Scale alte, pesanti, praticamente fisse

Marzia Fossati

Alla fine c’è riuscita, ma è stata dura. Per la signora L.C. depositare fiori sulla tomba dei suoi nonni al primo piano della Galleria S.Antonino, non lontano dall’ingresso principale del cimitero di Staglieno, si è rivelata un’impresa degna di Indiana Jones. Quando, domenica scorsa, la signora ha varcato la soglia della quarta stanza dove, all’altezza di qualche metro dal suolo, riposano i suoi parenti nel loculo di famiglia, è rimasta immediatamente sorpresa nel vedere stagliarsi in mezzo al vano, finalmente, due esemplari delle nuove scale acquistate dal Comune, in sostituzione degli arrugginiti scheletri in uso fino a ieri. A quel punto, ha pensato bene di accostarne una alla parete per arrivare a dare una pulitina alla tomba dei nonni. Missione impossibile: la scala è assolutamente inamovibile, inchiodata al terreno come una quercia millenaria. Un anziano signore, accorso alla sua richiesta d’aiuto, cerca d’aiutarla nella difficile operazione di spostamento della scala, che, però, dopo un quarto d’ora di sforzi, a causa della sua conformazione protesa in avanti, rovina sui lumi dei loculi sottostanti. Non li distrugge solo grazie ai riflessi pronti di L.C. che si frappone tra la scala e la parete rimanendovi però pericolosamente incastrata. É a questo punto che la scena si interrompe, con l’ingresso di due signore, che chiedono di spostare una delle due scale nel corridoio di collegamento tra i vani della galleria, dove si trova la tomba di un loro caro, che vorrebbero raggiungere. Ora sono in quattro a spingere il gigante di ferro verso la soglia, che però, una volta raggiunta con sforzi inenarrabili, non oltrepasserà mai. Il soffitto è infatti troppo basso, la scala non ci passa. Le tanto invocate nuove scale sono pertanto finalmente giunte a destinazione, ma utilizzabili solo nelle fortunate stanze che per prime le hanno accolte, dato che nelle altre non ci possono arrivare, costrette all’immobilità. Con buona pace dei responsabili della fornitura.

Commenti