Nel contratto di governo non è prevista - ammette l'esponente del Carroccio - quindi non ci sembrava corretto portare avanti questo tipo di misura mettendo un emendamento in un provvedimento così importante come il Codice rosso".

Per la Bongiorno la castrazione chimica è importante, ma la priorità era portare a casa il Codice rosso "con il sorriso sulle labbra". "So quanto vale", chiosa il ministro leghista che non vuol sentir parlare di "marcia indietro". "È un differimento logico nell'ottica di evitare di 'sporcare' il Codice rosso con un contrasto con i Cinque stelle, soprattutto nell'ottica di un disegno organico che faccia capire a tutti che cos'è la castrazione chimica".

Durante una conversazione con i giornalisti alla Camera, spiega che la castrazione fisica è, in realtà, "un trattamento terapeutico" che potrebbe essere "volontario e reversibile". "Ovviamente il soggetto che si sottopone deve sapere a cosa va incontro", argomenta la titolare della Pubblica Amministrazione spiegando che il trattamento servirà a limitare la libido. Ad oggi viene già applicato in altri Paesi. "Chi pensa che sia qualcosa di preistorico significa che non conosce la legge - continua - è casomai qualcosa all'avanguardia".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di antonio4747

antonio4747

Mer, 03/04/2019 - 13:47

Bongiorno, ma a chi la vuol dare a bere questa fanfaronata, quella legge con questo governo non verrà mai aprovata. Solo spot elettorali

diesonne

Mer, 03/04/2019 - 14:27

DIESONNE BONGIORNO DOVE CATANO I GALL9I NON FA MAI GIORNO;ALGTRI SONO I PROBLEMI;IL LAVORO FRENA I VIZI

Ritratto di MIKI59

MIKI59

Mer, 03/04/2019 - 15:18

Ottimo

Algenor

Mer, 03/04/2019 - 17:26

Devono aumentare drasticamente le pene per violenza sessuale (oggi solo da 6 a 12 anni) invece di interstardirsi con questa stupidaggine della castrazione chimica.

buonaparte

Mer, 03/04/2019 - 17:52

parlare di castrazione fa pensare a qualcosa di violento , di tagli e ecc. ma il controllo degli istinti come sarebbe piu giusto parlare viene praticato in molti stati civili su stessa richiesta degli interessati . se delle persone non riescono a dominare i loro istinti vanno aiutati non ce nulla di male,vorrei ricordare che milioni di ragazzi italiani durante il servizio militare assumevano a loro insaputa del bromuro per tenerli piu tranquilli sotto tutti i punti di vista . quindi di cosa ci scandalizziamo?

ESILIATO

Mer, 03/04/2019 - 18:20

Definitivamente la castrazione chimica deve essere estesa ai pedofili.

Ritratto di mailaico

mailaico

Mer, 03/04/2019 - 18:28

che castrino la bongiorno con la camera a gas:MALEDETTA!

wrights

Mer, 03/04/2019 - 20:10

Sono fermamente contrario che lo Stato possa uccidere, torturare o menomare qualsiasi persona. Vista poi come viene applicata la Legge in Italia, andrebbe a finire che castrerebbero solo gli italiani, anche se non hanno fatto niente.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mer, 03/04/2019 - 20:25

Considero questa della castrazione chimica una boutade ad effetto senza tuttavia alcun vantaggio pratico, anzi... La violenza sessuale, sia contro le donne che contro i bambini, è meno attinente la sfera sessuale di quanto si creda ma è più una "dimostrazione di potere" da parte di individui deboli che si rivalgono su persone indifese. Parlare di castrazione chimica significa concedere loro un'attenuante, come fossero "povere vittime" di pulsioni involontarie e incontrollabili. Mi concedo una battuta da bar e dico che si potrebbe casomai discutere di castrazione fisica! Seriamente parlando auspico pene molto più severe, maggiore informazione e cambio di passo sugli stupratori, da non considerare solo come "delinquenti" ma come luridi vermi meritevoli della pubblica gogna.

Ritratto di Alberto86

Alberto86

Mer, 03/04/2019 - 21:20

Da simpatizzante di Salvini, dico che seguire queste proposte nazifemministe anti-uomo della Bongiorno e company, faranno perdere notevoli consensi. Per le donne pedofile e violentatrici cosa facciamo? La Bongionro "stranamente" non ne parla. E recente la notizia della prof messa incinta da un suo alunno minorenne. Quella donna come sarebbe castrata se la legge passasse?