Francia, crociata anti Napoleone. "Il simbolo dell'espansionismo"

Revisionismi senza confini. A Rouen il sindaco socialista vuole sostituire la statua con una donna

E se spodestassimo Napoleone? Perché no? Non siamo nel XIX secolo, quando Austria, Russia, Prussia e Gran Bretagna cavalcarono l'obiettivo di cacciarlo dal trono di Francia. Ma nel 2020. Stavolta, a bocce ferme e a due secoli di distanza, Bonaparte non è che una statua. Un pezzo di storia transalpina immortalato nella piazza di Rouen, nel cuore della Normandia. Di cui un sindaco socialista vuol sbarazzarsi.

Al suo posto, vorrebbe «una figura femminile in una posizione di rilievo». La proposta choc fa però sobbalzare gli storici, che si schierano contro l'idea di Nicolas Mayer-Rossignol. Il primo cittadino insiste: «Sarebbe bello se Rouen fosse la prima città in Francia ad accogliere, nella piazza del municipio, una statua o un'opera dedicata a Gisèle Halimi, figura della lotta per i diritti delle donne». Sul podio dell'imperatore, lì da 165 anni, potrebbe dunque comparire l'avvocatessa femminista Halimi (legale di Simone de Beauvoir e Jean-Paul Sartre), morta il 28 luglio scorso a 93 anni. Sarà quest'intellettuale franco-tunisina a prendere il posto d'onore sostituendo la statua equestre eretta nel 1865 da Vital Dubray? «Ovviamente non si tratta di distruggerla», spiega il sindaco. Ma tanto basta per accendere gli animi.

L'opposizione insorge e gli storici anche. Dopo le polemiche sollevate dalla decisione di diversi sindaci di rimuovere statue riferite al passato coloniale della Francia, dopo l'affaire Floyd negli Stati Uniti, tocca all'imperatore a cavallo a essere sottoposto a una sorta di cancel culture. Se per il primo cittadino è «simbolo di espansionismo» che non contraddistingue gli odierni valori della città, per altri è parte di una gloriosa storia.

Da quando la Settima coalizione confabulava per deporre il generale una volta per tutte, di tempo ne è passato. Napoleone torna però d'attualità. E non per essere celebrato, ma come un tempo per essere cacciato: stavolta da una piazza che lo vede ancora a cavallo, leader trionfante. «Possiamo chiamarla distruzione della memoria», tuona Thierry Lentz, direttore della Fondation Napoléon, «un fenomeno di moda». Ricorda che la statua di Bonaparte, realizzata con il bronzo dei cannoni presi dal nemico nella battaglia di Austerlitz, ha infatti un significato nella storia di Rouen: ha contribuito alla locale prosperità. Poi lancia un generale j'accuse: «In una città è l'albero di Natale che non vogliamo più. In un'altra è il Tour de France. Qui è una statua di Napoleone, non per ciò che è, ma per andare nella direzione delle neofemministe o degli antirazzisti». Il sindaco ha chiarito che ci sarà una consultazione pubblica prima di prendere la decisione. Intanto la statua di 7 tonnellate, alta 4,40 metri, sarà restaurata. Napoleone e il suo destriero avevano perfino resistito il 24 giugno, quando gli specialisti della fonderia Coubertin hanno tentato di sollevarlo dal piedistallo per il restauro. Poi il sindaco ha detto che di Bonaparte si poteva anche fare a meno, dandosi alla spasmodica ricerca di un sostituto femminile per il suo «trono».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

dagoleo

Mer, 16/09/2020 - 10:17

giusto. giustissimo. condivido. ed ora restituiteci tutte le opere d'arte depredate da Napolione in Italia durante le sue guerre.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 16/09/2020 - 11:35

C'è da notare che Napoleone essendo nato in Corsica parlava italiano, dunque lo era, prova ne sia che non sentiva affatto alcun timore reverenziale verso il papa, il Bergoglio della situazione, che lo voleva invoronare Imperatore (del mondo). Bensì, gli steappava dalle mani la corona e se la metteva in capo: "Dio me l'ha data. Guai a chi me la tocca".

Cyroxy80

Mer, 16/09/2020 - 11:46

Certo che il benessere stà rincoglionendo le persone.. Senza quel Napoleone che questo sindaco non è d'accordo con il suo espansionismo, la Francia, il paese in cui questo sindaco vive, starebbe peggio della Romania e non sicuro al secondo posto in Europa.. E' come sputare nel piatto dove si mangia, urinare contro vento, spararsi sui piedi.. insomma ci sono mille metafore. E la statua della donna possono sempre metterla, ma non al posto di una già esistente.. che ne mettano 2 in quella piazza..

cgf

Mer, 16/09/2020 - 12:55

Napoleone era cosa? Non oso pensare chi c'era prima di lui, non è un caso fosse chiamato le Roi-Soleil, il Re Sole e ve ne era il motivo. Prima, quasi mille anni prima, un altro re Franco, tale Carlo Magno, passava a fil di spada chiunque non fosse a lui fedele e non si convertisse. La STORIA questa sconosciuta