Conte si muove con il taxi (ma con tre auto di scorta)

Il premier incaricato Giuseppe Conte è salito al Colle con il taxi e anche oggi si è mosso con l'auto bianca. Ma a seguirlo c'è la scorta

In principio fu la Smart di Matteo Renzi. Poi l'autobus di Roberto Fico. Infine il taxi di Giuseppe Conte. L'auto blu, e la scorta, sono il simbolo della casta che i politici di oggi cercano in tutti i modi di allontanare. E in questi due giorni il premier incaricato, tra la salita al Colle e l'incontro con il governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco, ha dimostrato di essere attento anche a questi particolari.

Il giurista infatti si sta muovendo da un palazzo all'altro con il taxi. A seguirlo, però, c'è sempre la scorta (come è normale quando si tratta di una persona dal ruolo istituzionale). E così sono subito scattate le polemiche. "Conte inizia all'insegna della propaganda più becera e farlocca - attacca Michele Anzaldi, deputato Pd - Va in giro in taxi con al seguito ben tre auto di scorta, pensando quindi di prendere in giro gli italiani quando peraltro più di un romano sa che di solito gira in maserati o in jaguar".

La critica dell'onorevole dem è durissima e va a colpire anche la poca "indipendenza e autonomia" del premier incaricato rispetto ai due soci di maggioranza del governo: Luigi di Maio e Matteo Salvini. "Annuncia risarcimenti ai truffati delle banche - scrive su Facebook Anzaldi - quando i soldi e le leggi per quei risarcimenti, compreso il mandato all'Anac di Cantone per gli arbitrati, sono stati già messi in campo dai governi Renzi e Gentiloni, con 167 milioni di euro già liquidati per i risparmiatori delle 4 banche, 14mila istanze liquidate su 16mila arrivate, come certificano i dati del Mef. Altro che indipendenza e autonomia, con questi primi passi di bassa propaganda il premier incaricato dimostra tutta la sua sudditanza ai diktat di Lega e M5s".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

titina

Ven, 25/05/2018 - 12:50

Il cambiamento. Di che cosa ha paura?

libertatem

Ven, 25/05/2018 - 14:12

Dei tribunali speciali del fascio.

peter46

Ven, 25/05/2018 - 14:15

Cartaldo...non tutto è perduto se se n'è accorto che è 'normale' avere la scorta dietro il taxi;e se ne freghi dei 'detrattori' che arriveranno a rinfacciarglielo.NB:Ma c'era dietro anche il 'furgoncino nero' a scortare la scorta?Quello dove si è 'rinchiuso berlù quando era 'fuori orario' al tempo della sera precedente all'elezione di Mattarella?

libertatem

Ven, 25/05/2018 - 14:23

Della piattaforma "Rousseau" che anticipa la futura piattaforma "Matrix" (fatturazione elettronica per tutti docet, altro che la sbandierata abolizione dello spesometro). Il prossimo passo sarà il microchip sottopelle obbligatorio targato Casaleggio e Associati.