A Palazzo Chigi decidono chi può parlare e chi no: "I giornalisti non possono avvicinarsi"

Gli inviati, costretti a chiedere un accredito al commissariato di polizia, non possono muoversi dalla propria postazione: "Attenzione, i poteri possono allargarsi oltre la loro misura"

Si fanno sempre più inquietanti e preoccupanti le misure ideate dal governo nell'ambito dell'emergenza Coronavirus. Dallo stop agli sport di contatto amatoriali ai divieti di assembramento ovunque, stanno arrivando le prime regole anti-Covid che dovrebbero essere contenute nel prossimo Dpcm. Tra le varie misure prese, si aggiunge la scoperta choc di Barbara Palombelli nel corso della trasmissione Stasera Italia, in onda su Rete 4. I giornalisti devono avere il permesso per sostare davanti a Palazzo Chigi.

La conduttrice ha sollevato un caso piuttosto inquietante, chiedendo conferma direttamente a Michel Dessì: "È vero che per arrivare lì hai dovuto chiedere un accredito al commissariato di polizia?". L'inviato ha prontamente confermato e ha spiegato le nuove misure che gli inviati televisivi sono costretti a rispettare: "Sì, da oggi c'è questa nuova regola. La piazza è chiusa e quindi bisogna chiedere un accredito per accedere e fare le dirette televisive. Siamo qui fissi con un monopiede e non ci possiamo muovere". La giornalista è rimasta visibilmente sbalordita: "Non solo hai dovuto chiedere l’accredito, ma hai pure un punto fermo da cui non ti puoi muovere?". "Sì, la polizia ci ha confinato qui e non ci possiamo muovere, almeno per oggi. Sarà così d’ora in avanti", è stata la replica. La reazione finale della Palombelli è stata più che comprensibile: "Sono ordini che mi fanno rabbrividire".

"Una vessazione ridicola"

Le tesi sostenute dagli ospiti della trasmissione sono state unanime. Il primo a esprimersi è stato Maurizio Belpietro, direttore del quotidiano La Verità: "Non ne capisco la ragione, neanche nei tempi del terrorismo erano state prese decisioni del genere. Ma soprattutto non capisco a cosa serva. Non mi pare ci siano pericoli di ordine pubblico. Perché i palazzi della politica devono essere blindati al punto che i giornalisti non si possono avvicinare? ". Dello stesso parere l'attivista italiano Mario Capanna, in collegamento dalla sua Città di Castello: "Trovo questa cosa come una vessazione ridicola, assurda e inaccettabile. Se avessi tempo domani verrei a Roma per recarmi a Palazzo Chigi senza chiedere l'autorizzazione. È una vergogna".

Quella piazza, prima, era di tutto. Ora è del governo e sarà lui a decidere chi può parlare e chi no.

Passare da un commissariato per svolgere il proprio mestiere? Davvero una decisione aberrante. Infine anche Andrea De Carlo è intervenuto su quella che sembra essere una scelta "anti-giornalisti". Il suo ultimo libro "Il teatro dei sogni", ovvero una satira complessiva sulla società italiana, sembra la narrazione di quanto sta accadendo. "Questa non è una bella sensazione. Bisogna stare molto attenti perché le emergenze sono proprio le situazioni in cui i poteri possono allargarsi oltre la misura che dovrebbero avere", ha avvertito De Carlo.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Yossi0

Mar, 13/10/2020 - 10:07

Avvocato del popolo, quando ci regalerà i commissari del popolo ?

cgf

Mar, 13/10/2020 - 10:08

Conte ha una paura matta di rimanere contagiato, non ricordate il motivo per cui non andò a Bergamo? Per sua stessa ammissione proprio quello, se poi si ammala lui, come va avanti l'Italia. Non aggiungo altro.

Enne58

Mar, 13/10/2020 - 10:08

Ormai vanno solo in trasmissioni amiche e giornali schierati o riconoscenti. Questo è solo uno degli atti per non avere contraddittorio. La dittatura rossa avanza giorno dopo giorno

Ritratto di rr

rr

Mar, 13/10/2020 - 10:11

Se non vi vanno queste regole potete sempre scegliere quelle del sovranista biondo inglese: un bel lockdown totale

PassatorCorteseFVG

Mar, 13/10/2020 - 10:24

nel ventennio fu istituito il miniculpop, ministero che regolava e stabiliva come la informazione deve scrivere e comportarsi,adesso con il politicamente corretto e queste nuove misure illiberali, vogliono ripristinare sotto altro nome il minicuòlpop di fascista memoria? coraggio camerati che siete al governo,ma non ci riuscirete, li popolo democratico vi fermerà.ciao a tutti.

Ritratto di Azo

Azo

Mar, 13/10/2020 - 10:27

Ogni giorno sempre più vicini ad una DITTATURA CATTO-SOCIAL-COMUNISTA!!! """FORSE QUESTA NUOVA DITTATURAÈ CIÒ CHE VOGLIONO I POPOLI DEI CAPRONI E QUELLO DEI BUOi ??? SPERIAMO CHE SIA VERAMENTE ALLA Maduro E CHE PORTI L`ITALIA NEL COMLETO CAOS, GRAZIE ALL`UNIONE EUROPEA DEL CAPITALISMO BANCARIO"""!!!

TIRATARDI

Mar, 13/10/2020 - 10:28

Ma no.. gli amici ci possono andare,basta che facciano domande compiacenti gli altri..cestinati "democraticamente".

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Mar, 13/10/2020 - 10:29

«Trovo questa cosa come una vessazione ridicola, assurda e inaccettabile. Se avessi tempo domani verrei a Roma per recarmi a Palazzo Chigi senza chiedere l'autorizzazione. È una vergogna». “Firmato” Mario Capanna! “Sono ordini che mi fanno rabbrividire”, ha chiosato la Palombelli. Forse i giornalisti son pericolosi “bombaroli” quando fanno certe domande al noto nominato o forse paura di trasmissione del covid 19? Dimostrazione che certi pieni poteri danno alla testa così tanto che determinano perfino chi può far domande e chi no? Neanche durante il periodo del terrorismo si è giunti a tanto! Qualcuno vuole lasciare il segno (dell’arroganza e dell’ottusità)? A quanto pare..

Ritratto di 98NARE

98NARE

Mar, 13/10/2020 - 10:29

PassatorCorteseFVG, ancora col ventennio....... BASTA PER FAVORE, BASTA.

Indifferente

Mar, 13/10/2020 - 10:30

Suggerirei sommessamente alla Stampa Libera di ignorare del tutto questi sordidi personaggi. Non appostatevi davanti ai palazzi del c.d. potere, non intervistate nessuno, lasciateli nel grigio anonimato che meritano e limitatevi a commentare esclusivamente gli atti ufficiali. Non date visibilità (e quindi potere) a questa gente. Intervistate il popolo. Informate il popolo. Pretendete l'accesso a tutti gli atti pubblici e evidenziate quando si trincerano dietro omissis e segreti. La gente capisce sempre bene come stanno le cose. Ed è la gente ad essere la abse della forza di una stampa libera, non i palazzi...

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 13/10/2020 - 10:34

@rr - balordo comunista, vo iche invocate sempre la costituzione, applicatela. Certo che è già cominciata con voi la Stasi della DDr, dove le leggi le calpestate.

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Mar, 13/10/2020 - 10:40

Indifferente - 10:30 Ottimo commento. Sarebbe da fare proprio come lei sostiene.

montenotte

Mar, 13/10/2020 - 10:40

Questo può essere solo l'inizio. Sarà così fino al 2023?

ST6

Mar, 13/10/2020 - 10:41

PassatorCorteseFVG: hai dimenticato il finale "brllaciao a tutti". Poi era perfetto

Ritratto di paràpadano

paràpadano

Mar, 13/10/2020 - 10:55

rr,.... semplicemente patetico!

zena40

Mar, 13/10/2020 - 10:56

Abbiamo l'avvocato del popolo, i commissari la Stasi e .... Casalino, manca solo la dettatura degli articoli e così la libertà di stampa se ne è andata.

BEPPONE50

Mar, 13/10/2020 - 10:56

Ma dove c'e scritto questa RESTRIZIONE SONO BALLEEEEEE

Fjr

Mar, 13/10/2020 - 11:04

Da domani le dirette solo dai mercati rionali così il governo sa esattamente cosa pensa il popolo dei suoi fenomeni e poi parlano del fascismo della lega,questa è dittatura da DDR

zena40

Mar, 13/10/2020 - 11:13

BEPPONE50 10.56 - non so se sono balle, capisco solo una cosa che è avvenuta in diretta televisiva in un programma di una persona di tutto rispetto che non penso si metta a diffondere notizie false. Quindi prima di stabilire che SONO BALLEEEEE sarebbe opportuno documentarsi.

PassatorCorteseFVG

Mar, 13/10/2020 - 11:13

in fondo mi sto divertendo, anche se non esiste limite alla ipocrisia del governo,si lo so , non siamo nel ventennio, ma credo sia divertente ricordare ai moralmente superiori che li loro comportamento e dialettica impropria su definire fascisti i loro avversari politici.alla fine chi di fascismo ferisce di fascismo comportamentale perisce. impareranno? ciao a tutti.

Brutio63

Mar, 13/10/2020 - 18:02

Prove tecniche di Democratura, apparentemente democrazia stile China!