Angelina Jolie sotto choc, ma intanto sorride

Nonostante si faccia fotografare felice e sorridente accanto ai figli sembra che alla Jolie non sia andata proprio giù la decisione dell’ex marito di partecipare al compleanno di Jennifer Aniston

Nuovo dramma per Angelina Jolie. Le foto di Brad Pitt, sorpreso a entrare al Tower Hotel di Hollywood la sera del cinquantesimo compleanno di Jennifer Aniston, hanno fatto il giro del mondo scatenando non solo la curiosità dei mass media, ma anche e soprattutto la gioia dei fan dei due attori che da sempre sperano in un loro possibile riavvicinamento.

Non è invece dello stesso avviso Angie, rimasta sotto shock dopo aver appreso la notizia. Una fonte vicina all’attrice ha infatti rivelato in esclusiva a HollywoodLife che la Jolie, sebbene fosse al corrente che i due avessero ripreso a sentirsi, sia rimasta particolarmente colpita dalla scelta di Brad di prendere parte a quell’evento. Sempre secondo l’insider starebbe comunque cercando di farsene una ragione proprio perché consapevole di non poter cambiare in alcun modo le cose.

Forse per mettere a tacere le malelingue che la vorrebbero chiusa in casa a piangere e disperarsi, domenica scorsa la splendida quarantatreenne si è mostrata davanti all’obiettivo dei paparazzi più radiosa che mai mentre, mano nella mano con la figlia Vivienne, entrava in un negozio di Los Angeles a fare spese. Gli sguardi complici e i sorrisi che madre e figlia si sono scambiate durante quella passeggiata paiono dunque aver fugato ogni dubbio: Angie sta benissimo e non porta alcun rancore nei confronti dell’ex. Almeno per il momento non è dato sapere se si tratti soltanto di una strategica messinscena per non darla vinta all'acerrima nemica Aniston; quello che sappiamo per certo è che Angelina è apparsa più in forma che mai e anche con qualche chilo in più rispetto al passato.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.