Alessandro Haber replica alle accuse: "Scandalizzarsi per questo è assurdo"

Intervistato da “FQMagazine”, l’attore fa chiarezza su quanto accaduto al Castellinaria Film Festival di Bellinzona e spiega che è stato “montato un caso per nulla”

Alessandro Haber è finito al centro delle polemiche dopo le battute sessiste e le frasi ambigue rivolte a Moira Bubola, la presentatrice del Castellinaria Film Festival di Bellinzona. Bollato come “inappropriato e fuori luogo”, l’attore bolognese è stato contestato dal giornale locale La Regione, che ha chiesto al direttore artistico della kermesse, Giancarlo Zappoli, di ritirare il premio assegnato a Haber. Ora l’attore si scusa per l’accaduto e chiarisce la vicenda.

Ero a Milano – specifica Haber a FQMagazinea girare un corto sul femminicidio tra l’altro. Bellinzona era lì vicino e ho accettato volentieri. Arrivato in Svizzera ho fatto interviste, selfie, poi sono salito sul palco e ho detto che Bellinzona mi piace, ha un bel teatro, apprezzo l’ex direttore. Poi ho aggiunto: ‘Questa città mi ha dato tanto ma mai una storia con una donna, anzi se qualcuno vuole darmela’. C’erano 500 persone in sala e hanno riso”.

Alessandro Haber: “Sono una persona pulita e leale”

Anche il direttore Zappoli interviene sulla questione e spiega che la battuta c'è stata ma la reazione di Bubola è stata impeccabile e professionale. “La presentatrice – ricorda Zappoli – è stata presa per un braccio e Haber le ha detto: ‘Non ti ho mica toccato il c**o’. Poi ha detto un’altra cosa che non ho capito e la presentatrice gli ha risposto: ‘Vada vada’”. La polemica è nata soltanto nei giorni successivi, quando La Regione, media partner del festival, ha chiesto agli organizzatori di ritirare il riconoscimento a Haber. “Ho spiegato – commenta Zappoli – che il riconoscimento non era alla persona ma all’interprete di più di 120 film. Se la persona ha sbagliato sul palco, e ha sbagliato perché non ha capito in che contesto era, la sala non ha reagito con riprovazione. Non ci sono stati fischi o contestazioni”.

Haber, fatte le dovute scuse, non vuole passare per un “vecchio allupato”, come lo ha definito il cronista della testata svizzera. “Un giornalista mi ha messo in mezzo – tuona l’attore –, ma non sta né in cielo né in terra. Io non ho fatto niente. Sono una persona pulita, leale, generosa. È come se ti arrivasse un vaso in testa mentre passeggi per strada. Dalla descrizione di quel giornale sembra che sul palco ci fosse un bruto”.

Haber smentisce categoricamente le critiche che gli sono piombate addosso e si dice addolorato e turbato per le notizie diffuse sul suo conto. “Le donne – racconta Haber – sono il motore della vita, figuriamoci. Se uno si cerca un’avventura non si espone così, se fai il buffone e giochi in questo modo hai perso mille punti. Le sappiamo le tattiche per la conquista, tutta roba da appartati. È stata solo una battuta fondata sull’equivoco. Con tutte le robe invereconde che senti in televisione scandalizzarsi per questo è assurdo”.

Le reazioni sul palco e dalla sala sono visibili sull’account Instagram di Castellinaria.

##Alessandro Haber#castellinaria#

Un post condiviso da Castellinaria Film Festival (@castellinariafestival) in data: