Tap, tensioni M5s: "Conte sbaglia. Non ci possono essere penali"

Movimento No Tap: "Questo Governo, come i precedenti vuole favorire la gigantesca lobby transnazionale che sta dietro a Tap, per questo incontrerà una durissima opposizione da parte delle comunità locali, sia nelle piazze che nelle aule dei tribunali, compresi quelli internazionali"

Le polemiche non potevano che essere dietro l'angolo. Dopo la dichiarazione del premier Giuseppe Conte sulla realizzazione del Tap, il gasdotto trans-adriatico che collegherà i giacimenti dell'Azerbaijan all'Italia, e le penali nel caso in cui si bloccasse la realizzazione, sono subito arrivati commenti contrari.

"Anche Conte sbaglia. Non ci possono essere penali, semplicemente perché non esiste alcun contratto tra Stato e Tap. Non ci possono nemmeno essere costi a carico dello Stato, semplicemente perché, non essendovi ad oggi il rispetto delle prescrizioni da parte di Tap, non vi può essere responsabilità dello Stato. Continuiamo ad avere fiducia nella magistratura". Così hanno commentato i senatori Lello Ciampolillo e Saverio De Bonis e la deputata Sara Cunial del M5s.

A proposito del gasdotto, l'ex deputato Alessandro Di Battista aveva dichiarato: "Col M5s al governo quest'opera in due settimane non si farà più", ma tra il dire di Di Battista, c'è il fare del vicepremier Di Maio che contro ogni promessa elettorale ha affermato: "Da ministro dello Sviluppo economico ho studiato le carte del Tap per tre mesi. E sono voluto andare allo Sviluppo economico anche per questo. Vi posso assicurare che non è semplice dovere dire che ci sono delle penali per quasi venti miliardi di euro. Ma così è, altrimenti avremmo agito diversamente. Le carte del Tap, un ministro le legge solo quando diventa ministro. E soprattutto a noi del Movimento 5 stelle non hanno mai fatto leggere alcunchè. E soprattutto quando c'erano quelli che sono andati a braccetto con le peggiori lobby di questo Paese, l'unica cosa che ci dicevano che eravamo nemici del progresso. Non ci hanno mai detto che c'erano penali da pagare. Quindi non è che è più conveniente farlo, è che non ci sono alternative".

Dichiarazione che non poteva passare sotto silenzio."Le false promesse del M5s oggi colpiscono chi ha creduto nel blocco della Tap, domani tutti coloro che hanno sperato nel reddito di cittadinanza. Casaleggio ha creato una grandiosa maccina del fango per vincere le elezioni, ma per governare il Paese i 5 stelle sono saliti su una carretta che prende acqua da tutte le parti. I leoni da tastiera, a Palazzo Chigi si sono trasformati in conigli. Sono già innumerevoli le cantonate di Di Maio, dal decreto disoccupazione che doveva creare nuovi posti di lavoro ed invece è già un fallimento, al reddito di cittadinanza che sarà molto lontano da quello 'venduto' sotto elezioni, per finire con una legge di Bilancio che rischia di portare al collasso i risparmi degli italiani", ha commentato il capogruppo del Pd al Senato, Andrea Marcucci, sulla sua pagina Facebook.

Da Leu un appello alla trasparenza e coerenza: "Hanno perfettamente ragione i comitati dei cittadini e i sindaci del Salento ad esigere dal governo di conoscere i documenti che certificano penali milionarie nel caso di interruzione dei lavori del Tap", hanno dichiarato Nicola Fratoianni e Rossella Muroni di Liberi e Uguali.

Infine non poteva mancare il comunicato dei movimento No Tap: "Questo Governo, come i precedenti vuole favorire la gigantesca lobby transnazionale che sta dietro a Tap, per questo incontrerà una durissima opposizione da parte delle comunità locali, sia nelle piazze che nelle aule dei tribunali, compresi quelli internazionali".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Atomix49

Atomix49

Sab, 27/10/2018 - 17:56

Essendo la TAP uno dei cavalli di battaglia elettorali e post elettorali del M5stalle, è logico che la base di questo movimento di fancazzisti portati al governo dal re dei fancazzisti, si metta di traverso... Dal loro punto di vista è anche logico. Quello che non è logico è che un'opera già dibattuta in tutti i modi possibili e approvata, venga rimessa in esame e, anche stavolta ritenuta legale, venga ancora osteggiata a livello locale da un manipolo di facinorosi. E' pur vero che anche le istanze delle minoranze vadano tutelate e prese in esame, ma quando è troppo è troppo. A questo punto è una presa peri il cubo.

Ritratto di calzolari loernzo

calzolari loernzo

Sab, 27/10/2018 - 18:17

QUESTI GRILLINI DEVONO DECIDERE SE IL CAMBIAMENTO LO INDIRIZZANO VERSO IL PROGRESSO O VERSO LA REGRESSIONE. NEL SECONDO BASTAVA LASCIAR LAVORARE RENZI, GENTILONI, MONTI, COTTARELLI, FORNERO, BOLDRINI, BERSANI, D'ALEMA COI SUGGERIMENTI DI NAPOLITANO E LO SCOPO SI RAGGIUGEVA PIU' RAPIDAMENTE. POI SE FOSSE STATO PROPRIO NECESSARIO SI POTEVANO RICHIAMARE IN SERVIZIO BASSOLIBNO E JERVOLINO

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Sab, 27/10/2018 - 18:25

Al No Tap non interessa chi paga le penali (un minimo d'intelligenza presuppone che in contratti così importanti e onerosi vengano stabilite penali. Difficile pensare che questi che protestano non lo sapessero), il loro interesse è vedere realizzato il loro sogno. Per me Conte ha fatto una dichiarazione corretta, attinente alla realtà. Facessero tutti i ricorsi che vogliono i "delusi", si vendicassero alle prossime elezioni etc. (non me ne può fregar di meno), ancorchè c'è il benestare del ministro dell'ambiente.

colomparo

Sab, 27/10/2018 - 18:46

Se non vogliono la TAP , che i grillini paghino le pesnti penali previste per lo stralcio die contratti firmati (dai governi precedenti)

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 27/10/2018 - 19:35

Comunque è un'opera che serve, e che comunque ha delle penali. Non capisco questi sinistri che vogliono il no a tutto. Che vadano a piedi, senza riscaldamento, senza luce, senza computer ,ecc. o paghino 1 milione a kwh. Bello fare i barboni con i soldi deg i altri.

Uncompromising

Sab, 27/10/2018 - 20:02

Ma cosa prevede il contratto, signor Di Maio? Nooo, non quello della TAP, intendo quello firmato da Lei e Salvini. Perché se prevede "NO TAP", non ci possono essere problemi: PER COERENZA Lei non indietreggia di un millimetro, come suole ripetere, e non può credere che un Ministro dell'Economia serio non trovi subito VENTI MILIARDI per pagare la penale. O no ?

peter46

Sab, 27/10/2018 - 20:49

Qualcuno 'imparato' si deciderà,finite le solite s.... m......,Di Maio compreso,oltre ai comm,a postare un ca...volo di sito dove si possono leggere costo e 'penali' previste in caso di 'interruzione ' dei lavori del TAP?E che non siano come quelle 'scoppiazzate' per la tav to-lione,possibilmente?Dunque...ora vado a cena,poi... se qualcuno intanto vorrebbe spiegarmi/ci come mai il rigassificatore di Livorno,dopo milioni d'investimento',rimane 'cattedrale' del deserto,forse...non siamo 'deficitari' nell'approvvigionamento di cui abbiamo bisogno,e forse 'farselo' passare sxx ns territorio per la geopolitica americana(siamo cxxo e camicia con trump da quando è nato sto governo)di contrasto al già fornitoci da russia e algeria e libia(e sempre in attesa di quello 'scovato' in calabria e sicilia)non è che possa essere un 'buon affare',o sì?

peter46

Sab, 27/10/2018 - 22:38

Leonida55...bello fare i barboni con i soldi degli altri,certo...ed è bello fare i .....oni senza sapere di ciò di cui si sta parlando ma solo perchè bisogna pur sempre 'spararsi' qualcosa al giorno.

peter46

Sab, 27/10/2018 - 22:57

Uncompromising...non facciamo ridere i polli...x 4,5 miliardi (toltì i 9,5 miliardi per sterilizzare l'iva lasciati sulle spalle dal 'renzuscongentiloni' e l'occorrente in miliardi per trombare la fornero)stiamo ad essere 'crocifissi' dall'ue e dovrebbero trovare ancora anche 20 miliardi,per una penale che non esiste da pagare?C'è Trump che vuol rendere la pariglia alla germania che sta per farsi arrivare 'DIRETTAMENTE',e non più dall'ucraina per non essere eventualmente soggetta agli umori americani protettori della stessa ucraina,il North Stream in contrapposizione al Tap che da qualche parte deve pur passare e come per i migranti scelgono i più fessacch..... che s'abbassano i pantaloni:Noi, Italia.Facciamoci invece na sola domanda:ne abbiamo bisogno di quel gas se siamo in grado di 'approvvigionarci' per il doppio di quanto ne utilizziamo.E che ogni anno meno consumiamo?A chi dunque dovremmo venderlo se Germania e francia sono venditori d'energia?