I sindacati scrivono ai parlamentari: "Contro il ddl scuola in piazza con noi"

Domani un'assemblea pubblica. Partecipano deputati e senatori di Sel: "Testo autoritario"

I sindacati scrivono ai parlamentari: "Contro il ddl scuola in piazza con noi"

Contro il ddl sulla scuola che approda domani alla Camera i sindacati ritrovano l'unione e si preparano a scendere di nuovo in piazza, ma stavolta chiedono un dialogo anchanche ai parlamentari.

Cgil, Cisl e Uil si sono dati appuntamento in piazza del Pantheon a Roma per domani alle 16,30. "Gentili deputati e senatori - si legge nella mail inviata - le organizzazioni sindacali Flc Cgil, Cisl scuola, Uil scuola, Snals Confsal e Gilda Unams di Roma e del Lazio hanno promosso un'assemblea pubblica dal titolo "il mondo della scuola incontra i parlamentari di Camera e Senato" che si terrà il giorno 15 maggio con inizio alle ore 16.30 In piazza del Pantheon. Le nostre organizzazioni sarebbero liete di ricevere un contributo alla discussione da parte dei rappresentanti del vostro gruppo parlamentare".

Ci saranno per ora i parlamentari di Sel: "Quella proposta da Renzi sulla scuola è una riforma che porta il Paese indietro, la scuola pubblica subisce un colpo e gli insegnanti vengono relegati in un ruolo marginale", ha detto il capogruppo alla Camera, Arturo Scotto, "Il preside non sarà un prefetto o uno sceriffo, ma sarà un preside faraone dal nome del sottosegretario che nel corso degli ultimi giorni ha bombardato di tweet la rete e offeso gli insegnanti della scuola repubblicana. Quello del governo è un testo autoritario, sbagliato e pasticciato che andrebbe immediatamente ritirato. Sinistra ecologia libertà ribadisce la richiesta di ritiro del provvedimento, l'emanazione di un decreto urgente sulle assunzioni dei precari e un nuovo testo riscritto col mondo reale della scuola. Quello che domani sarà in piazza al Pantheon a Roma. I parlamentari di Sel ci saranno".

Commenti