Rom vende bimbo in spiaggia: ora spunta il video dell'arresto

Il 25enne, risultato negativo ai test antidroga, ha dato in escandescenze durante le operazioni di fotosegnalamento, danneggiando alcuni macchinari

In seguito all'arresto del 25enne di etnia rom fermato ieri mattina ad Ostia (Roma) mentre cercava di ottenere denaro offrendo le prestazioni sessuali di un bimbo di soli 2 anni, gli agenti di polizia, tramite la pagina Facebook "Noi Poliziotti per sempre", hanno rilasciato nel corso della giornata di oggi un video in cui sono stati immortalati alcuni istanti del fermo.

"C'è un uomo qui fuori che mi ha chiesto se m'interessava pagarlo per avere una prestazione sessuale con il bambino che teneva per mano", ha raccontato ai militari delle fiamme gialle contattati all'interno del Lido del Finanziere il turista avvicinato dall'individuo, come riportato da "Il Messaggero". "Andate a prenderlo", ha chiesto l'uomo ancora sotto choc per l'accaduto.

I fatti si sono verificati nel lungomare Amerigo Vespucci di Ostia, come riferito dal turista, cha si trovava tra l'ex Amanusa e lo stabilimento delle fiamme gialle quando è stato avvicinato per ricevere la squallida proposta. Resosi conto del fatto che di lì a poco sarebbero giunte sul posto le forze dell'ordine, il 25enne ha deciso di allontanarsi col bimbo, spostandosi verso una zona più centrale. Alla vista delle volanti del reparto di pronto intervento dei finanzieri di Ostia e di quelle della polizia di Stato partite dal commissariato Lido, il rom ha abbandonato il minore, iniziando a fuggire tra la folla spaventata e gridando che il bimbo era Dio.

Le frasi sconnesse dell'uomo che, in evidente stato di alterazione, ha cercato di sfuggire in ogni modo alla sua cattura salendo perfino sui cofani ed i tettucci di alcune auto in sosta, hanno scatenato il panico tra i bagnanti. Nonostante gli sforzi, tuttavia, il soggetto è stato in breve raggiunto da agenti e militari, contro i quali si è scagliato con veemenza, prima di essere fermato a terra, dove ha continuato a divincolarsi ed a opporre resistenza. "Ma la madre di questo ragazzino dove sta?", chiede invano uno dei membri delle forze dell'ordine intervenuti sul lungomare Vespucci. "Gli ho dato da mangiare", borbotta il 25enne, senza replicare alla domanda ricevuta. "Si ma chi è questo bambino?", insistono gli uomini in divisa mentre cercano con fatica di immobilizzarlo. "Nessuno", risponde il rom, in evidente stato confusionale.

Spaventato ed assetato, il piccolo è stato assistito e quindi trasferito in ambulanza all'ospedale Grassi di Ostia per dei controlli medici. Nel nosocomio è finito inizialmente anche il rom, su cui sono stati effettuati degli esami tossicologici, a quanto pare dall'esito negativo. Durante le operazioni di fotosegnalamento, quest'ultimo, finito ora dietro le sbarre del carcere di Regina Coeli, ha dato in escandescenze, arrivando persino a danneggiare alcune apparecchiature. Le indagini per risalire all'identità del piccolo sono tuttora in corso.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di giangol

giangol

Lun, 27/07/2020 - 16:51

Oh mamma apriti cielo adesso! E mo chi li sente i sinistri e le sardine?????? Urge subito entro stasera una legge contro il fascismo e il nazismo!

Anonimo51

Lun, 27/07/2020 - 17:31

Mamma mia che brutta storia : ora tutta la stampa "per bene" si scaglierà contro gli agenti per le modalità dell'arresto del balordo. Ora, grazie alle immagini riportate sul giornale,diventerà una vittima ed i carnefici saranno i militari che lo hanno arrestato.

ziobeppe1951

Lun, 27/07/2020 - 17:33

Ahi ahi ahi...già vedo le zecche rosse inginocchiarsi

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 27/07/2020 - 17:39

Madonna santa! Un ginocchio addosso! Rom lives matter!

polonio210

Lun, 27/07/2020 - 17:50

Ma non è possible.Queste notizie lasciano sgomenti e arrabbiati milioni di italiani.Tutto questo deve finire quanto prima e la Signora Ministro dell'interno deve prendere immediatamente severissimi provvedimenti.Dei severissimi provvedimenti nei confronti dei finanzieri e degli agenti di polizia che hanno osato,utilizzando una violenza inaudita,fermare un gradito ospite Rom che stava solo praticando delle proprie usanze tribali che presto,anche noi italiani,come disse qualcuna,faremo nostre.Si liberi immediatamente l'ospite Rom,il bimbo venga affidato ai genitori che certamente conoscono la vittima della brutalità poliziesca e si indaghi il cittadino italiano che ha osato interferire,per razzismo,nelle normali abitudini della persona Rom in oggetto.

Ritratto di Leonardo78

Leonardo78

Lun, 27/07/2020 - 17:56

No, i rom non vanno censiti, degli italiani devono sapere quanto hanno in tasca, come spendono, dove vanno. Ma i rom che non hanno mai commesso crimini, non vanno censiti, sarebbe da fascisti.

hectorre

Lun, 27/07/2020 - 18:09

mi aspetto la boldrini inginocchiata o incatenata a qualche caserma di polizia!!!!.....assieme ai soliti idi0ti sinistri che scrivono su queste pagine!!!!....

elpaso21

Lun, 27/07/2020 - 18:13

Ma le manette non esistono?

sullarivadelfiume

Lun, 27/07/2020 - 18:24

Forza babbei, dateci un saggio del vostro "quando a farlo è un italiano su questo giornale tutto viene passato sotto silenzio". Dove vi siete nascosti?

RolfSteiner

Lun, 27/07/2020 - 18:41

Poverino, qualche voce si alzi da sinistra per offrire pronta solidarieta'. Da destra invece si cominci a pensare a metter mano al codice penale ed inasprire la pena a chi commette reati cosi' odiosi.

sukram

Lun, 27/07/2020 - 18:52

Che squallore!

palandrana

Lun, 27/07/2020 - 18:56

Ma cosa aspettano a mettergli le manette?

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Lun, 27/07/2020 - 18:57

@menphis35: ma che sta a dir? si scrive in italiano: ROMA VIVE DA MATTI. Ossequi.

maxfan74

Lun, 27/07/2020 - 19:11

Caro Governo dove vogliamo arrivare?