Alessandro Borghi: "Ecco perché la voce in Diavoli non è mia"

Alessandro Borghi ha spiegato su Instagram il motivo per cui, in Diavoli, la voce che si sente nella versione italiana non è la sua

Alessandro Borghi: "Ecco perché la voce in Diavoli non è mia"

Alessandro Borghi è, insieme a Patrick Dempsey, il protagonista di Diavoli, la serie Sky che ha debuttato lo scorso venerdì con con una media di 637.000 spettatori. Tratto dal romanzo di Guido Maria Brera ed edito da Rizzoli, Diavoli racconta la storia di Massimo (Alessandro Borghi), una sorta di ragazzo prodigio che si muove nel mondo del trading, in una Londra piena di uomini ambiziosi. A prendersi cura del protagonista c'è il suo mentore, Dominic Morgan, interpretato invece da Dempsey.

Proprio perché costretto a condividere la scena e il set con l'attore reso noto da Grey's Anatomy, Alessandro Borghi ha spiegato sul suo account ufficiale di Instagram perché abbia scelto di recitare in inglese e, dunque, di essere doppiato in italiano. L'attore di Suburra, infatti, ha spiegato:"È in inglese per la grande emozione che provo nel ricordare la paura che avevo di non farcela e di non essere all'altezza, dal primo incontro con Nick al primo abbraccio con Patrick Dempsey (I'm talking about the first time we met, my friend), con Guido e Jan, i miei amici meravigliosi, che erano lì, pronti a difendermi da qualunque cosa. Questo per dirvi che la mia voce italiana, nei DIAVOLI, non sarà la mia. Già, ho deciso alla fine di non volermi doppiare. Perché? Direte voi".

A questa domanda Alessandro Borghi risponde con un elenco puntato in cui spiega i motivi che lo hanno spinto a maturare la sua decisione: " 1- Mi piacerebbe sapervi tutti davanti alla tv a selezionare la modalità "lingua originale con sottotitoli", quello che farei io, per poter apprezzare davvero, o magari no, il lavoro che è stato fatto in questa serie, fatta di parole chiave, sfumature, cose piccole, finanza sì, ma soprattutto tanto cuore, tutto fortemente connesso alla lingua in cui è stata girata. 2- Non sono un doppiatore, c'è chi questo lavoro lo fa in maniera eccellente, molto meglio di come avrei potuto fare io, come il mio amico Andrea Mete, soprattutto in un contesto dove tutti gli attori, essendo stranieri, sarebbero stati doppiati da chi questo mestiere lo fa sul serio. Avrei sentito la differenza, e l'avreste sentita anche voi".

Questo è il primo teaser di DEVILS, ed è in inglese. È in inglese per la grande emozione che provo nel ricordare la paura che avevo di non farcela e di non essere all'altezza, dal primo incontro con Nick al primo abbraccio con @patrickdempsey (I'm talking about the first time we met, my friend), con Guido e Jan, i miei amici meravigliosi, che erano lì, pronti a difendermi da qualunque cosa. Questo per dirvi che la mia voce italiana, nei DIAVOLI, non sarà la mia. Già, ho deciso alla fine di non volermi doppiare. Perché? Direte voi. Ci sono un po' di pensieri dietro, ma provo a condividere con voi quelle che sono secondo me le ragioni principali. 1- Mi piacerebbe sapervi tutti davanti alla tv a selezionare la modalità "lingua originale con sottotitoli", quello che farei io, per poter apprezzare davvero, o magari no, il lavoro che è stato fatto in questa serie, fatta di parole chiave, sfumature, cose piccole, finanza sì, ma soprattutto tanto cuore, tutto fortemente connesso alla lingua in cui è stata girata. 2- Non sono un doppiatore, c'è chi questo lavoro lo fa in maniera eccellente, molto meglio di come avrei potuto fare io, come il mio amico Andrea Mete, soprattutto in un contesto dove tutti gli attori, essendo stranieri, sarebbero stati doppiati da chi questo mestiere lo fa sul serio. Avrei sentito la differenza, e l'avreste sentita anche voi. Quindi, potete scegliere, se fare un piccolo sforzo e ascoltare la mia voce, o vederla in italiano e godervi comunque un grandissimo lavoro. Tra poco DEVILS sarà vostra. Sono emozionato e fiero di aver avuto la possibilità di far parte di un gruppo come questo, per una storia come questa. Grazie @skyatlanticit e @luxvide E grazie a tante altre persone che mi sono state accanto in questi lunghi mesi. Grazie per la fiducia, il rispetto e la gentilezza. Esco da questa storia con tanti amici in più. Sono tanto felice. GET READY, THE DEVILS ARE COMING .

Un post condiviso da Alessandro Borghi (@alessandro.borghi) in data:

A questo punto Alessandro Borghi invita i suoi fan a prendere una decisione: o sentire la sua voce mentre recita in inglese e seguire dunque Diavoli in lingua originale con i sottotitoli. Oppure vederla in italiano, ma accettando l'idea che la voce che sentiranno sul piccolo schermo non è quella dell'attore.

Il post di Alessandro Borghi si chiude con un pensiero riguardo la gioia e la gratitudine per aver partecipato ad un progetto come Diavoli, che gli ha portato anche molti nuovi amici. Ecco quello che Alessandro Borghi ha scritto: "Tra poco DEVILS sarà vostra. Sono emozionato e fiero di aver avuto la possibilità di far parte di un gruppo come questo, per una storia come questa. Grazie a Sky Atlantic.

E grazie a tante altre persone che mi sono state accanto in questi lunghi mesi. Grazie per la fiducia, il rispetto e la gentilezza. Esco da questa storia con tanti amici in più. Sono tanto felice. GET READY, THE DEVILS ARE COMING".

Segui già la nuova pagina di gossip de ilGiornale.it?

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
ilGiornale.it Logo Ricarica