Roma, pestano e rapinano uomo sul treno: fermata gang di romeni

Grazie alle immagini delle videocamere di sorveglianza e ad un complesso lavoro d'indagine fatto di controlli mirati su treni e stazioni specifiche, gli inquirenti sono riusciti a individuare e bloccare i quattro giovanissimi responsabili stranieri

Sono stati finalmente individuati e tratti in arresto tutti i responsabili di una violenta rapina avvenuta a Roma a bordo del convoglio in servizio lungo la tratta Fiumicino Aeroporto - Poggio Mirteto, comune italiano che si trova in provincia di Rieti. Gravi le lesioni procurate dai giovanissimi aggressori alla propria vittima, che ha dovuto attendere circa una settimana prima di vedere assicurati alla giustizia i colpevoli.

L'episodio a cui si fa riferimento, come riportato dalla stampa locale, si è verificato durante la mattinata dello scorso venerdì 7 febbraio, quando il viaggiatore è stato avvicinato dai responsabili poco prima dell'arrivo del suo treno alla fermata della stazione di Magliana. Il gruppetto di balordi, composto da ben quattro stranieri da poco saliti a bordo del convoglio, hanno raggiunto e circondato rapidamente la vittima designata, aggredendola con grande veemenza.

L'uomo è stato assalito dai malviventi e letteralmente trascinato verso l'uscita del treno: dopo quella assurda violenza il furto del portafogli, con la vittima abbandonata a terra sotto choc e dolorante a causa delle gravi lesioni riportate nel pestaggio. Dopo l'intervento sul posto dei soccorsi anche quello degli uomini della polizia ferroviaria di Roma, i quali hanno subito dato avvio alle operazioni necessarie per identificare gli aggressori iniziando a visionare con estrema attenzione i filmati registrati dalle videocamere di sorveglianza installate all'interno della stazione ferroviaria ed a bordo del convoglio stesso.

Oltre a ciò, sono stati disposti degli specifici controlli sui treni e le fermate interessate dalla tratta lungo la quale si era verificato l'episodio di violenta rapina. Proprio grazie a questo lungo e complesso lavoro d'indagine, svolto con la preziosa collaborazione del settore Protezione aziendale di Trenitalia, gli inquirenti sono riusciti a identificare i quattro responsabili. Due di essi, entrambi di maggiore età e di nazionalità romena, sono stati rintracciati e tratti in arresto all'interno della stazione ferroviaria di Roma Trastevere. Gli ultimi complici della brutale aggressione, due giovani connazionali dei primi fermati, entrambe ragazzine minorenni, sono invece state individuate nelle vicinanze della fermata di Nuovo Salario.

Per tutti e quattro i responsabili è arrivata la contestazione del reato di rapina in concorso e lesioni personali aggravate e disposto il fermo, almeno fino alla celebrazione del giudizio direttissimo nei loro confronti. I giovani stranieri si trovano tuttora a disposizione dell'autorità giudiziaria.

Segui già la pagina di Roma de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.