"Rischiamo di chiudere": conti in rosso per il blog di Beppe Grillo

Dal rendiconto dell'ultimo bilancio della società che gestisce il blog del comico genovese emerge una situazione non proprio rosea, tanto che sul tavolo c'è anche l'ipotesi liquidazione

​"Rischiamo di chiudere": conti in rosso per il blog di Beppe Grillo

Piangono le casse della Beppegrillo Srl, la società che gestisce il blog del garante del Movimento 5 stelle, che ha chiuso l'ultimo bilancio (ossia quello relativo al 2020) con un passivo di 12.457 euro. L'Adnkronos ha potuto visionare la relazione al bilancio, in cui viene spiegato che "l'andamento della gestione è stato fortemente influenzato dall'emergenza epidemiologica Covid-19". Questo perché nel periodo di pandemia, il blog di Beppe Grillo ha avuto "una drastica riduzione dei fruitori e clienti richiedenti pubblicità sul web".

Il risultato del 2020 è nettamente inferiore rispetto a quello dell'esercizio precedente, quando il blog di Beppe Grillo aveva fatto registrare un risultato positivo di 65.753 euro. Un calo netto ed evidente, che potrebbe essere solo un primo campanello d'allarme per una situazione che non pare essere destinata a migliorare rapidamente e che potrebbe portare a conseguenze importanti per la società. Infatti, come si legge nella nota integrativa, "a causa della pandemia Covid-19 le imprese commerciali in genere hanno ridotto drasticamente i costi per la pubblicità".

Gli obiettivi che la società si pone sono chiari: "Si conta nel corso del biennio 2021/2022 di stipulare nuovi contratti pubblicitari". Nel caso in cui questo non dovesse avvenire, "tempestivamente", infatti, "la società sarà messa in liquidazione". Un avvertimento deciso che non lascia spazio a troppi dubbi e che spinge la società a porre rimedio entro breve per non dover ricorrere alla liquidazione.

Oltre al passivo dell'ultimo esercizio, come spiega l'Adkronos, la società deve far fronte a una riduzione dei depositi bancari, pressoché dimezzati. Stando al rendiconto, infatti, "le disponibilità liquide comprese nell'attivo circolante passano dai 54.464 euro del precedente esercizio agli attuali 27.436 euro". Anche il patrimonio netto è calato rispetto all'esercizio precedente, passando da 139.001 euro a 126.544 euro.

I debiti, invece, passano da 31.904 euro nell'esercizio 2019 a 12.206 euro. Scendono anche i costi di produzione, che nell'anno prima della pandemia erano di 151.000 euro per passare a 70.384 euro nel 2020. Crollo importante per i "ricavi delle vendite e delle prestazioni" che scendono da 240.538 euro del 2019 a 57.939 euro del 2020.

Il documento riporta anche che "a seguito della crisi epidemiologica Covid-19 iniziata nel corso del 2020 e ancora in atto", dopo la chiusura dell'esercizio "è stata notificata, dal cliente Moby Spa, una richiesta di accordo ai sensi dell'art. 182 bis 1. fall. in data 10/02/2021, per valutare un accordo di rientro per il credito vantato" dalla Beppegrillo Srl "per 73.200 euro".

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti