Coronavirus, il Campidoglio non sospende il pagamento sulle strisce blu

In tutta Italia la tariffazione è stata sospesa fino al termine dell'emergenza coronavirus. A Roma invece gli ausiliari del traffico continuano a fare le multe

A Roma la maggior parte dei cittadini è rinchiusa in casa. In pochi devono uscire per andare al lavoro (nelle farmacie e nei supermercati, ad esempio) e così il traffico è ridotto. La zona a traffico limitato del centro storico è stata sospesa fino al termine dell'emergenza coronavirus, ma il Campidoglio si ostina a mantenere a pagamento le strisce blu. In tutta Italia, dal Nord al Sud, la tariffazione dei parcheggi è stata sospesa. Nella Capitale, no.

E così gli ausiliari del traffico continuano indisturbati a girare per le strade e a fare multe. Il motivo lo rivela il Messaggero: l'anno scorso l'amministrazione capitolina ha incassato, con quasi 2mila sanzioni al giorno, ben 38 milioni di euro. Una cifra importante alla quale non si vuole rinunciare neanche al tempo del coronavirus.

Da giorni, nel resto della Penisola, le strisce blu sono diventate gratuite. A Torino la pentastellata Chiara Appendino ha sospeso la sosta tariffata almeno fino al 25 marzo. Stessa cosa a Milano dove il sindaco Beppe Sala ha permesso a tutti di parcheggiare gratuitamente in città sia sulle strisce gialle, riservate ai residenti, che su quelle blu. Persino nell'area romana è stata sospesa la sosta tariffata: il sindaco di Civitavecchia ha infatti firmato un'ordinanza per bloccare il pagamento dei parcheggi sulle strisce blu in tutto il territorio comunale. Provvedimenti analoghi anche a Pomezia, Anzio, Ardea e Nettuno. Insomma, quasi tutta la zona. Tranne Roma.

Le opposizioni hanno più volte chiesto che anche nella Capitale ci fosse lo stop ai pagamenti dei parcheggi. Ma il Campidoglio non sembra dare ascolto alle richieste. "Dispiace che non sia stata accolta la proposta per esentare i romani in questo momento dal pagamento delle strisce blu", ha dichiarato Andrea De Priamo, capogruppo di Fratelli d'Italia nel corso dell'ultima seduta dell'assemblea capitolina.

"È scandaloso che la sindaca Raggi faccia cassa sui cittadini costretti a lavorare in questi giorni per garantire i servizi essenziali: invece di essere considerati eroi e ricevere un vero riconoscimento economico, vengono addirittura tartassati e costretti a pagare 10-20 euro al giorno di parcheggio. Roma è l'unica grande città che non ha sospeso le strisce blu e ancora fa multe a chi non le paga", ha tuonato su Facebook il deputato di Italia Viva, Michele Anzaldi. "Chi lavora è l'unico oggi a doversi spostare quotidianamente con l'auto, magari perché immunodepresso o comunque per evitare rischi di contagi sui mezzi pubblici, e a Roma è ancora sottoposto al pagamento dei parcheggi. Da giorni alla sindaca Raggi è stato chiesto di adeguarsi alle altre grandi città come Milano, Torino, Venezia, ma la risposta è stata un assordante silenzio".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.