Il paradosso giuridico: ora gli atti al pm che voleva archiviare

La procura di Catania è obbligata a procedere. Processo al via in primavera

E adesso c'è solo da fare il processo: il primo processo a un politico che il suo (presunto) reato non lo ha fatto di nascosto ma l'ha promesso, annunciato, esibito e rivendicato. Questa mattina la presidenza del Senato trasmetterà alla Procura della Repubblica di Catania il provvedimento con cui ieri sera l'aula di Palazzo Madama ha concesso l'autorizzazione a procedere contro Matteo Salvini, ex ministro dell'Interno, chiesta dalla stessa Procura lo scorso 16 dicembre per il reato di sequestro di persona aggravato. È uno snodo cruciale della vicenda giudiziaria, l'atto formale che nel giro di pochi giorni trasformerà Salvini da indagato a imputato e lo avvierà verso il processo. La macchina, insomma, è partita.

Cosa accadrà adesso, in concreto, è presto detto. Il provvedimento approderà sul tavolo del procuratore della Repubblica, Carmelo Zuccaro: è il magistrato che in settembre aveva chiesto di prosciogliere Salvini «per infondatezza della notizia di reato», ma che era andato a sbattere contro il diniego del Tribunale dei ministri del capoluogo etneo. Di fatto, Zuccaro ha chiesto al Senato di poter processare Salvini per una accusa in cui neanche lui crede. Ma è la legge che lo ha costretto a farlo. E la stessa legge lo obbliga ora a chiedere il rinvio a giudizio per il leader leghista. Zuccaro dovrebbe firmare il provvedimento nel giro di qualche giorno.

A quel punto tutto torna sul tavolo del tribunale dei Ministri catanese: e anche lì i giudici hanno già fatto sapere apertamente come la pensano, ovvero che Salvini è responsabile di avere sequestrato illegalmente per quattro giorni i 131 migranti a bordo della Gregoretti, e di averlo fatto «non per motivi di ordine pubblico ma per volontà meramente politica». Quindi la richiesta di rinvio a giudizio che la Procura si prepara (suo malgrado) ad avanzare verrà sicuramente accolta, e in tempi abbastanza brevi. Data ipotizzabile di inizio del processo: la prossima primavera.

A quel punto, però, tutto cambia. Da una situazione in cui i diversi uffici giudiziari hanno già avuto modo di dire chiaramente come la pensano, il caso Salvini approderà davanti ad altri magistrati, davanti a una sezione del tribunale ordinario di Catania che di questa storia non si è mai occupata. È lì che si giocherà la sorte dell'imputato Salvini: e non sarà un processo breve. Il fascicolo d'inchiesta è corposo: dentro ci sono le prime indagini compiute dalla Procura di Siracusa, gli sviluppi eseguiti da quella di Catania dove l'inchiesta approdò per competenza, e soprattutto i risultati della vasta attività di indagine compiuta direttamente dal Tribunale dei ministri. Decine di testimonianze, migliaia di documenti. E tra i testimoni in aula, due si annunciano cruciali: uno è il presidente del consiglio Giuseppe Conte, che secondo Salvini era pienamente coinvolto nelle decisioni. L'altro è il prefetto Matteo Piantedosi, che interrogato dai giudici catanesi in ottobre disse testualmente: «Non credo che l'unica autorità competente ad autorizzare lo sbarco sia il ministero dell'Interno», e per questo è stato accusato di mentire. Tornerà a dire le stesse cose?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

adal46

Gio, 13/02/2020 - 08:45

Solo in un paese ridicolo e inaffidabile, che con questo si riconferma tale, può succedere una cosa del genere; ma se sarà ritenuto colpevole Salvini, d'ufficio dovranno pure essere processati Conte e Di Maio (quantomeno). E intanto questa perdita di tempo allungherà vieppiù la marea di processi dormienti, perchè "privati". Evviva il paese delle banane.

dredd

Gio, 13/02/2020 - 09:13

Certo che deve essere brutto per tutti i pagliacci vedere come si comporta uno con i controcoglioni vero?

Ritratto di rr

rr

Gio, 13/02/2020 - 09:13

Dalla foto si nota che Salvini ha ancora la faccia gonfia per gli sberloni presi in Emilia dal PD e in Calabria dalla Meloni. Dettaglio a parte non diceva "processatemi"? E adesso che l'hanno accontentato si lamenta?

jaguar

Gio, 13/02/2020 - 09:21

Fatti del genere succedono solo da noi, ma la sinistra ci ha abituato a questo ed altro. Mi auguro che nell'eventuale dopo Salvini, ci sia qualcuno di più determinato che riesca a spazzare via la sinistra una volta per tutte.

glasnost

Gio, 13/02/2020 - 09:40

E' necessario che il comportamento politico della nostra magistratura diventi oggetto di esame da parte degli organi democratici. Le sue deviazioni sempre nascoste (come le foibe!) stanno portando il paese alla rovina economica e sociale. Si inizi a parlarne apertamente, prima che la parte del popolo che ne è danneggiata cominci a reagire!

schiacciarayban

Gio, 13/02/2020 - 09:41

E basta con sta storia, se è innocente verrà assolto, se è colpevole verrà condannato. Come tutti. Sinceramente ci sono cose più importanti di Salvini e le sue beghe.

Ritratto di mina2612

mina2612

Gio, 13/02/2020 - 09:42

Ieri abbiamo assistito alla solita pagliacciata all'italiana per salvare capre e cavoli... e Salvini sarà innalzato agli onori degli altari.

Mborsa

Gio, 13/02/2020 - 09:52

Fra un mese, quando la vicenda sarà scomparsa dai media, si troverà un escamotage all'italiana per non dare corso alla autorizzazione del senato e al processo.

ST6

Gio, 13/02/2020 - 09:53

jaguar: "qualcuno di più determinato" Basterebbe iniziare da un non assenteista. Ma così, come speritivo eh

Marcolux

Gio, 13/02/2020 - 09:58

Se veramente accadesse l'incredibile, e cioè che Salvini, tra gli unici politici con dignità italiana, venisse condannato, ci troveremmo di fronte ad un caso unico al mondo, almeno in quello democratico occidentale. Cioè verrebbe sancito il potere assouto della Magistratura su tutto e tutti, società e politica. La saldatura mortifera per l'Italia, trai comunisti politici e i comunsti togati. Un mix capace di portare il Paese sui binari delle dittature sud americane o mediorientali. E' quello che vogliono gli italiani? Certamente le urne dicono di no, ma ormai in Italia per il Governo del Paese il voto dei cittadini non conta quasi niente. Da troppo tempo chi dirig il Governo non si è neppure candidato e non ha preso un solo voto! E questa la chiamate democrazia?

D2015

Gio, 13/02/2020 - 10:11

Ancora qualche mese e poi finalmente, il timore che Salvini possa essere eletto scomparirà. Eliminato il rischio di una vittoria del centro DX torneremo ad essere una nazione democratica si parlerà di elezioni di candidati tra i quali non ci sarà Salvini che in qualità di imputato non potrà presentarsi. Ancora una volta la SX decide la sorte dei suoi avversari con la sua mano violenta (la magistratura).

Giorgio Colomba

Gio, 13/02/2020 - 10:24

L'Italia è una Repubblica Giudiziaria fondata sul lavoro di Procure impegnate nell'allestimento di un "Truman Show processuale" permanente contro l'avversario di turno - da Berlusconi a Salvini - che dovesse ingerirsi (o peggio interferire) nei disegni di una sinistra della quale troppe toghe rappresentano da sempre il nume tutelare.

Ritratto di Francesco_Albertoni

Francesco_Albertoni

Gio, 13/02/2020 - 10:33

In uno stato di diritto l'on.le Salvini, come da lui stesso richiesto, potrà difendersi come capita a qualsiasi cittadino in un processo.

hectorre

Gio, 13/02/2020 - 10:52

ma è questa la pagliacciata!!!...se ora il pm lo processerà, è ovvio che ha ricevuto le pressioni politiche.....chissà da chi!!!!!!!!.....sveglia italioti!!!!!!

Ritratto di ANGELO POLI

ANGELO POLI

Gio, 13/02/2020 - 11:02

Cose incredibili, indegne di un Paese civile!

giovanni235

Gio, 13/02/2020 - 11:04

Una magistratura ridicola come quella italiana non esiste in tutto il sistema solare.E Mattarella??? Se non c'è qualcosa da commemorare e sulla quale,anche se vecchia di decenni, BISOGNA CERCARE LA VERITA' non conta niente,è semplicemente inesistente.E' come dare il comando di una portaerei all'aiuto cuoco di bordo.

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 13/02/2020 - 11:12

Allucinante. Fuori dalla logica e con una crescente deformazione della Giustizia. Salvini perseguitato per quello che non ha fatto. Un'Italia allo sbando. Al punto da registrare il dubbio crescente: "ci fanno o ci sono?".

xgerico

Gio, 13/02/2020 - 11:28

Hoooooo ragazzi e stato Salvini che voleva farsi processare, ora lo difendete? Allora gli state dando torto! Ignoranti!

eddie02

Gio, 13/02/2020 - 11:34

schiacciarayban@ Mi spiace ma non condivido, e lo dico da persona che ritiene che Salvini incarni il peggio della politica italiana. Qui però il discorso non è se lui sia colpevole o meno, ai miei occhi lo è senza dubbio dal punto di vista politico, e le sue giustificazioni della difesa del territorio italiano sono ridicole, visto che la nave Gregoretti è territorio italiano, qui il punto è molto più serio, ovvero se la magistratura può processare un politico per un atto politico. Questo è molto pericoloso, poiché ogni singolo atto di un ministro potrebbe essere messo sotto la lente d'ingrandimento della magistratura (e smettiamola di dire rossa o nera o verde o gialla facendone una questione di tifo). La politica tutta doveva avere uno scatto di orgoglio e sollevarsi contro questa ingerenza, riaffermando la divisione dei poteri. Che venga condannato o assolto per me è assolutamente irrilevante, perché credo che con il voto di ieri abbiamo già perso tutti.

Giorgio Rubiu

Gio, 13/02/2020 - 11:38

La parte allucinante è che la Procura di Catania, che adesso è costretta a procedere, aveva già archiviato la faccenda non avendo ravvisato gli estremi pe un'accusa di sequestro. Ma la sinistra non si è arresa, ha passato parola ai magistrati "impegnati" ed ecco che l'archiviazione voluta dalla Procura di Catania in prima istanza, non conta assolutamente niente. La Procura di Catania che, ubbidiente alle direttive della sinistra, prende a schiaffi se stessa!

fgerna

Gio, 13/02/2020 - 11:50

Caro xgerico quello che ti sfugge che in Italia è nato un nuovo regime peggio del fascismo, il paradosso che questo regime lo adottano quei partiti che predicano la democrazia. Da domani in questo paese chiunque vorrà fare qualcosa per il bene degli italiani e non trova d'accordo i partiti di regime rischia la galera, un ottimo futuro per il nostro popolo e vorrei vedere chi verrà ancora ad investire in questo paese

Ritratto di Mariopp

Mariopp

Gio, 13/02/2020 - 11:53

@eddie02 e @schiacciarayban: anche per me gli atti di Salvini non sono atti da processare. Il blocco delle navi è stato un atto politico. Discutibile e in violazione di alcune leggi nazionali e internazionali, ma comunque politico. Detto questo, il mio giudizio su Salvini è sempre bassissimo, esistevano vie per fare le stesse cose, per esempio collaborando con le altre nazioni per trovare una soluzione comune.

hectorre

Gio, 13/02/2020 - 12:12

xgerico....l’unico che ignora sei tu...ignori il fatto che il magistrato aveva chiesto l’archiviazione ma i tuoi compagni di merende sperano di tenere Salvini sulla graticola per mesi...ci sono altre tornate elettorali dove la sinistra è i 5s sono dati perdenti!!!!!!.....resta pure nella tua beata ignoranza, ahimè non solo su questo argomento....

antoniopochesci

Gio, 13/02/2020 - 12:20

"IL FATTO NON SUSSISTE": questa sarà la sentenza che calerà il sipario su questa pantomima, in cui un procuratore che, dopo aver chiesto l'archiviazione, dovrà riproporre l'accusa ed avviare il processo. Purtroppo, non c'è più certezza non solo della pena ma neanche dell'interpretazione del Codice Penale, per cui tot capita tot sententiae. Neanche il VAR giudiziario potrebbe dirimere la questione ed emettere un giudizio oggettivo, per cui tutto si trasformerà nell'ennesima ribalta in cui ogni magistrato vorrà fare il protagonista per non darla vinta al collega. Quanto a chi accusa Salvini di aver perseguito interessi di consenso siamo all'ipocrisia più ributtante: ogni azione politica è ispirata al legittimo interesse al consenso da parte di chi la promuove. Ogni riferimento al rinvio della sugar tax, della plastic tax, ecc. da parte del Governo Giuseppi, per non perdere voti in Emilia Romagna, non è casuale.

jaguar

Gio, 13/02/2020 - 12:29

ST6, per farla breve serve l'uomo forte.

pippo.calabrese

Gio, 13/02/2020 - 12:49

Riepilogando? E gli altri, semplicemente, e gli altri prima e dopo?

ulio1974

Gio, 13/02/2020 - 12:56

quindi verrà archiviato?

giolio

Gio, 13/02/2020 - 13:00

Certo che come italiano mi sento terribilmente umiliato GRAZIE 5 STELLE GRAZIE ZECCHE ROSSE PD E GRAZIE LEU E COMPAGNIA BRUTTA!!!!!

ulio1974

Gio, 13/02/2020 - 13:00

Mariopp 11:53: per fortuna che c'è lei che ci indica cosa si sarebbe potuto fare.....soluzione comune con altre nazioni.....ahahahah, che ridere!!!

igiulp

Gio, 13/02/2020 - 13:11

Quello di demandare al senato la decisione di processare o meno è un'emerita porcheria. Ieri, ti salva perchè ci sono più amici... Oggi, ti manda a processo perchè è cambiato il vento e la maggioranza ti è contro. Solo un mero gioco politico, altro che "carte da vedere"..... Dove sta la giustizia, quella vera?

xgerico

Gio, 13/02/2020 - 13:17

@fgerna-Gio, 13/02/2020 - 11:50. Si intanto dite a salvini che deve restituire 49 milioni rubati al popolo Italiano, poi parliamo di "regime" e chi lo vuole!

xgerico

Gio, 13/02/2020 - 13:20

@hectorre-Gio, 13/02/2020 - 12:12A quel punto tutto torna sul tavolo del tribunale dei Ministri catanese: e anche lì i giudici hanno già fatto sapere apertamente come la pensano, ovvero che Salvini è responsabile di avere sequestrato illegalmente per quattro giorni i 131 migranti a bordo della Gregoretti, e di averlo fatto «non per motivi di ordine pubblico ma per volontà meramente politica». Quindi la richiesta di rinvio a giudizio che la Procura si prepara (suo malgrado) ad avanzare verrà sicuramente accolta, e in tempi abbastanza brevi. Data ipotizzabile di inizio del processo: la prossima primavera.

Ritratto di renzoditolve

renzoditolve

Gio, 13/02/2020 - 13:21

Ora ha la possibilità di archiviare no?

ItaliaSvegliati

Gio, 13/02/2020 - 13:32

Non è un paradosso... è UNA DITTATURA KOMUNISTA E BASTA!!!

Ritratto di Mariopp

Mariopp

Gio, 13/02/2020 - 15:55

@ulio1974: perché no? Facciamo un esempio per chiarire. Nel condominio non vai d'accordo con gli altri condomini e per ripicca non vai alle riunioni di condominio. Gli altri deliberano qualcosa che non ti sta bene. La colpa è degli altri condomini o tuoi? L'europa magari ti sta sul, ma questa è la realtà che viviamo, l'Italia si è astenuta dal partecipare a tutti gli incontri, ha fatto solo le piazzate con due o tre navi delle ONG. Cosa ha ottenuto?