Il compagno Landini in piazza: ​"Da Renzi solo spot elettorali"

Il leader della Fiom avverte: "Contrasteremo il Jobs act con tutti i mezzi e non escluderemo nessun intervento"

Il compagno Landini in piazza: ​"Da Renzi solo spot elettorali"

"Senza di noi questo Paese non si cambia, si peggiora". Il leader della Fiom, Maurizio Landini, scende in piazza e dal palco della manifestazione tuona contro l'esecutivo di Matteo Renzi. "Stiamo di fronte ad un governo che ha scelto di non confrontarsi con i lavoratori, ma ha scelto come interlocutore Confindustria. Il governo sta proseguendo come i governi precedenti Monti e Letta e anche con un peggioramento rispetto al governo Berlusconi", ha detto il segretario generale della Fiom, Che poi ha rivendicato la propria iniziativa politica spiegando che "la scelta del termine Unions della Fiom vuol dire che dobbiamo tornare alle radici con cui è nato il sindacato. Qualsiasi forma di lavoro a parità di prestazione deve corrispondere parità di diritti. E bisogna arrivare a una legge sulle rappresentanze. I contratti per essere validi devono essere approvati con il voto libero dei lavoratori. Vogliono cancellare per sempre lo statuto dei lavoratori e non solo per i nuovi assunti. La ripresa non si fa senza di noi, contrasteremo il Jobs act con tutti i mezzi e non escluderemo nessun intervento, i diritti dei lavoratori sono stati conquistati con anni di lotta e cancellandoli che paese lasceremo dopo di noi. Le cose che questo Governo sta facendo non sonostate sottoposte al voto di nessun cittadino e oggi, infatti, non si confrontano con il sindacato".

Poi un'altra bacchettata nei confronti del premier: "Non ci fermeremo finché non saranno cancellate le leggi sbagliate sul lavoro. Siamo stanchi di spot elettorali e balle che che ci vengono a raccontare. Bisogna dire la verità per cambiare il paese. A chi sta al Governo che ha visto le fabbriche forse solo in cartolina, dobbiamo raccontarle noi perché sono gli operai che hanno portato avanti questo Paese".

Commenti