Roma, la rivolta dei condomini:"Non vogliamo extracomunitari"

Sono scesi in cinquanti: tutti i condomini hanno cercato di bloccare le due sorelle musulmane che stavano cercando di entrare dentro un appartamento popolare a loro assegnato

Tafferugli oggi a Pietralata a Roma dove una cinquantina di condomini sono scesi a protestare cercando di impedire l'accesso alle due sorelle marocchine legittime assegnatarie di un appartamento Ater (le case popolari romane) in via del Piperino. Una sola unica voce si è alzata dal corteo dei condomini:"Non vogliamo extracomunitari e musulmani in casa. Tornatevene a casa vostra!". Le due sorelle marocchine sono straniere, con regolare permesso di soggiorno a cui è stato assegnato un appartamento.

Nel pomeriggio di ieri le due signore, invalide al 100%, si sono organizzate per poter entrare all'interno dell'appartamento. La suddetta casa era stata loro assegnata lunedì scorso. Al loro arrivo, però, hanno trovato trenta persone a bloccare loro l'accesso, successivamente divenute cinquanta. Dopo aver superato la cinquantina di persone riescono ad arrivare finalmente davanti al portoncino, si legge sul Roma Today, ma quando infilano la chiave nella serratura la trovano manomessa. Una loro amica ha riferito che, non appena arrivate le due sorelle sono state insultate con epiteti come:"Musulmane di m... , oppure Put.... nere". A causa della serratura manomessa le due marocchine, in Italia dal 1996, non hanno potuto dormire nel loro appartamento nella notte di mercoledì. L'arrivo delle forze dell'ordine e il monito di Ater ha fatto tornare la situazione alla normalità facendo calmare i condomi.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.