Sissoko l’ultimo tormento della Signora

A Barcellona conoscono benissimo l’agente di Mohamed Sissoko. Ed anche i turbamenti del suo gigante dal piede d’argilla. Ma che strano... Diego fa di tutto per tornare subito nel cuore del gioco della Juve. Aveva chiesto di esserci perfino stasera contro il Genoa. Ed invece SuperMom se la prende comoda. Colpa di questa balorda infiammazione al piede sinistro, dicono i medici bianconeri. Dicono... Fanno intendere, perché alla Juve non sai mai fino dove arrivino le informazioni e dove partano le distrazioni... informative.
Certo, tra i tormenti di Sissoko non c’è solo un piede che per ora gli permette di infilare appena le scarpe da ginnastica. Il gigantone desidera anche un buon contratto. Non che quello della Juve sia da poveracci (intorno ai due milioni di euro), ma il Barcellona può pagare di più. E tanto è giunto all’orecchio del manager. Sissoko piace, è un tipo di giocatore “ogniuso”. Servirebbe soprattutto per la coppa dei Campioni. Ed allora la richiesta è stata precisa: se a gennaio potrà giocare la Champions, siamo disponibili all’offerta e ad aumentargli l’ingaggio che andrebbe a toccare i 3 milioni e spiccioli.
Soluzione non proprio semplice, d’accordo. La Juve ci fa conto e difficilmente lo lascerà poltrire fino a dicembre, quando si concluderà il girone di Champions. Sissoko, infatti, non dovrebbe giocare mai per poter essere inserito nella lista Champions del Barcellona.
Ma tutto si scontra con gli interessi bianconeri. Una squadra così ben costruita non può reggere molto senza una diga umana di tali dimensioni. Se n’è accorto anche Ferrara che, dopo aver avuto sudori freddi contro il Livorno, sta cercando di mettere a punto il centrocampo, in attesa dei pezzi grossi (Diego, Melo, forse Del Piero dovrebbero tornare domenica. Sissoko boh...). La Juve, che già deve risolvere i grattacapi di campionato e coppa, potrebbe consolarsi incassando una bella cifra. Non dimentichiamo che Sissoko è un giocatore fragile fisicamente, nonostante la stazza. Oppure differire il tutto alla campagna acquisti estiva: strategia più logica.
Ma il bello di certi intrecci sta anche nei pissi pissi che, guarda caso, spuntano dagli ambienti delle due comari del nostro campionato. All’Inter sorridono sapendo che il Barcellona cerca Sissoko, fra l’altro sono ben informati vista l’amicizia dei presidenti. Ma poi che dire quando, non lontano da Torino, vien raccontato che Balotelli piace tanto ai catalani, soprattutto per sostituire Thierry Henry nella prossima stagione. L’idea ci sta. Del resto Balotelli aveva già fatto un provino per il Barça all’età di 15 anni. Ma la società si ritirò davanti alle esose pretese del rappresentante del ragazzino. In Spagna già ne parlano, immaginano (copyright di Marca) di vedere al Camp Nou il “Weah del XXI secolo”. E a Torino sorridono. In attesa di vedere se anche stasera non sparirà il sorriso.

Commenti