Il giallo della 15enne che ha perso la memoria: forse si tratta di stupro

Potrebbe essere stata vittima di uno stupro la 15enne ritrovata dai genitori in stato confusionale. I medici hanno trovato tracce di alcol e droga nel suo sangue e accertato che ha consumato un rapporto sessuale

Il giallo della 15enne che ha perso la memoria: forse si tratta di stupro

I ricordi sono annebbiati, si confondono fino a fermarsi a quell’aperitivo consumato assieme a un gruppo di amici. Da quel momento in poi: il buio. È giallo su cosa sia capitato sabato scorso a un’adolescente romana, attualmente ricoverata in ospedale per accertamenti. L’atroce sospetto è che sia stata drogata e abusata. Questo almeno sembrerebbero indicare gli esami effettuati sin qui, i medici hanno trovato nel suo sangue tracce di alcol e droga. Sul suo corpo, invece, quelle di un rapporto sessuale consumato poco prima che scattasse l’allarme.

Come racconta La Repubblica, tutto è partito da una telefonata. Dall’altro capo della cornetta ci sono i genitori della quindicenne, la chiamano per sapere dove si trova e come procede la serata. Le avevano concesso di uscire ma a condizioni ben precise: li avrebbe dovuti tenere informati dei suoi spostamenti. Ma quella telefonata, invece di rassicurarli, li getta nel panico. Si accorgono subito che c’è qualcosa che non va. La giovane risponde in maniera confusa. È assente, frastornata.

I genitori, che da qualche tempo la tengono d’occhio perché sta attraversando una fase delicata, decidono subito di raggiungerla. Poi la corsa in ospedale. Cosa le è successo? Lei non riesce a dare spiegazioni. C’è un buco nero che gli inquirenti stanno cercando di riempire. Di sicuro la ragazzina era uscita di casa per raggiungere Trastevere, quartiere della movida romana dove gli eccessi sono ormai una triste routine.

In barba alle normative anti-alcol ci sono decine di minimarket che dispensano birre e superalcolici fino alla mattina. E frotte di pusher da cui ci si può tranquillamente rifornire di ogni tipo di droga. Lei dice di aver preso solo un aperitivo con gli amici. Di questo ne è sicura. Poi sarebbe dovuta andare ad una festa, ma probabilmente, lì, non c’è mai arrivata. I ricordi ripartono dalla telefonata dei familiari, dalla sensazione di malessere e dai vestiti che non aveva più addosso. Qualcuno ha raccontato agli inquirenti di averla avvistata in compagnia di quattro sconosciuti. Chi erano? L’hanno drogata?

Sempre stando a quello che riporta Repubblica, la giovane potrebbe avere assunto la “droga dello stupro”. Una sostanza che mescolata all’alcol provoca proprio l’amnesia. Ma questa è solo un’ipotesi. Gli esami devono ancora dare un nome alla sostanza stupefacente che le è stata trovata nel sangue. Mentre le forze dell’ordine, che stanno indagando a trecentosessanta gradi, dovranno dare un volto a chi l’ha irretita.

Commenti