È il giorno di Melania. "Sono un'immigrata"

La first lady tenta il riscatto dopo il flop del 2016: "Trump sostiene le donne"

È arrivata la notte di Melania Trump, colei che potrebbe rivelarsi la vera arma segreta del presidente americano per conquistare l'elettorato femminile in vista del voto del 3 novembre. La first lady è apparsa dal giardino delle rose della Casa Bianca, che ha appena rinnovato, in uno dei momenti più attesi della convention repubblicana. Lei, infatti, è vista come la figura chiave per raggiungere il cuore delle donne, in particolare dei sobborghi, che secondo gli esperti rappresenterebbero un punto debole per il tyccon.

Già lunedì, nella giornata di apertura della quattro giorni di kermesse del Grand Old Party (in gran parte virtuale per l'emergenza coronavirus), la moglie di Trump era apparsa a un evento commemorativo del suffragio femminile: «Da quando è in carica - ha affermato - mio marito, con questa amministrazione, ha adottato misure storiche per responsabilizzare e sostenere le donne negli Usa e in tutto il mondo». A differenza del resto del clan Trump, però, lei non è entrata nel merito dell'agenda e delle polemiche politiche, ma ha raccontato la storia del suo arrivo da immigrata (legale) negli Stati Uniti.

Il suo discorso, inoltre, è stato un'occasione di riscatto, dopo che alla convention del 2016 fu accusata di aver copiato ampiamente le parole pronunciate da Michelle Obama nel 2008. Questa volta, secondo fonti della Casa Bianca, la moglie del Comandante in Capo ha passato giorni a elaborare e limare il suo intervento. Melania si è cucita addosso l'immagine di una first lady riservata, ma è molto più popolare del marito, e il suo ruolo nella rielezione potrebbe essere particolarmente significativo. In campo per sostenere il tycoon in questi giorni, comunque, non c'è solo la first lady.

Nel corso del consesso sono in programma interventi di tutti i principali componenti della famiglia, a partire dal primogenito del presidente, Donald Jr, da molti considerato l'erede politico insieme alla sorella Ivanka, che ha parlato nella serata inaugurale insieme alla fidanzata Kimberly Guilfoyle. Quello di Don Jr è stato uno degli affondi più duri contro i democratici: «Le politiche da sinistra radicale di Biden fermerebbero la nostra ripresa economica», ha detto, avvertendo i conservatori che i dem avrebbero annullato i guadagni realizzati dalle persone nei quattro anni del padre nello Studio Ovale. Anche Guilfoyle, ex di Fox News, ha puntato il dito contro il ticket dell'Asinello: «Se volete vedere il futuro socialista di Joe Biden e Kamala Harris per il nostro paese date un'occhiata alla California». Proprio quella California oggi guidata dal politico democratico Gavin Newsom, suo ex marito da cui ha divorziato nel 2006.

Avvocato, di origine ispanica, Guilfoyle è stata procuratore legale a San Francisco e Los Angeles, assistente procuratore distrettuale a San Francisco dal 2000 al 2004, e first lady della città durante i primi due anni come sindaco di Newsom. La 51enne, che si occupa anche della parte finanziaria della campagna del Comandante in Capo, ha tenuto un discorso appassionato che ha infiammato la base elettorale di Trump. Ieri, invece, oltre a Melania, sono intervenuti i figli Eric e Tiffany, avuta dalla seconda consorte Marla Maples. Domani ci sarà la nuora Lara, moglie di Eric, e giovedì la figlia Ivanka, che avrà il compito di introdurre il discorso di accettazione della nomination del padre.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Duka

Mer, 26/08/2020 - 10:11

Stupenda Melania vogliamo lei alla presidenza. Se negli STATE fai fiasco vieni in Italia ti aspettiamo a braccia aperte.

Ritratto di pipporm

pipporm

Mer, 26/08/2020 - 10:31

Nonostante rifiuti di dare in pubblico la mano al marito, è ovvio che alla Casa Bianca ci si trova bene

ziobeppe1951

Mer, 26/08/2020 - 12:32

Averne di immigrate così...noi abbiamo la kyenge

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Mer, 26/08/2020 - 13:43

Gli immigrati non sono tutti uguali. Gli Stati Uniti pre-1965 erano europei al 90% e dominavano il mondo. Ora che si stanno trasformando nel Brasile a livello razziale, faranno la fine del Brasile anche a livello sociale ed economico. Povera Melania, una triste vita da donna-oggetto circondata da figure come Trump, Epstein e il girello dei Clinton...

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Mer, 26/08/2020 - 13:43

ziobeppe1951 Mer, 26/08/2020 - 12:32 Averne di immigrate così...noi abbiamo la kyenge Bisogna pur accontentarsi,no?

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Mer, 26/08/2020 - 15:17

Mi sembra strano che un'ispanica che fugge la miseria possa oggi identificarsi con una ex top model, moglie di un presidente, nonostante la stessa si autodefinisca "migrante".

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Mer, 26/08/2020 - 16:03

stamicchia Mer, 26/08/2020 - 15:17 Melania Trump ispanica? La first lady americana risulta essere slovena!

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Mer, 26/08/2020 - 17:04

@giùalnord, è fuori strada. Glielo spiego con parole più semplici. Come potrebbero oggi le donne di origini ispaniche, abitanti negli Stati del Sud, di cui Trump cerca di guadagnare il consenso ed il voto, identificarsi con una ex top model, moglie di un presidente, nonostante la stessa si autodefinisca "migrante" solo perché di origine slovena? Le è più chiara adesso la costruzione della frase? Rilegga la precedente alla luce di questa spiegazione per bambini.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Mer, 26/08/2020 - 18:10

stamicchia Mer, 26/08/2020 - 17:04 Ho letto male,affrettandomi a risponderle,le mie scuse.

ex d.c.

Mer, 26/08/2020 - 19:30

Se gli Americani hanno un minimo di conoscienza politica non occorre l'aiuto della moglie. stravincerà da solo!