Lo spread torna a fare paura. È incubo per i conti pubblici

Il differenziale con il bund tedesco continua a crescere e oggi arriverà la temuta pagella di Standard&Poor's

Lo spread torna a fare paura. È incubo per i conti pubblici

Ieri il differenziale di rendimento, cioè lo spread, tra il Btp decennale e l'omologo Bund tedesco si è attestato a quota 270 punti, circa 6 punti in più della vigilia, ma soprattutto non troppo distante dai massimi di febbraio (288). A pesare sulla cattiva performance del debito sovrano italiano ci sono vari fattori che, tuttavia, nessuno a Roma sembra aver preso in adeguata considerazione.

In primo luogo, sono ormai due settimane che lo spread ha intrapreso un sentiero crescente aumentando di oltre 20 punti. In queste ultime due settimane, mentre in Italia teneva banco il dibattito sul decreto Crescita, sull'ipotesi di flat tax e sul Salva Roma, gli investitori hanno guardato ai fondamentali dell'economia italiana con una certa preoccupazione. Il Def, infatti, ha confermato un aumento del rapporto debito/Pil al 132,6% (dal 132,2% dell'anno scorso) con un deficit al 2,4% del prodotto interno lordo quest'anno a fronte di una crescita misera dello 0,2 per cento. Insomma, le cifre chiave rendono sempre meno sostenibile l'esposizione tanto più che l'avanzo primario è atteso ridursi dall'1,6% del 2018 all'1,2% quest'anno. Ieri il Bollettino della Bce ha confermato il clima generale di incertezza sottolineando che «la perdita di slancio dell'economia dovrebbe proseguire nel corso dell'anno». Tra rallentamento della domanda globale e fine del Quantitative easing ci sono notevoli fattori di rischio, che inducono gli investitori a concentrarsi poco a poco sui titoli più sicuri, tra i quali i Btp rientrano a stento.

Molto dipenderà anche dal verdetto che l'agenzia di rating Standard & Poor's emanerà oggi: il rating BBB è due scalini sopra il livello spazzatura che comporterebbe l'esclusione automatica da molti portafogli istituzionali con conseguente impennata dei rendimenti, aumento del costo del debito e così via sulla falsariga del 2011. «In caso di downgrade, lo spread potrebbe sfondare i 300 punti base già il prossimo lunedì, e il costo per la nostra finanza pubblica sarebbe molto elevato, considerando anche che la prossima settimana è in calendario l'importante asta sui Btp decennali», ha chiosato ieri Renato Brunetta (Fi). L'outlook è negativo e la revisione al ribasso delle stime del Pil (S&P si aspetta un +0,1%) non induce a un particolare ottimismo sebbene un taglio immediato della valutazione non appaia molto probabile.

C'è, infine, un terzo elemento che non contribuisce a rasserenare gli animi: l'incremento del prezzo del petrolio per via della diminuzione della produzione globale a causa delle crisi in Venezuela e Libia che si assommano alla crescente tensione fra Usa e Iran. Finora se n'è accorto chiaramente chi ha sfruttato il lungo ponte pasquale per viaggiare, ma se la situazione dovesse protrarsi ancora, i problemi aumenterebbero. Caro carburante fa rima con inflazione e un aumento di quest'ultima renderebbe per le banche centrali meno percorribile un prolungamento dell'attuale livello accomodante dei tassi di interesse. Alzare il saggio di sconto è, infatti, la prima misura per tenere a bada l'inflazione. Con prezzi in aumento, tassi più cari e redditi pressoché stabili, i primi a risentirne sarebbero i consumi penalizzando il Pil e, a catena, la sostenibilità del debito dei Paesi particolarmente esposti come l'Italia. Quando il ministro Tria parla di «monitoraggio della situazione» è a questo fantasmagorico circo Barnum che si riferisce. Piazzare i Btp, infatti, è un gioco di prestigio.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti