Il sospetto sui voti leghisti. "Ci han fatto perdere al Sud"

Salvini non ha mai digerito Caldoro e Fitto, i comizi insieme solo alla fine. Emiliano: "Hanno preferito me"

Quei due candidati, Fitto e Caldoro, non sono mai andati giù a Matteo Salvini, che alla fine ha dovuto digerirli per «una scelta di compattezza, generosità e umiltà» ma non per vera convinzione. I dubbi sono rimasti per tutta la campagna elettorale e sono stati confermati ancora di più dopo la sconfitta in Campania e Puglia, soprattutto in quest'ultima dove la Lega puntava a diventare «di gran lunga il primo partito della coalizione», come promise Salvini in un comizio a Foggia, mentre si è piazzata solo quarta dopo Fdi. Ma se dalle parti del Carroccio si mugugna sulla scelta sbagliata dei candidati voluti dalla Meloni e Fi al sud, dalla parte degli alleati serpeggia l'inconfessabile sospetto che Salvini non abbia spinto più di tanto l'acceleratore per portare voti ai due candidati governatori e che una parte dei suoi elettori abbia votato in modo disgiunto in quelle due regioni. Tanto più che una vittoria di Fitto sarebbe stato un trionfo della Meloni, che avrebbe ottenuto due governatori in un colpo solo e quindi un punto in più nella competizione interna per la leadership a destra.

Il sospetto non arriva a ipotizzare che Salvini abbia remato contro, ma che non abbia voluto mettere più di tanto la sua faccia sulla corsa dei due candidati della Meloni e di Forza Italia quello sì. «La verità è che Salvini si è sempre rifiutato di farsi vedere insieme a Fitto, è sceso in Puglia molte ma volte senza mai incontrarlo. Solo a pochi giorni dal voto, in cambio della presenza della Meloni a Firenze per la chiusura della Ceccardi, abbiamo ottenuto che lui facesse una cosa insieme a Fitto» spiegano dai vertici di Fdi. Solo il 12 settembre, quindi ad una settimana dalle elezioni, Salvini ha partecipato ad una manifestazione insieme a Fitto, a Bari, con gli altri leader della coalizione.

Prima di quel giorno i due avevano condotto due campagne elettorali sostanzialmente separate, Salvini ogni volta in Puglia era accompagnato da quello che doveva essere il suo candidato, Nuccio Altieri, ex deputato di Noi con Salvini, poi nominato presidente dell'Invimit, la sgr del ministero dell'economia che si occupa di investimenti immobiliari, presenza fissa nei tour pugliesi di Salvini e «retrocesso» a numero due in Regione nel caso si fosse vinto il centrodestra. Fino ad allora Fitto e Salvini si erano solo sentiti al telefono, ripromettendosi di farsi vedere insieme in pubblico più avanti ma rimandando sempre l'incontro.

Fitto fa il gentleman: «Non ho elementi per dire che gli elettori leghisti non hanno votato per me. La Lega l'ho vista leale al mio fianco. Non ho alcuna esigenza di immaginare polemiche strumentali». Emiliano invece la mette giù più cruda: «É evidente che se la Lega in Puglia scende dal 25% al 9% c'è un mare di elettori leghisti che hanno votato per noi, tra Fitto e Emiliano hanno scelto Emiliano come ci auguravamo. Bisognerà avere grande rispetto di questo elettorato leghista che vuole vedere la sua Regione orgogliosamente alla pari del Nord».

La stessa distanza si è verificata in Campania, con Stefano Caldoro, un altro dei volti «non nuovi» contestati e poi maldigeriti dal leader leghista. Anche per il candidato azzurro si è dovuto aspettare la fine di agosto per la foto con stretta di mano tra i due, dopo mesi di freddezza nei rapporti. Da analizzare anche qui la possibilità di un voto disgiunto dei leghisti campani per De Luca. I sospetti reciproci non si traducono in una polemica aperta tra gli azionisti del centrodestra, ma il problema c'è e la Lega lo solleva apertamente. «Un ripensamento nel centrodestra sull'offerta politica che abbiamo fatto ai pugliesi e ai campani va fatto» dice Salvini al Tg1. Il segretario è già al lavoro per i candidati alle amministrative di primavera: «Stiamo incontrando uomini di area culturale che portino una ventata di aria nuova, è fondamentale». Messaggio e destinatari molto chiari.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

dagoleo

Mer, 23/09/2020 - 17:52

Fitto e Caldoro erano sbagliati in partenza. entrambi rappresentavano il vecchio e francamente non piacevano a nessuno. io avrei avuto difficoltà a votarli. scelte sbagliate ed il risultato è stato quello che si è visto. forse in Puglia con un altro candidato si sarebbe potuto fare molto meglio e vincere.

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 23/09/2020 - 17:55

E’ aperta una guerra politica contro Salvini, da molte le parti, mirante a fargli perdere le posizioni politiche acquisite negli ultimi anni.

zagor1963

Mer, 23/09/2020 - 19:40

Salvini ha sbagliato nel parlare troppo vinciamo 5-2 perchè poi la sinistra che gioca solo nello screditare gli avversari che x loro son nemici, manipolano e l'informazione pur avendo perso le marche x loro è stato un successo. Allora speriamo continuino a perdere le regioni con soddisfazione, soprattutto quando in emili e toscana capiranno che il pd è il partito dei poteri forti. Per i leader della dx gua litigare e dividersi x non fare il gioco di chi vuole eliminare l'opposizione . Bisognerebbe organizzare una grande manifestazione di protesta x cercar di porre fine a quello che avviene da 30 anni puntualmente contro le opposizioni

Macrone

Gio, 24/09/2020 - 14:05

Fitto e Caldoro erano due candidati sbagliati sin dall'inizio e questo Salvini ha cercato di farlo capire in tutti i modi a FDI e FI, inascoltato. Fitto è candidato in Puglia da una vita e perde sempre. Ha perso due volte contro Vendola. Come fa la Meloni ad insistere su questa candidatura farlocca. I pugliesi Fitto non lo vogliono vedere neppure in cartolina e candidarlo è stato come voler mettere le dita negli occhi ai pugliesi. Inutile che se la prendano con Salvini, la debacle in Puglia ed in Campania è colpa solo di Meloni e Berlusconi.

investigator13

Gio, 01/10/2020 - 13:49

quelli di destra sono tutti sbagliati se non si cambia il modus operandi nello scrutinare le schede. E' qui che si gioca la vittoria o la sconfitta di questo o di quel partito. Si deve pensarci già adesso per rivoluzionare la conta delle schede ottenere la certezza della vittoria sia dell'uno che dell'altro contendente per la vittoria

Ritratto di marystip

marystip

Lun, 05/10/2020 - 19:15

I grillini potevano giusto vincere a Matera città di grotte e nient'altro. Nelle caverne i 5 Stelle si trovano benissimo. Per il resto è ribadito il fatto che al Sud l'assistenzialismo vince sempre; campare senza lavorare è gradito al popolo italico. Salvini non si rammarichi per la Puglia, se i pugliesi (sempre italiani sono) hanno votato uno che ha fatto fallire economicamente la loro Regione vuol dire che quel territorio è meglio perderlo. Contenti loro è come per Roma hanno votato la Raggi se la tengano.