Degrado in pieno centro storico: un gabbiano mangia un topo

A Ponte Milvio, fulcro della movida di Roma Nord, un gabbiano è stato protagonista dell'ennesimo simbolo del degrado della Capitale: si è mangiato un topo in un sol boccone

Degrado in pieno centro storico: un gabbiano mangia un topo

"E venne il gabbiano che si mangiò il topo...". Dopo aver visto il video pubblicato sulla pagina 'Riprendiamoci Roma' consigliamo al cantautore Angelo Branduardi di cambiar così il testo della sua canzone più famosa, Alla fiera dell'Est.

A Ponte Milvio, fulcro della movida di Roma Nord, un gabbiano è stato protagonista dell'ennesimo simbolo del degrado della Capitale. Finora eravamo abituati a vedere i volatili passare da un cassonetto a un altro in cerca di cibo oppure stazionare nelle aree pedonali e turistiche del centro, da San Pietro a piazza Navona. Considerata la scarsità di gatti randagi (che ora sono perlopiù confinati a via di Torre Argentina), era scontato che qualche altro animale si sarebbe cibato dei topi ma nessuno si aspettava che un video simile diventasse virale in così poche ore. Il gabbiano afferra con ingordigia il topo e, poi lo ingioa tutto intero, coda compresa. Subito dopo riparte in cerca di altro cibo, probabilmente una cornacchia e come sottofondo si sente la voce dell'autore del filmato che ironicamente ringrazia il sindaco Virginia Raggi.