L'affondo dell'ex ministro Martino: "Sono disgustato dalle vicende europee"

Antonio Martino, ex ministro della Difesa e capo della Farnesina con Berlusconi, ha parlato dell'Europa di oggi: "L'Ue va in direzione opposta rispetto ai padri fondatori"

L'affondo dell'ex ministro Martino: "Sono disgustato dalle vicende europee"

Ministro della Difesa e capo della Farnesina con Berlusconi, Antonio Martino ha visto nascere l'Europa. E ora si dice "disgustato dalle vicende europee. L'Unione europea procede in direzione opposta rispetto al sogno dei padri fondatori. La vera Europa non è certo questa, dove anche i Paesi più piccoli, come Malta e Lussemburgo, procedono per conto loro. Dove non esiste un governo europeo, ma solo una serie di accordi che noi giudichiamo intoccabili".

Intervistato da La Verità, l'ex ministro degli Esteri ha parlato di un'Europa liberale e dei problemi dell'Italia. Come quello che sta spaccando sempre più l'esecutivo: la flat tax. "È da idioti la discussione su come finanziare la flat tax. Se fatta come si deve, la flat tax si autofinanzia. Un'imposta unica al 15% farebbe aumentare il gettito, dunque non costa niente: anzi, rende. Ma ripeto, occorre farla bene".

Preoccupato per l'Europa di oggi, Martino ha spiegato che sarebbe "molto difficile e costoso ritornare alla sovranità monetaria, poiché questi sprovveduti a Bruxelles hanno creato una moneta unica senza porsi una domanda: che cosa facciamo se non funziona? In pratica ci hanno chiusi in una cella buttando via la chiave".

Un'Europa che pensa a sé stessa e "di fronte a immigrazione di massa e terrorismo tace. Non esiste". Il tutto in un periodo in cui i rapporti tra Stati Uniti ed Europa sembrano ai minimi termini. "Gli europei se la prendono con Trump, ma dentro di loro sono convinti che in caso di difficoltà l'America manderebbe i suoi figli a morire per la difesa dell'Europa. Si illudono. Gli americani lo hanno già fatto due volte, in passato. Oggi la famiglia media americana ha un solo figlio, e certo non vorranno sacrificarlo per salvare dei Paesi che non pagano per la propria difesa".

L'ex ministro ha parlato dei rapporti tra Russia e Lega. "Non mi scandalizzano - ha affermato -. Magari sono poco eleganti, ma il mondo è cambiato. Non esiste più l'Unione sovietica". "Salvini non cessa di stupire - ha dichiarato Martino -. Qualsiasi cosa faccia sembra giovargli sul piano elettorale. Questo dovrebbe suggerire maggiore cautela nel giudicare l'operato dei politici. Se così tanta gente si affida a lui, un motivo ci sarà".

Infine una riflessione su Forza Italia. "Quel tipo di centrodestra, basato sulla democrazia dell'alternanza, è stata la grande invenzione di Silvio Berlusconi. Ma oggi pare stritolato dagli eventi. Si sta disgregando da un lato a causa dell'alleanza tra Lega e 5 stelle, dall'altro per via di Matteo Renzi", ha concluso.

Commenti