Nembro, viaggio nel paese dei funerali: "Qui da noi ogni famiglia piange il suo morto"

Nel piccolo comune già quasi 100 le vittime. Molte bare in attesa di sepoltura

«No, fermo! Non salire in casa ho il Covid». La chiamata s'interrompe bruscamente. Un attimo dopo l'immagine di Danilo Morotti con mascherina sulla bocca compare sul «whatsapp» del mio cellulare «Dobbiamo parlare così altrimenti ti contagio». Mi guardo intorno. Lassù s'allunga la val Brembana. Quaggiù Nembro è un villaggio fantasma. Il negozio di abbigliamento Attimi ha la porta d'ingresso coperta da un eloquente «Chiuso per lutto». E di lutti ne sa fin troppo anche Danilo, 48 anni, fedele lettore del Giornale: «Mia madre se n'è andata ieri, mio padre una settimana fa. Io invece oggi non ho più la febbre. Spero di cavarmela, ma non so che ne sarà di me. Prima del Covid facevo il geometra a partita Iva. Ora faccio il malato senza stipendio, perché a me malattie e lutti non li paga nessuno». Ma a Danilo dei soldi non può importare di meno. Il suo unico dramma è l'addio a quei due genitori morti soli e lontani. Senza una parola di conforto. Senza una carezza.

È iniziato tutto tre settimane fa. «Mio padre è stato ricoverato ad Alzano Lombardo e da quel momento non l'abbiamo più visto. Ce l'hanno fatto vedere per due minuti quando era già in coma. Pochi giorni dopo la sua morte hanno portato via mia madre. Ieri mattina ci hanno detto che era morta. L'unica che l'ha vista è stata mia sorella mentre la mettevano nella bara. Nel frattempo ho perso almeno altri venti fra parenti, amici e conoscenti». Un brivido mi gela la schiena. Nembro più che un paese sembra un mattatoio di umani, l'epicentro di un flagello biblico. L'assessore ai lavori pubblici Matteo Morbi, 46 anni, mi riceve davanti alla casa della sorella. Sul cancello d'entrata sventola un lenzuolo bianco con disegnato un arcobaleno e la scritta «andrà tutto bene». In un minuto i dati sciorinati da Matteo cancellano quello sprazzo d'innaturale ottimismo. «Questo è un paesino di 11.500 abitanti dove dal 25 febbraio ad oggi il Covid ha fatto 91 morti. Ma la cifra ufficiale comprende solo quelli a cui è stato fatto il tampone. Se ci aggiungi i morti in casa senza tampone il numero sale. E poi vi sono circa 140 malati chiusi nelle proprie abitazioni in attesa di capire se miglioreranno o peggioreranno».

A descriverti la paura e l'inquietudine di Nembro ci pensa la sorella Mariarosa. «L'ululato delle ambulanze è quello che più inquieta. Ogni sirena è una fitta al cuore. Ci ricorda che a pochi passi dalla nostra porta si consuma una tragedia. Ci sforziamo di star sereni, abbiamo persino appeso quel lenzuolo al cancello. Ma è difficile. Ogni casa ha un lutto. Ogni famiglia ha perso un amico o un parente. C'illudevamo che la Cina fosse lontana e ce la siamo ritrovata qui nel nostro piccolo paese». La tragedia di Danilo, Matteo e Mariarosa si materializza dietro le cancellate del cimitero di Bergamo. «Qui in città abbiamo avuto 330 morti. Nella chiesa del cimitero ci sono 112 bare che attendono sepoltura. Facciamo un funerale ogni mezz'ora e dirottiamo le cremazioni fino all'Emilia Romagna», spiega l'assessore ai servizi cimiteriali di Bergamo Giacomo Angeloni. L'immagine umana di quell'emergenza è la signora Roberta Caprini, responsabile di Generali Bergamasca, la più grande agenzie funebre della provincia. Incollata ad un cellulare che non smette di squillare s'aggira per un magazzino pieno zeppo di bare incellofanate. «È sconvolgente di solito facciamo 1300 funerali all'anno, ma dal primo al 15 marzo ne abbiamo già fatti 500. Ormai rifiutiamo metà delle richieste e come se non bastasse rischiamo la vita. Mio padre e mio zio si sono ammalati e con loro molti dipendenti. Non abbiamo tute, guanti e mascherine perché il governo non ci considera categorie a rischio. La notte per me non esiste più. Lavoro fino a tardi e quando m'infilo nel letto non chiudo occhio. I funerali non sono più il mio lavoro, sono il mio incubo».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di rr

rr

Gio, 19/03/2020 - 10:31

Per informazioni chiedere agli industriali lombardi che NON vogliono chiudere le fabbriche. E ai politici leghisti che li spalleggiano. E forse avete dimenticato Capitan Facebook che si faceva foto mentre mangiava e beveva invitando ad uscire di casa?

SPADINO

Gio, 19/03/2020 - 10:44

TREMENDO

Ritratto di Azo

Azo

Gio, 19/03/2020 - 10:49

Che la Bonino, guardi queste tristezze, di gente nata in Italia, prima di pensare di dare la precedenza sanitaria ai suoi beniamini e quelli della Boldrini!!!

maxfan74

Gio, 19/03/2020 - 10:55

Non si può nemmeno immaginare cosa sta passando Bergamo e dintorni, un flagello di vite e di affetti incolmabile. Non ci sono parole. Solo a pensarci si sta male.

Ritratto di ConteRaffaelloMascetti

ConteRaffaelloM...

Gio, 19/03/2020 - 11:01

Una tragedia nazionale e di fronte a queste scene sentite gente che insulta il governo per guadagnare punti nei sondaggi fa venire solo rabbia. La politica dovrebbe tacere per un po'.

Albius50

Gio, 19/03/2020 - 11:11

rr ma guarda che al governo c'è un tale CONTE, e la LEGA è l'unica che cerca di fare qualcosa che i tuoi COMPARI AL GOVERNO NON VOGLIONO FARE.

Albius50

Gio, 19/03/2020 - 11:15

CONTERAFFAELLO sei tu che devi tacere i TUOI COMPARI AL GOVERNO SAPEVANO GIA' DA MOLTO TEMPO, ma quando parlavano alle riunioni UE sul piatto mettevano ben altro.

Ritratto di Beppe-MB

Beppe-MB

Gio, 19/03/2020 - 11:20

@rr Visto che la situazione del Coronavirus e' in continua evoluzione e cambia gli scenari anche solo col passare delle ore la sua e' una polemica inutile su cose dette e fatte 3 settimane fa. Stia sereno e a casa.

Georgicus

Gio, 19/03/2020 - 11:22

Ancora troppa gente non ha capito nulla. Ancora troppi in giro senza mascherina e guanti, specie alle poste e nei supermercati (esperienza personale). Nei luoghi e per le attività ancora aperte tali DPI dovrebbero essere resi obbligatori. Chi sa quanti portatori sani e ignari fanno gli untori? Credo che per aiutare la popolazione, specie certe fasce come gli anziani che non usano Internet, l'approvvigionamento e la vendita di mascherine dovrebbe essere resa possibile anche all'Esselunga e in tutte le altre catene aperte in questi tempi bui.

Ritratto di Giusto1910R

Giusto1910R

Gio, 19/03/2020 - 11:24

Il boccone avvelenato della globalizzazione é arrivato. Moltissime piccole e grandi industrie del Nord Italia hanno inviato loro rappresentanti in Cina che, dopo aver trascorso qualche settimana, alla vigilia del capodanno cinese sono rientrati in Italia. Alcuni di loro, inconsapevolmente, portavano con sé il virus. Questo é presto dimostrabile analizzando i tabulati degli aerei. Chi, al Governo, sapeva da tempo del virus perché non ha disposto quarantena e obbligo del test a tutti quelli, italiani e non, che rientravano dalla Cina a partire dalla fine di gennaio? Perché non lo ha fatto? Questa é la risposta che il Governo deve dare per definire le responsabilità di una strage.

Ritratto di Il corvo

Il corvo

Gio, 19/03/2020 - 11:35

Approfitto di questo articolo per affrontare un tema che mi sembra opportuno. Vedo ogni giorno alla TV che molta gente canta e fa festa dai balconi, vorrei capire la stato d'animo dei parenti di queste vittime del virus nel vedere scene festose di altri italiani per il momento non ancora colpiti. A me queste scene provocano disgusto.

Ritratto di ANGELO LIBERO 70

ANGELO LIBERO 70

Gio, 19/03/2020 - 11:39

Un forte abbraccio ai fratelli bergamaschi. Piango con voi.

Ritratto di ConteRaffaelloMascetti

ConteRaffaelloM...

Gio, 19/03/2020 - 11:40

Albius50 ma cosa vai blaterando, accusi il governo di aver nascosto l'epidemia ? Ma sei impazzito? Ti rendi conto che sei da querela? Pensa al vostro Sgarbi che ancora oggi gira per le TV a negare il pericolo del coronavirus!

franz1

Gio, 19/03/2020 - 11:42

Quanto sia doloroso per i familiari dei morti, ma la "minestra" la si fa in casa. Vuol dire - anche se e` difficile rimanere a casa, evitare ogni contatto. Detto questo il Virus non ha chance di passare da uomo ad uomo. Conte deve stringere ancora!!!!

inventocolori

Gio, 19/03/2020 - 11:49

scusate ma ...perché sepoltura??...non dovrebbero essere cremate ?

Ritratto di cicciomessere

cicciomessere

Gio, 19/03/2020 - 12:00

Non si vede piu' quella biologa , sempre in polemica con Burioni , e che affermava trattarsi di una normale influenza. Spero si sia sotterrata dalla vergogna, di fronte a questa tragedia immane.

Ritratto di Pays_de_la_Loire

Pays_de_la_Loire

Gio, 19/03/2020 - 12:09

... Lassù s'allunga la val Brembana ... In realtà è la val Seriana, ma poco importa, la dimensione del immane tragedia resta la medesima purtroppo.

maxxena

Gio, 19/03/2020 - 12:10

La cosa più grave di questa tragedia è che "illustri" professori, abbiano potuto proclamare l'inutilità delle mascherine(ossia non ce ne sono per tutti). Le mascherine, se indossate bene, sono sempre una protezione; piccola o grande a seconda del tipo.Questo lo sanno bene tutti i malati immunosoppressi,(es i trapiantati che nel post operatorio la indossano per proteggersi dai virus e batteri). I politici, vanno perdonati a destra e a sinistra: loro sono generalmente incompetenti di base e vivono scollegati dalla realtà, ma i loro consiglieri non dovrebbero esserlo.Questo atto grave, non può essere "nascosto" dietro l'imprevedibilità perchè di fronte ad un nemico sconosciuto, vanno usate tutte le difese disponibili, salvo poi dismetterle in caso di comprovata inutilità; dopo,e non prima.Non c'è niente di magico in un contagio, è solo apolitica scienza e non c'è niente di comprensibile nei governi privi di lungimiranza.

angryant

Gio, 19/03/2020 - 12:13

questa e' l'orribile realta' questa fila di bare dice a quanti ancora credono di assistere a uno spettacolo mediatico tutto astratto che la morte e' reale ,che siamo di fronte a una strage. vero non e' una guerra ma peggio ,si tratta di un cecchino. siamo tutti esposti al tiro di un cecchino e assolutamente indifesi. la' fuori ci aspetta una pallottola. e' stato scoperto in cina ma nessuno l'ha fermato e soprattutto ci e' stato presentato come un'influenza che uccide solo vecchi malati (sconcertante cinismo) si e' avviato il circo "politico" e mediatico per "per qualche voto in piu'". qualcuno ha sospettato che forse la cosa era pericolosa per la gente e ha cominciato a suggerire misure di difesa ma queste erano in totale conflitto con "l'economia" cosi',fino a che il virus non e' entrato nell'"economia" ci hanno lasciati esposti al tiro e costretti a morire soli. umanamente insopportabile.

StefanoZamboni

Gio, 19/03/2020 - 12:17

Di questi "quasi" 100 morti: quanti avevano più di 70 anni? Quanti hanno avuto malattie precedenti? Quanti sarebbero morti nei prossimi mesi comunque? Tutti dovete smettere con questa isteria e panico! Nel 2018, sono morte ancora di più persone per l'influenza! Quindi aprite tutti le fabbriche e rilanciate l'economia, subito! Tutto il resto è spaventoso e uno scherzo e fatto dai politici!

aldoroma

Gio, 19/03/2020 - 13:00

Stefano Zamboni... Rispetta i morti... Vergogna

desaix

Gio, 19/03/2020 - 13:22

una mascherina al giorno toglie il virus di torno

maxmado

Gio, 19/03/2020 - 13:31

Un solo appunto al cronista che ha fatto uno sbaglio, da Nembro semmai vede la Val Seriana, non la Val Brembana. La cosa disumana è la morte in solitaria, mi portano dentro, e magari nutro ancora la speranza di farcela, figurati, ne ho passate di cose nella vita, penso, ed invece peggioro, fino a che mi devono intubare, non sento e non vedo nessuno dei miei, la mia dolce metà, che è stata con me per decenni, dov'è? come sta? E' sana, è ammalata anche lei? oddio e se io ce la faccio e lei no? Muoio, muore lei ed i figli ed i nipoti neanche possono starmi vicino, non vedono neanche il mio cadavere. Possono solo stringere, tra chi sa quanto tempo, un'urna con dentro le mie ceneri. Non possono neanche farmi un funerale. Questa è umanità? Dov'è finita l'umanità? Dio, non ti eri fatto uomo per salvare l'umanità?

diegom13

Gio, 19/03/2020 - 13:34

@Stefano Zamboni: se fosse come dice, i morti sarebbero più o meno gli stessi dell'anno scorso, e delle settimane precedenti. Perché l'anno scorso l'influenza uccideva, giusto? Quindi, mi spiega come mai non si trova più usato nei forni crematori, le pompe funebri non riescono a gestire il traffico, i militari portano bare su bare? Tutto inventato?

maxxena

Gio, 19/03/2020 - 13:49

gent.mo @StefanoZamboni Gio, 19/03/2020 - 12:17 ...infatti tutti i giorni ci sono colonne di camion militari che trasportano bare per le vie delle città...è sicuramente un "gomblotto" mondiale.Non ripertiamo mantra surreali,usiamo il pallottoliere e confrontiamo le migliaia di morti (da 6 a 10) su circa 5-8 milioni di contagi dell'influenza stagionale (tra il 2016/2018), contro gli attuali 9000 su 220.000 contagi.La matematica non è opinione e soprattutto le cifre dei morti di covid-19 si riferiscono per ora ad una contabilità ancora aperta..non bisogna riaprire le fabbriche ma la mente, rispettando il buon senso ,coloro che sono morti e quelli che stanno lottando per vivere.

HappyFuture

Gio, 19/03/2020 - 14:00

Il leghista Fontana ci ha dato la possibilità di capire il termine inglese: BACKFIRE. Pensando di dare addosso al governo ha rilasciato una dichiarazione che se le cose continuavano così, la sanità lombarda non avrebbe potuto prestare "cure intensive"! La notizia è subito stata ripresa da NBC e tutti i news media USA. Fontana non capisce, che lui è il governatore della Lombardia. E in America il primo responsabile di quello che accade nello stato è il GOVERNATORE.

gjallahorn

Gio, 19/03/2020 - 17:20

Notizia sconvolgente di cui si accenna soltanto, i cimiteri non hanno posti e si procede con la cremazione indiscriminata. Fra poco le fosse comuni? Fino a quando potremo tollerare che l' incapacità di questo governo violi le ns più elementari e intime convinzioni? a quando una commissione di inchiesta su chi ha ritardato le misure precauzionali? Non lo Stato, ma nomi e cognomi!

gjallahorn

Gio, 19/03/2020 - 17:42

Domani alle 11.00 al solito appuntamento corale sui balconi, gridate "tutto andrà bene", a piu' non posso e che le vs grida facciano tremare a Roma i maledetti che hanno ritardato l' applicazione delle norme per il contenimento dell' epidemia. Ricordatevi dei loro nomi e cognomi, non fatevi impietosire da chi tra loro ha contratto il virus. Non devono dormire, scossi dalle ns grida e dalle urla che si alzano dai sepolcri delle vittime.