"Sesso per fare carriera? Non è uno stupro ma solo prostituzione"

L'avvocato contro le violenze sulle donne: "Sfruttare i ruoli maschili è una scorciatoia"

"Sesso per fare carriera? Non è uno stupro ma solo prostituzione"

Un confine sottile, ma netto: da una parte c'è lo stupro, dall'altro la prostituzione. A segnare la frontiera? «La libertà di scelta». Così dice Giulia Bongiorno, avvocato di grandi processi, da anni impegnata insieme a Michelle Hunzicker in Doppia Difesa, la onlus che tutela le donne vittime di violenza.

Andare a letto col produttore per fare un film significa venire stuprate?

«Mettiamo una cosa in chiaro: se una donna mossa da ambizioni di carriera sceglie, mossa da questa ambizioni, di accettare quello che chiede l'uomo anche se non ne ha particolarmente voglia, siamo di fronte alla ricerca di scorciatoie, non a una violenza carnale. Non basta il fatto che ci sia un divario di ruolo sociale o di funzioni a rendere illegale qualunque rapporto sessuale, non possiamo dire automaticamente che se l'uomo è potente allora la donna è vittima. Se è lei che vuole sfruttare la posizione dell'uomo siamo di fronte quasi a una forma di prostituzione».

Quindi Asia Argento e le altre hanno torto a lamentarsi?

«Non hanno affatto torto, fanno benissimo. Perché quello che è mancato loro, ed è una assenza decisiva, è la possibilità di scegliere, di dire di no. Se non c'è libertà reale di autodeterminazione allora sì che c'è violenza, esattamente come nei casi di sopraffazione fisica. A me non sta simpatica la Argento, ho sempre trovato le sue provocazioni forme di trasgressione fine a se stessa più che di arte. Ma oggi viene messa in croce e non creduta solo per il personaggio che è, e questo è inaccettabile».

Ma di questi episodi ci sono di solito solo due testimoni: la presunta vittima e il presunto colpevole. Perché dovremmo credere sempre alla prima e mai al secondo?

«Vede, io faccio l'avvocato e mi occupo di fatti. Anche in questi casi, sono i fatti a dover guidare la valutazione. La donna che ha il rapporto col potente ne approfitta o lo subisce? Questa è la domanda decisiva. Nel caso dell'Argento c'è un fatto inequivocabile, che è il fax che è stato reso noto proprio dal Giornale, in cui già nel 1997 la ragazza manifestava tutto il suo disgusto per le pretese dell'uomo. Il fax è la dimostrazione che se la Argento avesse avuto libertà di scelta, non sarebbe mai finita a letto con Weinstein».

E allora perché aspettare, lei come tutte le altre, vent'anni a denunciare?

«Il fatto che abbia subito e non denunciato non mi stupisce affatto, perché lui era un uomo potente e perchè all'epoca nessuna vittima denunciava. Stiamo parlando di vent'anni fa, e il clima era quello: non si denunciava per vergogna e perché si temeva di non essere credute. Ancora dieci anni fa, quando con Michelle abbiamo fondato la nostra onlus, la stragrande maggioranza delle donne che subivano violenza sceglieva di tacere, perché si vergognavano, e perché erano convinte che denunciando avrebbero danneggiato soprattutto se stesse. Questo accadeva e accade in tutti gli ambiti sociali, compresa Hollywood. Oggi Asia Argento denunciando Weinstein denuncia anche una propria debolezza. Anche questo credo che debba essere apprezzato».

Commenti