Preso il rapinatore che fuggiva in taxi

Fuggiva in taxi, con tutta la sua banda al seguito, dopo aver rapinato le banche: è un ventiquattrenne pregiudicato di origini siciliane arrestato ieri dalla polizia del commissariato di Sestri Ponente.
L’uomo è ritenuto responsabile di una serie di colpi ai danni di filiali di istituti di credito genovesi, oltre che di numerosi furti e spaccio di droga.
La caratteristiche che contraddistingueva sempre le scorrerie della banda di malviventi, al comando del giovane pregiudicato finito ieri in manette, era quella di «concedersi» il lusso del trasporto in auto pubblica al termine del colpo.
Tutto ciò derivava molto probabilmente dalla precauzione di evitare l’utilizzo di veicoli privati, magari anche rubati, che avrebbero potuto comunque con maggiore facilità far risalire gli inquirenti ai responsabili dei fatti criminosi.
Ma proprio questa «mania» dell’individuo ha fatto convergere gli accertamenti dei poliziotti che, infine, hanno stretto il cerchio intorno al «capobanda che era solito viaggiare in taxi».

Commenti