Ue, Mattarella chiede riforme su patto di stabilità: "Regole più eque"

Il presidente Mattarella è convinto che solo "il necessario riesame delle regole del Patto di Stabilità può contribuire a una nuova fase" che può dare coesione e crescita e chiede un fisco più equo con tasse più alte per i colossi del web

"Coesione e crescita sono gli obiettivi ai quali guardare e il necessario riesame delle regole del Patto di Stabilità può contribuire a una nuova fase". Così il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un messaggio al Forum Ambrosetti, si è speso per una revisione del patto di stabilità europeo.

Mattarella, nel suo messaggio letto dall'ex premier Enrico Letta, ha auspicato "passi avanti per una fiscalità europea che elimini forme di distorsione concorrenziale e affronti invece il tema della tassazione delle grandi imprese multinazionali, per un sistema più equo e corretto". Il riferimento è ai colossi del web come Google e Facebook che, anche all'interno degli stessi Stati Uniti, sono al centro di importanti indagini antitrust in quanto pagano delle imposte troppo basse rispetto ai loro profitti. Secondo il Capo dello Stato, la nuova commissione europea può e deve portare avanti "un programma all’altezza delle aspettative dei cittadini europei espresse con il recente voto", in particolare sui "cambiamenti climatici e demografici", sull'evoluzione tecnologica e sulla sicurezza.

"All’Unione - ha aggiunto Mattarella - serve in particolare una stretta cooperazione tra istituzioni e Paesi per rilanciare l’integrazione, completare il mercato unico e rafforzare il pilastro sociale". E, davanti alle guerre commerciali in atto tra Usa e Cina "soltanto un’Europa solida e unita sarà capace di contribuire da protagonista al governo dei grandi temi globali", soprattutto in un contesto di incertezza economica come questo. "Solo la riaffermazione di un multilateralismo fondato su regole condivise e l’apertura degli scambi potranno rilanciare la fiducia", ha concluso Mattarella.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 07/09/2019 - 10:40

No. Rilanciare l'integrazione, no. Varrebbe la pena fare un referendum in tutta europa. Si sa già come finirebbe, da logica.

Ritratto di nordest

nordest

Sab, 07/09/2019 - 10:40

Povera la nostra nazione in che mani deludenti .

arkangel72

Sab, 07/09/2019 - 10:45

La filosofia di governo della sinistra è proprio quella di pensare sempre a introdurre nuove tasse per deprimere l'economia e aumentare l'assistenzialismo, così poi da speculare su povertà e precariato. Non capiscono che colpendo le imprese, in un mondo oramai globalizzato, esse fuggiranno dai nostri confini per andare altrove. Mattarella ancora una volta si rivela un presidente di parte!

Ritratto di adl

adl

Sab, 07/09/2019 - 10:47

Di giusto è giusto. Ci ha già provato Macron e si è beccato un'energica strigliata di zio Donald. Lei dice che conte Curricolino è in grado di fare la parte di Fantozzi al cospetto di Donald Trump ???!!!!

Calmapiatta

Sab, 07/09/2019 - 10:53

Certo, si pu6rivedere il patto di stabilità, se la UE lo permetterà. Dipende tutto da quanti extracomunitari vorrà "accogliere".....

rokko

Sab, 07/09/2019 - 11:10

No, presidente, stavolta non sono d'accordo con lei. Occorre rivedere la nostra spesa pubblica, non il patto di stabilità e nemmeno le tasse alle multinazionali. Il nuovo governo è già partito con il piede sbagliato, parlando già di "nuova flessibilità". Occorre immediatamente revisionare la spesa pubblica corrente, e convertire i risparmi in investimenti sul futuro. La prima cosa da far sparire è quota 100, che è un salasso economico da qui a venti anni. La seconda è il rdc, ma con i 5S al governo non si può, dunque occorre cercare altri sprechi da tagliare.

JosefSezzinger

Sab, 07/09/2019 - 11:30

I cittadini hanno capito da tempo che l'Unione Europea è un progetto imperialista di sottomissione alle multinazionali: Bruxelles è la cabina di regia dove far valere i loro interessi sui singoli Stati. Un pò di retorica nei congressi non cambierà la situazione. L'interesse nazionale và per definizione difeso a livello nazionale e per farlo serve uno Stato con tutti i poteri necessari(compreso quello monetario) e amministrato da una classe dirigente che tratti con l'Unione Europea in termini non subalterni.

giovanni951

Sab, 07/09/2019 - 11:36

meno male che abbiamo Mattarella che ci illustra il fatto che le multinazionali pagano una cippa di tasse. Intanto sono aumentate retroattivamente le tasse per le scuole guida....

Ritratto di Zizzigo

Zizzigo

Sab, 07/09/2019 - 11:53

Risorgono i morti al richiamo dell'unico pensiero, quello che fa comodo a loro...

carlottacharlie

Sab, 07/09/2019 - 12:42

Ogni anno all'Ambrosetti ci sono solo fiumi di belle parole e mai mai il seguito di fatti. Un cretinetti che dovrebbe avere rispetto, per Costituzione, degli italiani continua la litania dell'integrazione; balengone sai come vorrebbero integrare te gli italiani? Uno schifo unico in Eu dove paesi sono paradisi fiscali a discapito di tutti gli altri, queste distorsioni dovrebbero essere sanate subito e non pensare ai neri che, a ben sentire e vedere a noi non importa un fico secco.

Ritratto di bergat

bergat

Sab, 07/09/2019 - 12:52

In un patto di stabilità serio si imporrebbe la fuoriuscita di tutti gli islamici dall'europa, e non perchè dovrebbe esserci una discriminazione religiosa, ma solo perchè i dati dimostrano che gli islamici sono fanatici

rosalba cioli

Sab, 07/09/2019 - 13:05

caro presidente, confermo: è giunto il momento che in Italia non sia più il popolo sovrano ad esprimere con il voto le proprie intenzioni, ma esonerare i cittadini dal voto e sostituire le elezioni con il voto dei "Mercati sovrani" Questo il pensiero suo e della sua parte politica, purtroppo!

lorenzovan

Sab, 07/09/2019 - 13:14

che fior fiore di commenti inutili...sappiamo tutti che le misure spetrate sono giuste..e sappiamo pure le difficiolta'..ma se non ci provi..o ti isoli..e' anche peggio...

Ritratto di moshe

moshe

Sab, 07/09/2019 - 13:15

... Rivedere patto stabilità ... ... ... MA BRAVOOOOOOOOO !!! COME MAI PARLI SOLO ADESSO E NON HAI DETTO NIENTE QUANDO C'ERA SALVINI !?!?!? STAVI DORMENDO ? ... è inutile scrivere conclusioni, anche gli idioti si rendono conto del perchè !!!

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Sab, 07/09/2019 - 13:27

Patto di stabilità a favore di chi,non certo per gli italiani bisognosi ma per tassare le multinazionali e usare questi introiti per favorire di più l'immigrazione clandestina:ormai è palese dove vanno a finire gli introiti delle nuove tasse...

DRAGONI

Sab, 07/09/2019 - 13:29

ECCO LE TASSE BELLE DEL CATTO COMUNISTA.

mifra77

Sab, 07/09/2019 - 13:53

Non una parola ai presenti titolari di grandi aziende che percepiscono contributi italiani ed europei, intascano i proventi da produzione e commercializzazione ed eludono le tasse. Un bel regno di furboni che sfruttano i dipendenti e da essi si fanno mantenere nel lusso.

Ritratto di scandalo

scandalo

Sab, 07/09/2019 - 14:05

Basta che SALVINI non sia più al governo e quello che affermava sul patto di stabilità diventano ora le parole di mattarella ! Complimenti presidente lei si che è SUPER PARTES !!!

Ritratto di giangol

giangol

Sab, 07/09/2019 - 14:16

Dovresti stare zitto e non parlare! Vergognati. Tu sei il presidente della sinistra e non degli Italiani

Pippo3

Sab, 07/09/2019 - 15:15

la mummia sicula improvvisamente si è svegliata, per dire cosa? Le cose che la Lega e Salvini ripetono da anni. Che strano, quando Salvini era al governo silenzio di tomba, ora improvvisamente si scopre che le regole euro non funzionano. Ovviamente immediatamente supportato dai francesi, che devono sforare alla grande per evitare una rivoluzione (lì sono seri non come noi).

paolo1944

Sab, 07/09/2019 - 15:51

Miracolo, miracolo... Mattarella miracolato due volte, sapete quali. In che mani siamo, e pensare che tutti a sbracarsi per esprimergli la fiducia massima...

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Sab, 07/09/2019 - 16:47

Così il P.d.R. (che però, prima di dire queste cose, non ha ascoltato il parere del prof. rokko..), Conte avrà sicuramente risposto: "Obbedisco"!

brunicione

Sab, 07/09/2019 - 17:23

Il Signor Mattarella ha dimostrato abbondantemente la sua faziosità non considerando il "sentiment" degli Italiani, cosa che lo dequalifica agli occhi di molti

mifra77

Sab, 07/09/2019 - 17:37

Al primo indizio di fallimento di questo inciucio chiamato governo, Mattarella dovrebbe dimettersi

Trefebbraio

Sab, 07/09/2019 - 17:38

Si bravo, bell'idea. Tasse per tutti, cosi si fa per crescere, per attrarre nuovi imprenditori, per aumentare i consumi. Maledetti incapaci, parassiti!

honhil

Sab, 07/09/2019 - 17:56

Intanto, mentre tra Mattarella e Le Maire gli intrecci amorosi, politicamente parlando, si moltiplicano, il neo ministro degli Affari europei, Enzo Amendola, afferma che “… L’Ue è la nostra comunità di destino”. Come dire che l’odierno Pd, e quindi l’attuale inquilino del Quirinale, il palermitano Mattarella, sono sulla stessa linea, condividendone il peggio del peggio, del pensiero politico e ideologico di Brèžnev.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Sab, 07/09/2019 - 19:54

Non in mio nome. Chi tradisce la volontà popolare o non ne tiene conto nei suoi atti, e non solo, non mi rappresenta e, a rigor di logica e di Costituzione, non dovrebbe rappresentare nessuno di noi. Il governo abusivo che hai messo sù rappresenta la notte più nera per noi cittadini e per l'Italia. Ed allora, come Eduardo De Filippo in "Napoli milionaria", per ora diciamo: "Adda passa' a nuttata".

rokko

Sab, 07/09/2019 - 23:06

Marcello.508, molto spiritoso. Altre facezie da scrivere?

Ritratto di Ninco Nanco

Ninco Nanco

Dom, 08/09/2019 - 06:43

La situazione inizia ad essere preoccupante. Ci stanno sventolando sotto il naso troppe carote: EU stranamente accomodante, agenzie di rating bonarie, possibile revisione del patto di stabilità, quadretti agiografici del "nuovo" governo, ecc. ecc. L'esperienza insegna che dobbiamo invece aspettarci sonore bastonate. L'allarme inizia a serpeggiare anche nella base PD. I militanti M5S sembrano addirittura sull'orlo della rivoluzione interna.