Pullman turistici, è lotta a parcheggio selvaggio

Michela Giachetta

Niente più parcheggio selvaggio per gli autobus turistici che circolano in città. È questo l’obiettivo che l’assessore alla Mobilità Mauro Calamante, la Sta e le associazioni di categoria (Federalberghi, guide turistiche, tour operator) si sono prefissati, firmando ieri un accordo per regolamentare la circolazione di questi mezzi. Dal primo gennaio 2006 i pullman che entreranno nel centro storico dovranno sottostare a regole precise. Fra le novità introdotte, una delle più rilevanti è che tutti i mezzi dovranno avere l’autorizzazione. Oggi è richiesta solo per quelli che superano i 7 metri. Aumenta però il numero dei pullman che possono oltrepassare le mura Aureliane (la cosiddetta Ztl1): da 200 a 300. E aumentano anche le tariffe: oggi ogni pullman paga 67 euro al giorno, da gennaio la cifra sarà di 212 euro, con incentivi per chi ha mezzi meno inquinanti e penalità per chi, invece, influisce di più sull’impatto ambientale. Ma aumentano anche i servizi. Più aree di fermata, per salire e scendere dal mezzo, in un tempo massimo di 15 minuti, e controlli «ad hoc». Vengono, infatti, create otto squadre di vigili che avranno lo specifico compito di controllare i bus. Ma vengono create anche sette aree di sosta breve (due ore), posizionate vicino ad alcune delle maggiori zone turistiche della città e vicino alle aree di fermata, in modo che i mezzi non siano costretti a uscire dal centro, cosa che di fatto non avveniva mai. È prevista anche la costituzione di un sistema satellitare per monitorare chi entra. Fino a oggi, per avere accesso al centro storico, si doveva prenotare online o fare richiesta, tramite fax, alla Sta. Se non si sottostava a queste regole si poteva sempre sperare di non incorrere nel vigile. Da domani - la data è ancora da definirsi - se entrerà in vigore il sistema satellitare, ogni pullman si dovrà dotare di un meccanismo che permetterà di localizzarlo in ogni momento. Sulla falsariga di quanto succede attualmente coi mezzi Atac.

Commenti