'Ndrangheta, arrestato presidente del Consiglio regionale della Calabria

Il presidente del Consiglio regionale della Calabria, Domenico Tallini, è stato arrestato per concorso esterno in associazione mafiosa e scambio politico-mafioso. Agli arresti altre 18 persone

Il presidente del Consiglio regionale della Calabria, Domenico Tallini, 68 anni, militante in Forza Italia, è stato arrestato e posto in regime domiciliare con l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa e scambio elettorale politico-mafioso.

L'accusa

Stando a quanto si apprende dalle agenzie, l'indagine che ha condotto all'arresto di Tallini riguardarebbe presunti rapporti che questi avrebbe intrattenuto con la cosca Grande Aracri della 'ndragheta. Nello specifico, il presidente del Consiglio regionale della Calabria avrebbe costituito in collaborazione con la cricca criminosa una società, la Farmaeco con base a Catanzaro, finalizzata alla distribuzione all'ingrosso di medicinali attraverso una rete di farmacie e parafarmacie (20 in Calabria, 2 in Puglia e 1 in Emilia Romagna). Secondo l'accusa, Tallini avrebbe fornito supporto alla cosca nella fase di avvio del progetto in cambio di favori durante le elezioni regionali del 2014. Il suo apporto sarebbe stato decisivo per la buona riuscita dell'iniziativa.

L'indagine

L'indagine è stata coordinata dal procuratore Nicola Gratteri, dal procuratore aggiunto Vincenzo Capomolla e dai sostituti procuratori Paolo Sirleo e Domenico Guarascio. Le investigazioni hanno riguardato l’attività della cosca Grande Aracri di Cutro, nell’area di origine e nel territorio catanzarese. Gli elementi raccolti nel corso delle indagini hanno permesso di definire i nuovi assetti organizzativi della cricca dopo le operazioni che ne hanno coinvolto l'esponente di maggior spicco Nicolino Grande Aracri. È stata documentata la realizzazione da parte degli indagati, attraverso la preliminare intestazione fittizia di beni e utilità, di progetti imprenditoriali per il reimpiego dei proventi illeciti della cosca. Nello specifico, la costituzione di una società finalizzata alla distribuzione all’ingrosso di prodotti medicinali. Infine, è emerso il ruolo di professionisti e imprenditori nella realizzazione del programma della cosca con riguardo al perseguimento dei vantaggi economici nei diversi settori imprenditoriali di interesse. Le indagini hanno consentito di ricostruire anche specifici episodi intimidatori, connessi sia alla realizzazione dell’iniziativa imprenditoriale sia con finalità estorsive, oltre che la disponibilità di numerose armi.

L'arresto e gli altri indagati

Nella giornata di giovedì 19 novembre, i carabinieri del comando provinciale di Catanzaro e del comando provinciale di Crotone, hanno dato seguito a un'ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari, emessa dal gip di Catanzaro su richiesta della Direzione distrettuale Antimafia, nei confronti di Domenico Tallini. Le manette sarebbero scattate altresì per altre 18 persone, ritenute responsabili a vario titolo di associazione di tipo mafioso, concorso esterno in associazione di tipo mafioso, scambio elettorale politico-mafioso, impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita, detenzione illegale di armi, trasferimento fraudolento di valori, tentata estorsione, ricettazione e violenza o minaccia a un pubblico ufficiale.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Zecca

Gio, 19/11/2020 - 10:41

Chiedo per un amico, di che partito è questo Tallini? E Gratteri non è quello che volevate come commissario per la sanità in Calabria?

BEPPONE50

Gio, 19/11/2020 - 10:43

In questa Regione oramai non ha piu senso avere un Governatore le cose si possono raddrizzare solamente Con un commisionamento DURO DURO CON PIENI POTERI Sanita' che no c'e conti allo sbaraglio bisogna fare in FRETTA

Ritratto di lurabo

lurabo

Gio, 19/11/2020 - 10:54

e ci si stupisce perchè nessuno vuole andare in Calabria

Giorgio5819

Gio, 19/11/2020 - 10:56

Metteteci l'esercito a governare una regione simile...

Ritratto di diplomatico

diplomatico

Gio, 19/11/2020 - 10:59

Ottima notizia. Ogni volta che lo Stato indaga, arresta, incrimina, processa e condanna un un amministratore pubblico, un deputato, un sindaco, un politico, compie un enorme favore alla società civile sana e onesta, poichè la malavita giustifica il proprio operato perchè pensa che "anche loro sono come noi". Bisogna iniziare a condannare all'ERGASTOLO, di default, tutti i funzionari pubblici collusi con la criminalità organizzata.

evuggio

Gio, 19/11/2020 - 11:01

SI SALVI CHI PUO'!!!!!!!!!

leopard73

Gio, 19/11/2020 - 11:04

Finalmente era ora che si facesse un po di pulizia da quelle parti.

peter46

Gio, 19/11/2020 - 11:14

Giorgio5819...Lurabo...Voi quale altra 'sporca regione' vorreste difendere con sti vs commenti?Fuori i nomi che apriamo gli 'archivi'... Sto signore il 'giochino' non è che lo aveva solo in Calabria,la 'poltrona' certo sì,ma il giochino no.Lazio,Emilia Romagna,Basilicata, Puglia e chissà chi gli permetteva di essere presente anche così in 'alto'?"Il più pulito,anche chi critica senza guardarsi in casa propria,ha la,,,rogna",si è sempre detto.

Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 19/11/2020 - 11:18

A onor del vero mi stupirei se,in quella regione,non arrestassero nessuno. Da quanti decenni politica e ndrangheta calabrese sono pappa e ciccia? NB,questo vale per chiunque e di qualsiasi colore sia..

TitoPullo

Gio, 19/11/2020 - 11:26

La Calabria??? Regione??? Ma se non hanno nemmeno un bilancio!!!Ahahahahahahahahahaahahahahahahahah!!E' IRRECUPERABILE! E' un fatto endogeno...culturale!!

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 19/11/2020 - 11:37

La politica continua a confondersi con la delinquenza. Non è la prima volta e non sarà l’ultima. Un reato non nuovo: “concorso esterno in associazione mafiosa e scambio politico-mafioso”. E disgraziatamente viene colpita ancora una volta una regione che ha sofferto e continua a farlo.

Ritratto di faman

faman

Gio, 19/11/2020 - 11:41

la gestione mafiosa della Calabria ha radici lontane e ha inquinato e condizionato tutta la politica calabrese, nessuno escluso. Jole Santelli avrebbe dovuto combattere una guerra molto impegnativa, anche all'interno della sua coalizione.

dagoleo

Gio, 19/11/2020 - 12:06

l'ennesimo grande arresto mediatico che poi a livello processuale si conclude nella assoluzione degli imputati ed arrestati per non aver commesso il fatto? mah

Morion

Gio, 19/11/2020 - 12:08

Niente di nuovo sul fronte occidentale. Provengono tutti dalla medesima nidiata!

Ritratto di Fabious76

Fabious76

Gio, 19/11/2020 - 12:08

E poi il problema è Gino Strada vero? Spero, per i calabresi, che lo mettano in condizione di lavorare e non gli mettano i bastoni fra le ruote come hanno fatto fin'ora con attacchi vergognosi! Ora, di sicuro, compariranno pure soggetti che scriveranno che è un altro attacco della magistratura rossa!

Ritratto di fergo01

fergo01

Gio, 19/11/2020 - 12:15

magistratura come sempre ad orologeria? arriva strada e guarda caso....

Angel59

Gio, 19/11/2020 - 12:29

Ciò che è emerso in Calabria è la punta di un iceberg, per poter seriamente pulire il nostro disgraziato paese bisognerebbe arrestare almeno metà del suo popolo e sono ottimista!

Ritratto di ichhatteinenKam.

ichhatteinenKam.

Gio, 19/11/2020 - 12:45

in Itaglia ci vuole piu' centro e piu' responsabili ANDATE AVANTI COSI CHE MI SCAPPA DA RIDERE

Ritratto di Fabious76

Fabious76

Gio, 19/11/2020 - 12:53

fergo01 Gio, 19/11/2020 - 12:15... Ecco il primo!

Ritratto di neizmjernelopteligaša

neizmjernelopte...

Gio, 19/11/2020 - 13:07

Spirlì cosa dice??

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Gio, 19/11/2020 - 13:21

@neizmjernelopte.. Spirli l'ex FI, ex FdI e ora folgorato dalla Lega? L'ultima volta ha detto che la Calabria non ha bisogno di commissari e di lasciar fare alla politica ...

Ritratto di cicciomessere

cicciomessere

Gio, 19/11/2020 - 13:33

il tizio e' di Forza Italia, ma non ha alcuna importanza , poteva essere anche M5S, PD , Fratelli&Frittelle , la MAFIA , corrompe chi c'e' . Credo che non esista nessuna carica dello stato che conta , che in Calabria non sia compromessa con la mafia. Il bello e' che i Calabresi si arrabbiano se glielo fai notare.

Ritratto di fergo01

fergo01

Gio, 19/11/2020 - 13:39

FABIOUS76 commenta nel merito, atrimenti chiudi il becco

necken

Gio, 19/11/2020 - 13:39

il commisariamente è l'unica soluzione (le elezioni in Calabria non hanno senso) incluso la sostituzione di tutti i funzionari nelle PA locali altrimenti c'è il rischio boicottaggio

maurizio50

Gio, 19/11/2020 - 13:44

Condivido quanto detto da cicciomessere (ore13:33). E' mia opinione che in tutte le Regioni del Sud chi vuol far politica deve avere compromissioni con la delinquenza che sia mafia o stidda o ndrangheta o che altro. E il discorso riguarda tutti, a prescindere dalle collocazioni politiche e dai partiti. Se fai così fai anche politica; diversamente no!!!

Ritratto di fergo01

fergo01

Gio, 19/11/2020 - 13:57

MAURIZIO50 ciò non sarebbe necessario se al governo ci fosse qualcuno intenzionato a combattere mafia, 'ndrangheta e quant'altro con i fatti e non solo a parole. purtroppo sappiamo benissimo che a provare a farlo si rischia la vita, ma se lo vuoi REALMENTE fare, ossia ci credi veramente nella tua idea e non solo nella tua ideologia, inizi e vai fino in fondo. o almeno ci provi. Falcone e Borsellino insegnano

Ritratto di fergo01

fergo01

Gio, 19/11/2020 - 14:12

MAURIZIO50 - 2 purtroppo oggi è più remunerativo, sicuro e demagogico mandare in giro esercito e polizia a multare quelli senza mascherina che non a rimette l'esercito nelle regioni calde

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Gio, 19/11/2020 - 14:26

@cicciomessere Sei rimasto indietro ... Nel frattempo Spirlì se fatto il giro di tutto il CDX!

Ritratto di niki 75

niki 75

Gio, 19/11/2020 - 14:58

I TEMPISMI di certe azioni giudiziarie destano legittimi sospetti, tanto da far tornare in mente il vecchi adagio "CHIODO SCACCIA CHIODO"!!!!!!!

Valvo Vittorio

Gio, 19/11/2020 - 16:34

La delinquenza può essere rimossa solo quando si eleggono deputati di specchiata onestà e che risolvano problemi di reale interesse dei cittadini. Sembra facile a dirsi, ma il senso dei cittadini sulla giustizia è inficiato da secoli d'ingiustizia. Le religioni non risolvono i problemi, direi che li aggravino. Una cosa è certa: il metodo Grillo ha creato ancora più ingiustizia.

rigampi1951

Gio, 19/11/2020 - 18:02

Per governare la Calabria ci vuole l'esercito , generali, e colonnelli forse si salva

cir

Gio, 19/11/2020 - 18:24

certo che FI i suoi collaboratori li sceglie..nessuno glie li impone...

ilrompiballe

Gio, 19/11/2020 - 18:26

Per la rovina della povera Calabria hanno collaborato tutti, da sx a dx.

scorpione2

Gio, 19/11/2020 - 18:55

perche' continuate ha parlare solo di calabria e meridione, il potere della ndrangheta e' al nord, lombardia in primis, i politici locali per avere protezione hanno abbassato le braghe. NON E' PIU' LA MILANO DA BERE E SMETTETELA SEMPRE CON I MIGRANTI E IMMIGRATI, IL MARCIO STA' A CHI COMANDA.

ilrompiballe

Gio, 19/11/2020 - 19:39

scorpione2 : quindi in Lombardia si vive come in Calabria?