Diciotti, i grillini preparano l'imboscata: 'Salvini vada a processo'

Di Maio contrario all'immunità. I ribelli M5S: "Nessuno si sottrae alla giustizia". Salvini: "Vediamo se c'è maggioranza..."

Diciotti, i grillini preparano l'imboscata: 'Salvini vada a processo'

La cicatrice torna a sanguinare. Non si è ancora rimarginata la ferita che affligge da tempo il M5S e, di conseguenza, l'intero governo. Una fetta di parlamentari grillini non digerisce l'alleanza con la Lega. Troppo dura la posizione di Salvini sui migranti. Hanno già contestato il decreto Sicurezza. Si sono ribellati di fronte alla chiusura dei porti. E ora che il ministro dell'Interno è nelle mani della Giunta per l'immunità, chiamata a decidere se mandarlo a processo per il caso Diciotti, i mal di pancia tornano a riemergere.

Come spiegato dal Giornale.it, la richiesta a procedere del Tribunale dei ministri diventerà un banco di prova per la maggioranza. La bilancia è in mano al M5S. La giunta si riunirà la prossima settimana e gli atti dei giudici sono arrivati a Palazzo Madama. Mentre la Lega si schiererà compatta al fianco del suo segretario, non è detto che i grillini intendano fare lo stesso.

I dissidenti M5S hanno già iniziato a battere il chiodo. Una fetta del gruppo parlamentare grillino è infatti favorevole al processo contro Salvini. È una questione storica: il Movimento si è sempre schierato contro ogni tipo di immunità parlamentare e quella riservata dalla Costituzione a un ministro non è poi cosa diversa.

Il ministro dell'Interno lo sa. "Ora la parola passa al Senato e ai senatori che dovranno dire sì o no, libero o innocente, a processo o no - ha detto nella diretta Facebook - Sono sicuro del voto dei senatori della Lega. Vedremo come voteranno tutti gli altri senatori, se ci sarà una maggioranza in Senato". Vedremo, appunto.

I dubbi riguardano i grillini "ribelli". Alcuni hanno le idee chiare. "Se è disposto ad accettare le conseguenze delle sue azioni - dice all'Adnkronos Elena Fattori, ribelle M5S - dovrebbe rinunciare all'immunità e accettare il percorso della giustizia come ogni cittadino... Se non rinuncia fa dichiarazioni ipocrite". Sulla stessa linea anche Alberto Airola (" nessuno è mai stato sottratto alla giustizia da un voto") e Paola Nunges: "È un fatto di principio - dice lei - abbiamo sempre valutato che l'autorizzazione a procedere fosse un atto dovuto". Salvini è avvisato.

Nel gruppo dei possibili tiri mancini è iscritto anche Gregorio De Falco, ex M5S e ora al Misto. Dal punto di vista dei numeri, Salvini potrebbe dormire sogni tranquilli. Sembra difficile che Fratelli d'Italia e Forza Italia possano votare per spedire il leghista a processo. I primi hanno 18 senatori, gli azzurri 61. A questi vanno aggiunti i 58 leghisti, per un totale di 137 probabili voti a contro l'autorizzazione a procedere. I favorevoli potrebbero essere nelle fila dei 52 senatori Pd (anche se non tutti) e nel Misto. Nel caso in cui la Giunta presenti all'Aula proposta di diniego alla concessione, per approvarla occorre la maggioranza assoluta degli aventi diritto al voto (quindi 159). Ago della bilancia saranno quindi i 107 senatori a Cinque Stelle.

Più che un problema di numeri, il "caso Diciotti" rischia di diventare una bega politica. Il voto non è segreto e il M5S potrebbe spaccarsi. "Vedremo se c'è una maggioranza", ha già punzecchiato Salvini facendo riferimento (senza nominarli) ai colleghi grillini. Se c'è qualcuno che ora ha un problema, quello è Di Maio. In passato diceva: "L'immunità parlamentare è sempre stata uno scudo per la politica, mai una garanzia. Visto l'abuso che si fa di questo istituto, in Italia è meglio abolirlo del tutto". Come si comporterà adesso?

Commenti