Cronaca locale

"Babbo Natale?". Così Calenda sotterra Gualtieri

Degrado dopo la partita Roma-Betis. Gualtieri lamenta una mancanza di misure, ma Calenda ribatte: "Roberto, chi doveva prenderle queste misure?"

"Babbo Natale?" Così Calenda sotterra Gualtieri

Finisce la partita Roma-Betis e Gualtieri si lamenta dello stato di piazza del Popolo dimenticando che, come sindaco, avrebbe potuto agire in qualche modo. La replica di Calenda è spietata.

Un mare di rifiuti

Scene di vergognoso degrado giovedì scorso nella Capitale, dopo la partita di Europa League Roma-Betis. La festa dei tifosi del Betis Siviglia, usciti vincitori dallo scontro, ha ridotto piazza del Popolo ad un accumulo di rifiuti e sporcizia. Una vasta distesa di bottiglie di plastica, lattine, contenitori di vetro, buste e altro ancora. Gli operatori di Ama hanno impiegato ore per ripulire tutto. La piazza si trovava in condizioni tali da impedire il transito delle persone.

A chiudere il cerchio il commento del sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, che lascia un po' l'amaro in bocca. Il primo cittadino, infatti, si è limitato a constatare lo stato della piazza e a condannare l'inciviltà dei tifosi, dimenticando che, in quanto sindaco, avrebbe forse potuto fare qualcosa di più. A ricordarglielo, però, ci ha pensato il leader di Azione, Carlo Calenda.

La polemica sui social

"Il comportamento dei tifosi del #BetisSiviglia è stato inaccettabile. Tesori di #Roma come Piazza di Spagna o Piazza del Popolo non devono diventare luoghi di caos e inciviltà. Il lavoro delle forze dell’ordine è encomiabile ma servono misure perché questo non si ripeta mai più”, protesta Gualtieri sulla propria pagina Twitter, postando le immagini della piazza devastata.

Subito interviene Carlo Calenda, che sotto al post risponde polemicamente: “Ma scusa Roberto ma le misure chi le deve prendere Babbo Natale". Il sindaco di Roma, effettivamente, è Roberto Gualtieri. Su Facebook Carlo Calenda rincara la dose, sottolineando la gravità di quanto accaduto nel pomeriggio di giovedì. "La totale disattenzione verso il decoro, la libertà concessa di devastare la città senza controlli e/o reazioni; abbiamo davvero poco rispetto per la nostra città e facciamo poco per farla rispettare. Il tutto con un Sindaco che è completamente assente" commenta il leader di Azione.

"La polizia municipale la gestisce lui, il contratto con la nettezza urbana pure, puoi chiedere pulizie straordinarie. Protezione civile e prefettura per grandi eventi, ha un ruolo il Sindaco" conviene un utente sotto alla replica di Calenda. "A me le misure le prende il sarto, forse Gualtieri si riferiva al suo sarto che non era andato a prendere le misure. Certo che passare da Raggi a Gualtieri è tipo l'avanspettacolo, dopo la soubrette il comico" ironizza un altro.

Commenti