"Il premier ci porta alla crisi psichica"

Il politologo: "Punta su comunicazione ansiogena e scaricabarile"

Giuseppe Conte? «Uomo sull'orlo della crisi di nervi e il suo metodo è quello dello scaricabarile». Divieti? «Stiamo diventando un paese di delatori. Rischiamo la crisi psichica. La sua classe dirigente è inetta e incapace». Non è lo sfogo dell'uomo in quarantena, ma la riflessione di Marco Tarchi, docente di Scienza politica all'Università di Firenze, riferimento del pensiero di centrodestra, esperto di populismi.

Un altro dpcm perché se «vuoi bene all'Italia mantieni le distanze». Si può tenere ancora un Paese chiuso?

«A quanto pare, sì. Puntando sulla paura suscitata dalla comunicazione ansiogena. Ma quanto a lungo sarà sopportabile questa sorta di arresti domiciliari, se non si fisserà perlomeno una data di massima per rivedere un po' di luce in fondo al tunnel? E quali costi comporterà la serrata, in termini sia di collasso di settori economici, sia di patologie psicologiche?».

Governare senza decidere? Come lo classifica la scienza politica questo «metodo Conte»?

«Come una tattica ben nota, che in termini raffinati si può definire della dilazione, ma in modo meno forbito si chiamerebbe dello scaricabarile».

Si è ingaggiata l'esegesi sul «congiunto» che è ancora un rifugio lessicale per nascondere scelte. È adeguato questo premier?

«Il suo imbarazzo è evidente, così come palese è stata la sua tensione emotiva quando in diretta tv, quasi ansimando, ha attaccato Meloni e Salvini un po' sguaiatamente. Ne è venuta fuori l'immagine di un uomo sull'orlo di una crisi di nervi».

Non è che, in silenzio, i pieni poteri li ha presi lui?

«In più di un'occasione ha abbandonato il «noi» per passare all'«io» e rivendicare quelli che presenta come meriti. Molto indicativo del tentativo di costruirsi un futuro politico personale».

Nessuno mette in discussione la scienza. Ma cosa pensa quando vede in televisione i virologi?

«Che l'irresistibile tentazione di guadagnarsi il famoso quarto d'ora di celebrità non risparmi quasi nessuno. In ogni caso, in un Paese ben governato le scelte che riguardano la collettività non dovrebbero spettare ai medici ma ai politici».

La minaccia è sempre quella: se aumenta la curva, si chiude nuovamente. Ci dobbiamo rassegnare a una vita da topi?

«Può rassegnarsi solo chi pensa che la vita vada misurata solo in termini quantitativi e non qualitativi. Purtroppo, sembra, non sono pochi».

Che impressione le ha fatto la caccia con i droni?

«Triste. Non amo l'irresponsabilità, ma anche la delazione è un sintomo di imbarbarimento».

La criminalizzazione degli assembramenti?

«Criticare l'indiscriminato Tutti a casa! non significa ignorare le norme più elementari di sicurezza. E invece mi sembra che in Italia si passi senza soluzione di continuità dalla rigidità più ottusa alla faciloneria più stupida».

In un suo saggio recente ha parlato di virus e classe dirigente «inetta e incapace» e sostiene che la pandemia rischia di diventare una pandemia psichica.

«Le parole e le espressioni che ho usato sono il frutto di riflessioni, non solo di emozioni. E non le ho scelte a caso. Descrivono, credo e temo, la realtà attuale e un grave processo che si va delineando».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di filospinato

filospinato

Gio, 30/04/2020 - 10:14

Voleva diventare uno statista, ma è diventato solo uno statuista.

aswini

Gio, 30/04/2020 - 10:14

MANZONI L'AVEVA GIA DESCRITTO LEGULEIO AZZECCACARBUGLI,Viene chiamato così dai popolani per la sua capacità di sottrarre dai guai, non del tutto onestamente, le persone disoneste e potenti. Spesso e volentieri aiuta i Bravi, poiché, come don Abbondio, preferisce stare dalla parte del più forte, per evitare una brutta fine.

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 30/04/2020 - 10:23

Sono nato nel 1940, in tempo di guerra, sono sopravvissuto fino ad oggi e resisterò ancora. Non sarà l'avvocato Conte a portarmi ad una crisi psichica che credo di vedere tutta sua. Amen

Ritratto di VenCom

VenCom

Gio, 30/04/2020 - 10:51

Mi sembra che l'unico sull'orlo di una crisi psichica sia Matteo Salvini. Ogni giorno perde voti e sta andando fuori di testa

Ritratto di michageo

michageo

Gio, 30/04/2020 - 11:07

Più che di "congiunti" sarebbe più appropriato parlare di "CONSUNTI",, ovvero dei Cittadini che a furia di attendere una risposta certa alla marea di quesiti cui non è stata data alcuna risposta decente salvo l'uso dei verbi al futro, si consumano progressivamente spesso secondo il vecchio adagio :"chi vive sperando muore cantando" o canta che ti passa........

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Gio, 30/04/2020 - 11:15

VenCom Gio, 30/04/2020 - 10:51 Pensi ai suoi aguzzini che fingono di stare tranquilli...ne vedremo delle belle.

bernardo47

Gio, 30/04/2020 - 11:42

Nella situazione data,difficile fare diversamente. Salvini e Meloni fanno ridere i polli.

IronHandIronHead

Gio, 30/04/2020 - 11:57

L'ansia che questo figuro trasmette è voluta e studiata. Gli uomini reagiscono quando hanno paura, ma quando sono in stato di ansia no. I tre pilastri sono: generare angoscia verso un supposto male la cui dimensione è indefinibile, far parlare degli "esperti" che incrementino il senso di impotenza, togliere di mezzo qualsiasi "speranza", ed ecco perché sono state chiuse le chiese, vietate le passeggiate, le corse, gli allenamenti in bicicletta, ovvero la generazione di endorfine positive, bloccare il lavoro. Ridurre l'uomo come vegetale. Metodi ben conosciuti e ben applicati. D'altronde dietro ai 5S chi c'è?

beowulfagate

Gio, 30/04/2020 - 12:06

vencom-bernardo47:due perfetti esempi del perchè siamo il paese più stupido a livello planetario.

Ritratto di Zizzigo

Zizzigo

Gio, 30/04/2020 - 12:30

Purtroppo la maggior parte della popolazione italiana è composta da inetti che non sanno neppure per chi sarebbe corretto votare, perché non hanno una cultura economica e politica personale, ma gli hanno imposto una ignoranza di gruppo... alla quale si sono supinamente piegati, essendo faticoso pensare con quella specie di peso morto che dovrebbe essere il loro cervello. Mi spiace, ma sono molto peggio dei topi da laboratorio!

ilrompiballe

Gio, 30/04/2020 - 12:50

02 12 1940: siamo coetanei, per cui abbiamo condiviso esperienze che i cacasotto attuali manco immaginano. Nonostante le difficoltà, le inadeguatezze e quant'altro abbiamo portato questa nazione ai massimi livelli. Durante le epidemie abbiamo lavorato e studiato, dando ai morti una decorosa e dolorosa sepoltura. Ma siamo andati avanti. Quello che mi dispiace è che non vedo più quella determinazione e quel coraggio, per cui giustifico la generazione dell'apericena che se ne sta chiusa in casa ritenendosi al sicuro. La nostra parte l'abbiamo fatta.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 30/04/2020 - 13:45

Conte è un avventuriero che si fa i fatti suoi giacché nessuno lo ha eletto.

susyserra

Gio, 30/04/2020 - 13:49

Ma vi rendete conto di come ci prende tutti per i fondelli? Ci racconta che per la prima volta in 500 anni le banche presteranno soldi "per amore", poi chiederà ai politici di lavorare veramente per la gente e a Dracula di donare il sangue. Ma non capite, voi parassiti della pubblica amministrazione che lo sostenete, voi pecore col cervello arrostito dalla tv del pensiero unico, che considera anche voi dei poveri deficienti?

capi_tan_iglu

Gio, 30/04/2020 - 13:58

In altre nazioni sosto state adottate misure restrittive ma al contrario di Italia, Spagna, e Baviera, si può sempre camminare liberamente al parco, in campagna, al mare, al lago o in montagna purché si mantengano le distanze e non si creano assembramenti di persone. In Italia invece: gli elicotteri e i droni perché uno camminava da solo sulla spiaggia o si prendeva il sole: ma vi pare normale tutto ciò? Come mai tale assembramento di poliziotti, elicotteri, droni e quant'altro non sono mai stati usati contro la mafia, la vera criminalità o gli sbarchi dei clandestini dall'Africa?

IronHandIronHead

Gio, 30/04/2020 - 16:54

02 12 1940 e il rompiballe: ho 56 anni, non ho vissuto ovviamente le vostre esperienze, ma ho profondo rispetto per chi mi ha preceduto. Per questo rispetto ho lottato per tenere aperta la mia azienda contro burocrazia, governo e sindacati (!). Lavorare in azienda si può e con poco si è più sicuri che ad andare alla COOP. Ho continuato a correre, vicino a casa, in un'orrenda zona industriale per non violare le norme, la legge infatti avrebbe permesso altro. Proprio perché Lavoro, Libertà, Esercizio Fisico, Fede generano la sostanza stessa dell'Umanità. Il virus non si ferma e non si fermerà mai. Ma l'obiettivo del Lockdown NON è mai stato il virus, vero?