"Mi spiace che vivi male... ": esplode la rissa Salvini-Letta

Il segretario del Pd esprime insoddisfazione per il 'metodo Salvini'. Il leader del Carroccio: "Questi continui attacchi sono espressione di difficoltà"

"Mi spiace che vivi male... ". Esplode la rissa Salvini-Letta

Proseguono gli attriti fra i partiti che sostengono l'esecutivo guidato dall'ex presidente della Bce Mario Draghi: ancora una volta lo scontro vede come protagonisti Enrico Letta e Matteo Salvini, rispettivamente leader di Pd e Lega. Proprio oggi, infatti, nel corso di un incontro col premier, il neo-segretario del Partito democratico non ha perso occasione per lamentarsi dell'atteggiamento tenuto in Parlamento dal Carroccio. Immediata la piccata replica dell'ex ministro dell'Interno: "Mi spiace che viva male".

Letta contro il "metodo Salvini"

Si è tenuta oggi la riunione fra Enrico Letta ed il presidente del Consiglio Mario Draghi, che si sono incontrati a Palazzo Chigi per parlare dei temi centrali dell'agenda di Governo relativi al Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr). In particolar modo, il leader dei dem ha voluto toccare il tema del lavoro e sdel ostegno ai giovani.

Secondo quanto riferito da alcune fonti del Nazareno, tuttavia, Letta avrebbe approfittato dell'occasione per criticare quello che ha definito "metodo Salvini", esternando tutta la propria insoddisfazione circa l'atteggiamento tenuto dall'attuale alleato di governo. Il segretario del Pd avrebbe chiesto "correttivi e rispetto dell'impegno comune a sostegno dell'esecutivo", riferisce AdnKronos. Insomma, continuano rimbrotti e battibecchi all'interno di questo "matrimonio" problematico sin dall'inizio.

La replica di Salvini

Il segretario del Carroccio ha subito risposto a tono al suo alleato. "Il 'metodo Salvini'? È la concretezza", ha infatti ribattuto Matteo Salvini. "Stanotte ad esempio sono state approvate in commissione al Senato le proposte della Lega sui soldi per i genitori separati in difficoltà, sul riconoscimento ufficiale (dopo dieci anni di attesa) della Lingua italiana dei Segni, sull'abolizione del Canone Rai per bar, ristoranti e alberghi, sui fondi per le Associazioni Sportive. E a metà maggio, se i dati sanitari continueranno ad essere positivi come accade ormai da settimane, ci saranno riaperture, ritorno al lavoro, ripartenza e abolizione del coprifuoco", ha aggiunto.

"Questo è il 'metodo Salvini'", ha quindi concluso il diretto interessato, per poi passare all'attacco: "Leali e propositivi, non ci occupiamo di ius soli e ci fidiamo degli italiani!".

Quanto ad Enrico Letta: "Mi spiace che viva male. Questi continui attacchi contro di me, ormai Letta lo fa ogni giorno, secondo me sono espressione di difficoltà. Io sono soddisfatto di questo governo: stiamo seminando per il bene dell'Italia, cerco di ottenere il più possibile".

Insomma, dopo lo scontro causato dalla foto di Enrico Letta, in cui il segretario del Pd posava insieme al fondatore di Open Arms con tanto di maglietta dell'Ong, e la calma apparente seguita alle scuse via messaggio, si aggiunge un nuovo elemento di frizione tra i due leader, sempre più ai ferri corti.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento