Schiaffo delle Marche ai suoi terremotati: "10 milioni per le bici"

La Regione: "Nuove piste ciclabili coi fondi del sisma". L'ira degli sfollati: "Vergognoso"

Cosa c'entrano le piste ciclabili con la ricostruzione post-terremoto? A prima vista nulla. Eppure un nesso dev'esserci visto che la Regione Marche ha appena deliberato di destinare 5.016.000,00 euro «a valere sui fondi Eventi Sismici Por Fesr Marche 2014/202010», per la costruzione di una nuova rete di piste ciclabili. Cifra che sarebbe poi versata in due tranche, per un costo complessivo quindi del doppio, circa 10 milioni di euro. Il tutto è motivato nella delibera numero 36 del 22 gennaio scorso, dove si legge: «Nell'ambito del processo di ricostruzione post sisma si ritiene prioritario promuovere interventi volti a migliorare la qualità di vita nelle aree urbane tramite la riduzione delle emissioni di carbonio. Al fine di incentivare l'utilizzo di mezzi a basso impatto ambientale e così concorrere alla riduzione delle emissioni e dell'assorbimento di carbonio, è necessario cofinanziare interventi per lo sviluppo e la messa in sicurezza di itinerari e percorsi ciclabili e per l'incentivazione di trasporti urbani puliti». Le piste ciclabili appunto. Le quali, però, non vengono percepite come una priorità dalle vittime del terremoto del 2016 nelle Marche. Protesta infatti il coordinamento dei comitati Terremoto Centro Italia, per voce del suo responsabile Francesco Pastorella: «È una vergogna. La giunta della Regione Marche assegna 10 milioni di fondi sisma europei alle piste ciclabili. Si tratta del doppio della cifra che la stessa Regione Marche aveva avuto il coraggio di stanziare per le piste ciclabili attingendo ai proventi degli sms solidali, manovra sventata grazie ad una coordinata azione di protesta nel giugno 2017!». Già quell'anno infatti la Regione fu costretta a fare dietrofront al progetto di finanziare con 5,5 milioni presi dai fondi per il terremoto la pista ciclabile CivitanovaSarnano. Altro progetto sempre con i soldi degli sms solidali, quello di riaprire la grotta sudatoria di Acquasanta Terme, una struttura termale chiusa da decenni.

La protesta nel 2017 fermò l'operazione, secondo la Regione a guida Pd un investimento per rilanciare il turismo. Messa in soffitta per un po', rieccola spuntare. «Questa decisione arriva come uno schiaffo alla nostra situazione, uno schiaffo alla dignità di chi ha sempre lavorato senza mai chiedere niente - accusa il coordinatore del comitato Terremoto Centro Italia - Hanno fatto solo danni, si mettono a litigare col governo per dettagli sulla pelle dei terremotati, ritardano ulteriormente la ricostruzione e adesso hanno la faccia tosta di utilizzare fondi destinati al sisma per le loro passeggiate in bicicletta. Ci appelleremo in tutte le sedi e parleremo con il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani per bloccare quest'ennesimo affronto alle drammatiche condizioni dei terremotati. Questa non passerà!».

La reazione va inquadrata nella situazione generale della ricostruzione nelle Marche a oltre due anni dal sisma. Un disastro: 31.675 persone sfollate (solo a Tolentino 247 persone vivono tuttora nei container), oltre 45mila edifici ancora non agibili, pratiche burocratiche che procedono a rilento mentre non ci sono più fondi per pagare il Contributo mensile di autonoma sistemazione che molti sfollati attendono da mesi, cinquecento imprese sparite e 1.500 posti di lavoro persi. Un territorio ancora in ginocchio. Ma con le piste ciclabili.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Lun, 28/01/2019 - 08:50

Ma non l'avete capito? Prima le piste poi un accordo con il bike sharing per l'acquisto di un migliaio di bici da dislocare lungo i percorsi come hanno fatto a Pesaro ( ogni 100metri una bici con lucchetto parcheggiata).

claudioarmc

Lun, 28/01/2019 - 08:53

Maledetti buffoni del PD

Ritratto di ammazzalupi

ammazzalupi

Lun, 28/01/2019 - 09:01

I marchigiani votarono compatti per il PD. Ed il PD li sta gratificando. Tanto peggio, tanto meglio! Così diceva il kompagno Togliatti.

Giorgio5819

Lun, 28/01/2019 - 09:07

Ecco come opera il sistema comunista, priorità al trastullo delle piste ciclabili, il resto é noia... e c'é ancora della gente che gli crede e li vota !! Luridi ignoranti sinistrati, gente senza vergogna.

lappola

Lun, 28/01/2019 - 09:36

Sempre il PD, sempre il solito PD. Quello che critica tanto gli altri per la finanziaria che non destina risorse agli investimenti, ora è andato a deviare le risorse (che tra l'altro erano offerte dirette degli sms) per fare la pista ciclabile. A questo punto perché non finanziare un ippodromo, il bocciodromo oppure la ruota panoramica? Servirebbero comunque ai terremotati per passare il tempo in attesa della ricostruzione ... Complimenti a voi del PD !

ruggerobarretti

Lun, 28/01/2019 - 09:39

Il piddi delle marche e dell'umbria e' quanto di piu' dannoso possa esistere al mondo. peggio di ebola.

GioZ

Lun, 28/01/2019 - 09:40

Siamo al feticismo puro, la bicicletta assurge a panacea di tutti i mali.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Lun, 28/01/2019 - 09:42

Ma chi ci va in bicicletta da quelle parti dove il territorio è tutto un saliscendi ... l'unico che correva era Scarponi (RIP) e c'ha rimesso la pelle perché in una discesa non è riuscito ad evitare una vettura. Di certo da come viene amministrata una così fertile terra il popolo che l'ha fecondata con generazioni di contadini e imprenditori, merita di essere rispettata. Nota Bene che da quelle parti vi sono sono industriali-artigianali, con opere di urbanizzazione complete, che sono diventate un deserto ... le arie migliori le hanno trovate delocalizzando ovvero scappando da quell'inferno burocratico e di politiche economiche in cui è sprofondato il Bel Paese

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 28/01/2019 - 09:45

Nelle Marche le bici sono una priorità. Si tratta di una spesa che fa piacere a qualcuno: in se stessa e per il prossimo futuro. Regole politico-economiche. I Marchigiani non si lamentino e si preparino ad andare in bicicletta: così vuole il PD.

Giorgio Colomba

Lun, 28/01/2019 - 10:07

Tafazzi vota Pd.

NickByte

Lun, 28/01/2019 - 10:17

ragazzi ... se insistono con le piste ciclabili vuol dire che qualche cooperativa deve lavorare ... no ??

Giorgio5819

Lun, 28/01/2019 - 10:24

Come mai gli squallidoni comunisti non organizzano una "staffetta" nei centri terremotati ? ... hanno paura di prendere schiaffi dalla gente ? dov'é finito il loro mitico commissario rosso per la ricostruzione ??...SCHIFOSI come sempre, un giretto sul gommone, una comparsata sulle navi-pirata, e via a grattarsi fino alla prossima imbarcata di rifiuti !! VIGLIACCHERIA COMUNISTA.

jaguar

Lun, 28/01/2019 - 10:26

Quando ogni anno si stila la famosa classifica delle città più vivibili, le piste ciclabili rappresentano un parametro fondamentale, anche più dell'aria inquinata, di quella non gliene frega niente a nessuno. Evidentemente la regione Marche vuole che le sue città risultino tra le più vivibili in Italia, i terremotati si arrangino.

paco51

Lun, 28/01/2019 - 10:34

ai marchigiani gli sta bene! sono Komunisti e vanno in bicicletta fino a sotto le tende! che non rompessero!

Tenedotante

Lun, 28/01/2019 - 11:02

Può darsi che ai marchigiani, peraltro bravissime persone, passi il vizietto di mettere la crocetta su quel certo simboletto. P.S. di quegli sms ne ho fatti parecchi, ma non me ne pento, li rifarei: tributo di amore per Visso e per tutta quella meravigliosa regione.

rudyger

Lun, 28/01/2019 - 11:27

sono Komunisti, la melma dell'umanità. mi dispiace per le Marche regione dove era nata mia madre.

Ritratto di Gio47

Gio47

Lun, 28/01/2019 - 11:36

Bravi, prima le bici e le piste solo dopo le case e gli aiuti ai terremotati, questa è la sinistra Italiana.

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 28/01/2019 - 11:50

Giusto. Hanno votato pd? Ora ne godano le infami politiche.

Divoll

Lun, 28/01/2019 - 12:06

Con le case ancora distrutte, questi pensano al carbonio?! O, magari, a intascarsi una bella porzione di questi soldi?! VERGOGNA (anche a chi vota ancora PD).

roberto.morici

Lun, 28/01/2019 - 12:18

Io sono marchigiano e capisco i miei conterranei che avendo le case distrutte dal terremoto si divertiranno da matti biciclettando sulle future paesaggistiche piste ciclabili. Sono marchigiano e in certi casi, come questo, me ne vergogno moltissimo.

Ritratto di Rik1954

Rik1954

Lun, 28/01/2019 - 12:20

da marchigiano e da terremotato non posso che condividere i giudizi negativi su chi governa la regione (Ceriscioli in primis). Non è solo di piste ciclabili e di terremotati dimenticati che dobbiamo parlare ,ma anche e soprattutto di Sanità, ridotta nelle zone montane come la mia ai minimi termini. Se vogliono farci diventare una riserva indiana,ce lo dicano apertamente

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 28/01/2019 - 12:30

ma che schiaffo e schiaffo,la giunta pdiota,giustamente,investe in piste ciclabili,,per far smaltire l'eccesso di grasso ai terremotati che li ringrazieranno nuovamente alle prossime elezioni!

Silpar

Lun, 28/01/2019 - 13:02

Mattarella Renzi e la Boldrini dissero: NOn vi lasceremo soli, dopo due anni hanno pensato di dare loro le biciclette, cosi la coop dopo i migranti gli fa la pista ciclabile, ... e le case di cartone??? dove si gela???marchigiani...Pedalate cosi vi scalderete!!! a proposito sono stati ritrovati i 6 milioni donati dai cittadini Italiani per i terremotati?? sequestrare la villa a Renzi. una parte dei 6 milioni sta' li, un'altra parte sta' al babbo, e ai terremotati senza casa???PEDALATE MARCHIGIANI E RICORDATEVI VOTATE ANCORA PD!!!!

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Lun, 28/01/2019 - 13:32

MA CHISSA QUANTI GRUMOTTI VIVONO NELLE MARCHE?!MA LE CASE DEI TERREMOTATI SONO PROVISTE DI PISTE CICLABILI OPPURE LE BICI SI DEVONO PORTARE SULLE SPALLE?!CARI MARCHIGIANI AVETE VOLUTO LA BICICLETTA PD?! ADESSO PEDALATE!.

vigpi

Lun, 28/01/2019 - 13:56

Nelle elezioni del 4 marzo nelle Marche su 840000 votanti in 250 mila hanno votato per Pd e accoliti, che da due anni prendevano per i fondelli le popolazioni terremotate. Ecco, per questi 250 mila sono contento della realizzazione delle piste ciclabili.