Iran, Trump straccia l'accordo "Tornano le sanzioni massime"

Il presidente annuncia che l'intesa per Washington è da rinegoziare. Tensione in Medio Oriente: raid sulla Siria

C olpo (quasi) letale all'accordo sul nucleare iraniano da parte dell'amministrazione Usa. Il presidente americano Donald Trump tiene fede a un altro degli impegni presi in campagna elettorale e smonta l'ennesimo capisaldo del suo predecessore Barack Obama. «Vi annuncio oggi che gli Usa si ritirano dal Joint Comprehensive Plan of Action (Jcpoa) - dice Trump dalla Casa Bianca - Istituiremo il massimo livello di sanzioni economiche. L'azione odierna manda un messaggio fondamentale, che gli Stati Uniti non faranno più minacce vuote, quando faccio delle promesse le mantengo».

Dopo mesi di attacchi all'accordo definito «il peggiore mai raggiunto», «disastroso», un «imbarazzo per me come cittadino americano», e dopo l'estremo tentativo dei leader europei che si sono avvicendati a Washington per cercare di salvare l'intesa siglata a Vienna nel 2015, il tycoon dà seguito alle sue minacce. «Abbiamo le prove che Teheran ha mentito sul programma nucleare. L'intesa serve solo alla sopravvivenza del regime a cui permette ancora di arricchire uranio», tuona il Commander in Chief, sottolineando che il Jcpoa «non ha portato la pace e mai lo farà». Pur se «in teoria avrebbe dovuto proteggere noi e i nostri alleati dalla follia di una bomba nucleare iraniana».

«Grave errore: si rischia un nuovo conflitto in Medio Oriente», sentenzia Obama, mentre cresce la tensione in Israele, dove è forte il timore che forze legate all'Iran lancino un attacco missilistico. E in serata l'esercito siriano - riferisce l'agenzia Sana - ha «intercettato due missili israeliani vicino Damasco».

Da Teheran il presidente Hassan Rohani ribatte che il suo Paese «non abbandonerà l'accordo». Ma avverte: «C'è poco tempo per iniziare i negoziati per mantenerlo in piedi», e se fallissero, «ho dato disposizione all'Agenzia per l'energia atomica di essere pronta a riprendere l'arricchimento dell'uranio come mai prima, già nelle prossime settimane». Trump, da parte sua, definisce «il regime lo stato sponsor principale del terrore», e ribadisce che gli Usa «non saranno ostaggio del suo ricatto nucleare». «Se lasciassi che questo accordo rimanesse in vigore, ci sarebbe una corsa agli armamenti nucleari in Medio Oriente - afferma ancora - Avevo ammonito lo scorso ottobre che o si rinegoziava il Jcpoa o gli Stati Uniti si sarebbero ritirati. L'ho ripetuto a gennaio e sono partiti estesi negoziati, ma non hanno portato a una conclusione positiva». Secondo l'Iran Nuclear Agreement Review Act, infatti, il presidente ogni 90 giorni deve certificare o meno l'intesa con cui Teheran acconsentì a limitare il suo programma nucleare in cambio della sospensione delle sanzioni. E deve quindi dichiarare se la Repubblica Islamica ne ha rispettato o meno i termini, consentendo un'estensione del congelamento delle sanzioni.

Ora il Tesoro americano inizierà a reintrodurre le misure in 90 e 180 giorni. Il Dipartimento spiega che dopo 90 giorni saranno reintrodotte le sanzioni sull'acquisto di dollari americani dall'Iran e quelle sui metalli e il settore dell'auto. Dopo 90 giorni sarà revocata l'autorizzazione per l'export al Teheran di aerei, componenti e servizi, mentre le sanzioni legate al petrolio saranno reintrodotte dopo 180 giorni. Comunque per Trump i negoziati non sono chiusi: «Sono pronto a negoziare un nuovo accordo», precisa. Sino a ora, secondo i media, i colloqui sono falliti per l'insistenza del presidente sul mantenere i severi limiti previsti sulla produzione di combustibile nucleare da parte dell'Iran anche dopo al 2030. La sua decisione, però, rischia di esacerbare le tensioni tra l'amministrazione Usa e i principali alleati europei, in un momento in cui Washington deve affrontare una serie di sfide globali, tra cui l'imminente incontro tra il presidente e il leader nordcoreano Kim Jong Un.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Demy

Mer, 09/05/2018 - 09:57

Decisione criminale che conferma, ancora una volta, l'inaffidabilità UsArabic.

HappyFuture

Mer, 09/05/2018 - 12:04

Decisione criminale che conferma come DJ45 Trump sia un INAFFIDABILE BURATTINO. Punto.