I guariti fantasma la chiave di tutto. Ecco come Milano è diventata rossa

I dati trasmessi dalla Regione all'Iss spesso oscuravano l'assenza di sintomi dei pazienti al termine dei 10-21 giorni di isolamento. E il numero degli infetti era sovradimensionato

Ma com'è possibile sbagliare ancora sui numero del Covid dopo mesi in cui anche i più allergici tra noi all'aritmetica non fanno altro che somme, divisioni, percentuali, visto che da pallottolieri e calcolatrici dipende un bel pezzo della nostra vita?

Il caso lombardo è quasi clamoroso: per una settimana la più importante regione italiana, quella che ospita oltre un sesto degli abitanti e quasi un quarto del Pil nazionale ha dovuto subire restrizioni più gravi del necessario in base alle pagelle stabilite dal ministero della Salute sulla base di numeri farlocchi, e non è chiaro per colpa di chi. La regione sostiene di avere fornito a Roma i numeri giusti, per l'Istituto superiore della sanità invece si è dovuto provvedere a un aggiornamento di dati «incompleti» per collocare la Lombardia nella zona arancione (come giusto) invece che in quella rossa. Noi peraltro su queste pagine quasi ogni giorno facevamo notare che in base ai dati da noi elaborati c'era qualcosa che non tornata. Anzi molto.

La Lombardia è finita in castigo per colpa di un indice Rt corrispondente a 1,4, un dato nettamente superiore a quell'1,25 che porta a essere iscritti di diritto in zona rossa, quella di massimo rischio. In quello stesso periodo (la settimana dal 10 al 17 gennaio) nello stesso periodo l'Rt sui ricoveri ospedalieri si assestava allo 0,93, e i nuovi contagi settimanali erano 133,71 ogni 100 mila abitanti (nel frattempo questo indice è sceso ulteriormente fino ai 113,05 di ieri). La soluzione del rebus, per solutori più che abili, sta nel fatto che il numero di casi indicati da Palazzo Lombardia, e sui quali viene calcolato l'Rt, è sovrastimato. A «caricare» questo numero fatidico di contagi fantasma è la diversa lettura del dato dei guariti, ovvero gli infetti che dopo un periodo di isolamento compreso tra i 10 e i 21 giorni possono interrompere l'isolamento senza l'obbligo di esibire un doppio tampone negativo. Nei numeri planati sul tavolo dei tecnici dell'Istituto superiore di sanità da Milano, per molte di queste persone non era stato compilato il campo riguardante il loro stato clinico (se cioè asintomatici, paucisintomatici o con sintomi) e quindi sarebbero rimasti tacitamente tra gli infetti. Fine pena mai.

Il fatto è che per la Regione Lombardia la compilazione di quel campo «non è obbligatorio» e anzi «sarebbe sbagliato forzarlo». Ma qualcuno a Palazzo Lombardia a un certo punto ha deciso che i guariti andavano censiti meglio. E il numero degli infetti è sceso, portando magicamente l'Rt ben sotto l'1, a 0,88.

Il presidente della Lombardia Attilio Fontana ha scaricato ogni responsabilità, spiegando che la regione ha sempre inviato a Roma «dati puntuali, precisi e corretti». L'aggiustamento dei dati per la settimana 4-10 gennaio quella sulla base della quale sono stati decisi i colori delle varie regioni, sarebbe stato solo un «necessario aggiornamento di un campo del tracciato, tracciato che quotidianamente viene inviato all'Istituto superiore di sanità». Azione questa «condivisa con l'Istituto superiore di sanità resasi necessaria a fronte di un'anomalia dell'algoritmo utilizzato dall'Iss per l'estrazione dei dati per il calcolo dell'Rt, segnalata dagli uffici dell'assessorato al Welfare della Regione e condivisa con Roma». Secondo Letizia Moratti, nuova assessora al Welfare, giunta più o meno in corrispondenza della fine dell'anomalia lombarda, «abbiamo inviato la rivalorizzazione di dati richiesta che ci auguriamo porti alla revisione dell'assegnazione di zona rossa». Detto fatto.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 24/01/2021 - 10:06

Sa tanto di vendetta alla Lombardia. proprio i sinistri non la riescono a digerire, tranne che andarsi lì a curare, perchè non si fidano della propria. Due volte ipocriti.

xgerico

Dom, 24/01/2021 - 10:08

E dai su ora sapete cosa regalare al prossimo Natale a Fontana e alla Moratti! Un bel pallottoriele!

cgf

Dom, 24/01/2021 - 10:13

Se le "guide nazionali" fossero state, e fossero tuttora, più precise allo stesso modo in cui viene indicato a che ora il virus colpisce maggiormente, errori di questo tipo non li conosceremmo. Visti i contagi della vicina Emilia, se avessero usato lo stesso "metro" Lombardia sarebbe in compagnia, la Toscana altro che ristoranti pieni a pranzo. Vero che si parla di cose serie come la pandemia, ma in quanto l'interpretazione dei numeri si nota molto che proprio dall'aritmetica si deve ricominciare, come può "compensare" un mezzo pubblico pieno con quelli successivi vuoti? Stiamo parlando di contagi, appunto. Anche qui la chiarezza…

Curro

Dom, 24/01/2021 - 10:18

Qualcuno gioca coi numeri... ma i costi del gioco chi li paga?

GuglielmoCrollalanza

Dom, 24/01/2021 - 10:20

Tranquilli, tutto a posto, normale amministrazione. Inetti al potere da sempre e per sempre. E c'è chi li sostiene. Drammatico e ridicolo allo stesso tempo

GuglielmoCrollalanza

Dom, 24/01/2021 - 10:23

Tranquilli, tutto a posto, normale amministrazione. Inetti al potere da sempre e per sempre, quando non sono criminali. E c'è chi li sostiene: una società malata, spenta, piena di rancore e ignoranza. Drammatico e ridicolo al contempo

Gianca59

Dom, 24/01/2021 - 10:24

Bel articolo che spiega l' errore commesso dalla nostra Lombardia nel non conteggiare correttamente i guariti per decisione burocratica. Una volta capito l' inghippo hanno corretto il tiro pretendendo di non aver sbagliato. Mah ! Comunque sia, a Roma abbiamo delle scartine, ma a Milano non scherziamo con gli approssimativi.

Helter_Skelter

Dom, 24/01/2021 - 10:25

Rivalorizzazione uguale a rettifica. Fontana dimettiti. Ma chi sa quante altre settimane siamo stati in zona rossa per colpa dei leghisti lombardi. Che vergogna.

Gianca59

Dom, 24/01/2021 - 10:29

Domanda che sorge spontanea: ma nelle altre regioni questi guariti ope legis vengono conteggiati o anche le altre regioni sono state ingiustamente allocate in un colore non dovuto ?

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Dom, 24/01/2021 - 10:36

"Il fatto è che per la Regione Lombardia la compilazione di quel campo «non è obbligatorio» e anzi «sarebbe sbagliato forzarlo». Ma qualcuno a Palazzo Lombardia a un certo punto ha deciso che i guariti andavano censiti meglio. E il numero degli infetti è sceso, portando magicamente l'Rt ben sotto l'1, a 0,88". A parte i "ma", i "però" e i tentativi di arrampicarsi sugli specchi alla fine il povero Cuomo non può fare a meno di riportare i fatti, con buona pace di Fontana e di donna Letizia appena giunta per creare ulteriore confusione.

Gattagrigia

Dom, 24/01/2021 - 10:50

D’accordo con Gianca59, anche perché tutto ciò è successo solo con la Lombardia, a quanto pare per le altre regioni è filato tutto liscio. La richiesta di sospensione di 48 ore fatta dal Pirellone sa tanto di essere stati a conoscenza dell’errore e quindi di anticipare una decisione che sarebbe giunta immediatamente dopo aver dato la rettifica dei dati, non per merito del ricorso al TAR.

Helter_Skelter

Dom, 24/01/2021 - 10:50

@Leonida55: ma quale vendetta ? Ma se anche il Giornale scrive che nasce tutto dagli errori nel conteggio fatti dalla regione. Vuoi accusare il Giornale di essere di sinistra ?

cgf

Dom, 24/01/2021 - 11:01

@xgerico Dom, 24/01/2021 - 10:08 Guardi che i dati vengono elaborati aRRoma. È stato attento a troppe cose e come sempre la confusione è tanta. Stia attento ad una cosa alla volta.

Helter_Skelter

Dom, 24/01/2021 - 11:07

Il fatto stesso che questo articolo non sia più in evidenza sul sito del Giornale dimostra che a destra è meglio parlare di altro. Anche Salvini tace. Fontana sempre più solo.

Gianca59

Dom, 24/01/2021 - 11:23

@Gattagrigia: e io sono d' accordo con lei: perchè chiedere sospensioni di giudizio se non per aver preso coscienza di aver trasmesso dati errati ? Ma dire ho sbagliato non è da tutti. Comunque staremo a vedere come evolverà nei prossimi gg: la cosa peggiore sarebbe scoprire che in Lombardia siamo stati ingiustamente penalizzati a causa di dati erroneamente conteggiati.

CarloLinneo

Dom, 24/01/2021 - 15:23

Sala a Fontana: "Meno chiacchere, mostra i dati". Mi sa che i leghisti con i conti non hanno molta dimestichezza. Hanno contato 0 invece che 49 (mio.).

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 24/01/2021 - 17:18

Parlare di Milano significa parlare della Lombardia, il centro economico dell’Italia. Massima fiducia in Attilio Fontana, una delle persone per bene più attaccate dalla sinistra, non solo per invidia.