La follia della riforma: le Regioni autonome restano senza senatori

Il ddl manda a Palazzo Madama consiglieri regionali. Ma gli Statuti speciali lo vietano

Usando il linguaggio di oggi, quello proprio degli informatici e dei nativi digitali, si potrebbe dire che «c'è un baco nel sistema». Sì, perché la nuova riforma costituzionale, quella che dovrebbe avere il suo definitivo battesimo con la vittoria dei Sì al referendum del prossimo 4 dicembre, nasconde un «baco», cioè un difetto difficilmente sanabile.

Per andare all'origine di questo «difetto» bisogna scendere in Sicilia e aprire lo Statuto regionale. Dove al comma 7 del terzo articolo si specifica chiaramente che chi viene eletto nell'assemblea regionale non può al contempo ricoprire la carica di parlamentare europeo, di deputato o di senatore della Repubblica.

In buona sostanza questo «difetto» renderebbe la Riforma Boschi monca e la Regione siciliana non rappresentabile a Palazzo Madama. A rilevare questa anomalia sono i Comitati per il No siciliano promossi da Sinistra italiana e Altra Europa con Tsipras. Al loro fianco, inaspettatamente un paladino della Padania leghista come Roberto Calderoli che, con la sua esperienza da ministro per le Riforme nei governi a guida Berlusconi, ha trovato un sacco di paradossi e punti deboli in questa «svolta» costituzionale voluta da Renzi e firmata dalla Boschi.

Intervenendo in Senato Calderoli avanza i suoi dubbi, definendo «pessima» questa riforma che considera «incompatibile con gli statuti delle regioni a statuto speciale che non ammettono compatibilità tra incarichi di consigliere regionale e senatore. «Ricordo che gli statuti delle Regioni speciali - ha aggiunto Calderoli - possono essere modificati solo con una legge costituzionale e solo dopo un'intesa con la Regione stessa». Un'intesa facilmente raggiungibile. Almeno secondo Anna Finocchiaro (Pd), presidente della Commissione affari costituzionali. «Se la riforma costituzionale entrerà in vigore - spiega la Finocchiaro nella sua replica - occorrerà una modifica degli Statuti, che avverrà con legge costituzionale su intesa con le Regioni interessate. A meno che Calderoli non ritenga possibile che ci siano Regioni a statuto speciale che non vogliano mandare i propri rappresentanti a comporre il Senato». «La pezza messa dalla presidente Anna Finocchiaro ai miei rilievi - è la replica del senatore leghista - è peggiore persino del buco e conferma la mia tesi sull'incompatibilità dei consiglieri regionali delle Regioni a statuto speciale di poter assumere anche la carica di senatori. Pertanto, prima che le Regioni a statuto speciale possano eleggere i propri senatori, sarà necessario modificare i loro statuti, attraverso cinque leggi costituzionali, con la necessità dei quattro passaggi parlamentari e il parere di ciascuna Regione».

Una sorta di via crucis legislativa che richiede il suo tempo. «Fino all'approvazione di queste leggi - conclude Calderoli - il Senato non potrà andare a rinnovo, eppure teoricamente lo scioglimento del Senato potrebbe avvenire già dal giorno dopo della riforma costituzionale. E quindi a quel punto sarebbe il caos».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di gzorzi

gzorzi

Ven, 04/11/2016 - 08:15

Basterebbe semplicemente eliminare le regioni autonome, visto che non ha più senso che esistano.

Ritratto di Lestat

Lestat

Ven, 04/11/2016 - 08:25

brividi. Voto No

Ritratto di Antimo56

Antimo56

Ven, 04/11/2016 - 08:58

Questa scoperta fornisce un’ulteriore conferma della bontà della riforma varata da Renzi. Se c’è un baco nella costituzione, questo è proprio rappresentato dalle regioni a statuto speciale, con i loro assurdi privilegi, coniati dopo la guerra per tutelare gli interessi, nell'Italia sconfitta, degli stranieri vincitori. Sarebbe ora che tutte le regioni godessero degli stessi diritti.

Giulio42

Ven, 04/11/2016 - 09:12

Il baco del sistema è che bisogna trovare una poltrona per tutti. La riforma, non porterà nessun risparmio, i risparmi si fanno eliminando le spese non cambiandogli nome.

lilli58

Ven, 04/11/2016 - 09:44

lo si scopre solo ora?

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Ven, 04/11/2016 - 10:37

SE SOLO VI INFORMASTE BENE DI QUESTA STUPIDA RIFORMA, QUI IN AUSTRALIA CI METTIAMO A RIDERE DOPO AVERLA LETTA INOLTRE COME FATE UN REFERENDUM CON QUESITO CHE IL POPOLO MEDIO NON PUO' COMPRENDERE ? QUALE DEMOCRAZIA AVETE ADESSO IN ITALIA ? IL 70% DEI VOTANTI NON CAPISCE COSA STA VOTANDO, ANCORA UNA VOLTA SARANNO I MEDIA E FACEBOOK A CONDIZIONARE E PILOTARE LE FRAGILI MENTI ITALIANE. FORTUNA ESSERE NATO QUI A SYDNEY, MIO NONNO MORIREBBE DI CREPACUORE VEDENDO COME VI SIETE RIDOTTI !!

buri

Ven, 04/11/2016 - 10:39

ma chi ha scritto quall'aborto di riforma senza essere documentato?

Ritratto di the_wanderer

the_wanderer

Ven, 04/11/2016 - 10:42

io darei l'autonomia a tutte le regioni, una bella repubblica federale stile Svizzera, così evitiamo disuguaglianze.

mariolino50

Ven, 04/11/2016 - 10:59

Dragon_Lord Perchè invece gli australiani sono tutti esperti di diritto costituzionale vero, ma sparale più piccine. E siete anche di mente forte.

Ernestinho

Ven, 04/11/2016 - 11:33

Ma è mai possibile che nel 2016 esistano regioni "a statuto speciale"? Con ciò sono ancora più libere di fare i propri "comodi" ancora di più e di peggio delle altre!

unosolo

Ven, 04/11/2016 - 12:44

con il passaggio del SI ricordiamoci che i senatori avranno stipendi rivalutati e alti , nessun importanza ma solo uffici e soldi ,compresi di segreterie , una marea di sprechi che serviranno ai trombati politici del PD , come dire una specie di ospizio d'oro a carico sempre dei contribuenti buoli non del parassitario.

killkoms

Ven, 04/11/2016 - 13:28

per regioni come la sicilia e l'alto adige non sarebbe male!

Libertà75

Ven, 04/11/2016 - 13:35

@gzorzi, basterebbe dare a tutte le regioni l'autonomia ed andare verso un federalismo serio e compiuto e smetterla di pensare che i meridionali sono capaci solo di rubare