La scure del Papa su Bose. Allontanato Enzo Bianchi

Il Vaticano: ha problemi con il nuovo priore Il fondatore della comunità dovrà trasferirsi

È stato considerato per anni il «pupillo» di Papa Francesco, una delle voci più ascoltate negli ambienti cattolici, editorialista sui giornali e consultore d'Oltretevere. Il Vaticano ha deciso adesso di allontanare Enzo Bianchi, 77 anni, fondatore e già priore della Comunità di Bose, la comunità che il teologo aveva fondato in provincia di Biella a metà degli anni Sessanta e che ospita una novantina di membri, uomini e donne laici, di diverse nazionalità. La decisione della Santa Sede, che non è stata ancora ufficializzata, arriva dopo che il Papa, lo scorso dicembre aveva deciso di inviare degli «ispettori» nel monastero che fratel Enzo tre anni fa aveva lasciato alla guida di fratel Luciano Manicardi, regolarmente eletto.

Una visita apostolica, quella compiuta a Bose, per verificare che il passaggio di consegne con il nuovo priore fosse avvenuto regolarmente ma soprattutto per accertarsi che nel monastero si respirasse davvero un clima fraterno e che non ci fossero problemi nella gestione del governo e nell'esercizio dell'autorità. A quanto pare, però, gli incaricati del Vaticano, hanno riscontrato delle anomalie, tanto da portare il Papa alla decisione finale di far trasferire in altro luogo l'ex priore e altri tre confratelli. Nella relazione finale consegnata alla Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica, i tre «ispettori», padre León Arboleda Tamayo, abate benedettino, padre Amedeo Cencini, psicologo, psicoterapeuta e consultore del dicastero vaticano e madre Anne-Emmanuelle Devéche, Abbadessa di Blauvac (Francia), quest'ultima già in visita apostolica a Bose nel 2014 e vecchia conoscenza di Enzo Bianchi, hanno sottolineato una serie di problematiche legate proprio alla fase di passaggio dal vecchio al nuovo priore, con Bianchi che non avrebbe realmente ceduto la gestione del monastero al successore, innescando un vespaio di polemiche e tensioni.

La comunità monastica, con un post sul proprio sito web, il 6 dicembre 2019, aveva accolto i tre visitatori esprimendo «sincera gratitudine al Santo Padre Francesco per questo segno di vicinanza e di sollecitudine paterna perché aiuterà a meditare più intensamente sulla nostra chiamata e sulla nostra missione. È una opportunità preziosa di ascolto e di dialogo». Dopo quasi sei mesi dall'arrivo, però, il risultato dell'inchiesta, sollecitata dagli stessi monaci di Bose, non è stato quello sperato dal fondatore e così Enzo Bianchi dovrà lasciare definitivamente quell'oasi che aveva costruito, mattone dopo mattone, alla fine del Concilio Vaticano II, accogliendo chi volesse fare un cammino di tipo monastico.

Dal monastero laico ovviamente non filtra ancora alcun commento all'indiscrezione, l'unica voce è quella dello stesso Enzo Bianchi che il 24 maggio scorso ha lasciato un messaggio sul suo profilo Twitter, seguito da quasi 60mila follower. «Ciò che è decisivo per determinare il valore di una vita - ha scritto l'ex priore di Bose -, non è la quantità di cose che abbiamo realizzato ma l'amore che abbiamo vissuto in ciascuna delle nostre azioni: anche quando le cose che abbiamo realizzato finiranno l'amore resterà come loro traccia indelebile».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 28/05/2020 - 14:20

Come Bianchi Enzo anche Adolfo Hitler e Rossi Enrico pretendevano la "ridistribuzione delle ricchezze" (degli altri) a quelli della sua "razza".